SAZERAC

sazerac

Ricetta
1 ¾ oz | 5 cl | Cognac
¾ oz | 2 cl | Assenzio
1 | Zolletta di zucchero
1 dashes | Peychaud’s Bitters

Preparazione
Riempire un tumbler basso di ghiaccio. In un mixing glass mettere la zolletta di zucchero bagnata di Peychaud’s Bitters, il Cognac e sciogliere tutto con il pestello. Aggiungere quindi il ghiaccio e miscelare gli ingredienti con il cucchiaino da bar (bar spoon). Togliere il ghiaccio dal tumbler, bagnarlo all’interno con l’assenzio e gettarlo. Con lo strainer filtrare il cocktail e concludere passando una scorza di limone sul bordo del bicchiere.
Da provare anche nella variante con Rye Whiskey o mista Rye-Cognac.

Storia
Il Sazerac nasce nel 1830, ma non come cocktail, bensì come un rimedio medico, ricostituente e digestivo, non a caso creato da un farmacista erborista creolo, originario di Haiti, stabilitosi alla fine del 1700 a New Orleans: un certo Antoine Amedee Peychaud, creatore anche dell’omonimo Bitter Peychaud.

Il virtuoso speziale inventore di tonici, amari e pozioni era solito utilizzarlo come rimedio curativo della digestione e ricostituente per i suoi pazienti, miscelandolo semplicemente con ottimo Cognac, zucchero e una scorza di limone.

Nel 1853 il cocktail ha la sua ufficiale consacrazione quando un tale Sewell T. Taylor iniziò a servire nel proprio locale un cocktail a base di cognac e assenzio, con il nome di Sazerac cocktail, in onore di una nota marca di cognac di cui era rivenditore: la “Sazerac-du-Forge et Fils”.

Nel 1870 il gestore del bar divenne un certo Thomas Handy, che decise di sostituire il cognac, l’ingrediente principale del Sazerac, con il Rye Whisky. Questa scelta potrebbe essere stata dettata dalla volontà di andare incontro ai gusti degli americani, oppure dall’esigenza di trovare una soluzione al problema legato alla calo della produzione del cognac a causa della fillossera.
Thomas Handy, che nel frattempo si era assicurato i diritti di produzione del bitter Peychaud e del nome del drink, arrivò a commercializzare il cocktail già pronto in bottiglia.

Nei primi del 900 fu vietata la produzione dell’assenzio in Francia ed in molti altri paesi Europei, per via dei presunti effetti allucinogeni.
Il prodotto fu sostituto con il Pastis o con l’Herbsaint , ma nonostante queste vicissitudini, ci fu una vera e propria esplosione della mania del Sazerac, con l’apertura di altri 2 bar da parte di Thomas Handy. Nel 1949 l’Hotel Roosevelt acquista i due bar e i diritti della ricetta, per aprire a sua volta un Sazerac Bar all’interno della sua hall.

 

Se vuoi approfondire le conoscenze sul mondo dei cocktail e sulla professione del barman e della barlady, FPU Barman Academy ente di formazione accreditato dalla Regione Lazio, propone un corso ad hoc: il corso da Barman e Barlady.

ULTIME DAL BLOG

16Lug 2019
throwing

Il throwing è una tecnica di miscelazione che negli ultimi anni ha trovato larghi consensi tra i bartender di tutto il mondo, ma che ha origini molto antiche. Le popolazioni asiatiche la utilizzavano e la utilizzano ancora oggi per raffreddare il tè caldo. Anche in Spagna, questa tecnica era conosciuta ed utilizzata nel rituale del […]

12Lug 2019
boulevardier

Ricetta 1/3 | 3 cl | 1 oz bourbon whiskey 1/3 | 3 cl | 1 oz bitter Campari 1/3 | 3 cl | 1 oz vermouth rosso Guarnizione: scorza di aarancia Preparazione Versare tutti gli ingredienti nel mixing glass, precedentemente raffreddato. Aggiungere ghiaccio e mescolare per circa 10 secondi. Filtrare il contenuto del mixing […]

09Lug 2019
Varianti intriganti dello Spritz

Varianti intriganti dello Spritz Lo Spritz è senza dubbio il cocktail aperitivo italiano per antonomasia, facile da preparare e facile da bere. Si versano all’interno del calice da vino pieno di ghiaccio , Aperol o Campari , prosecco, una spruzzata di acqua gassata e il gioco è fatto!  Il nome Spritz, di origine austriaca, deriva infatti dal verbo “spritzen” che […]

05Lug 2019
Jim Beam

Jim Beam: in fiamme 45.000 barili di bourbon! Negli Stati Uniti e più precisamente a Versailles, nel Kentucky, un incendio ha distrutto un enorme magazzino di Jim Beam, mandando in fiamme 45.000 barili di bourbon. L’incendio è scoppiato intorno alle 23:30 locali di martedì 2 luglio. Chi o cosa possa aver provocato l’incendio è ancora […]

02Lug 2019
Sazerac

SAZERAC Ricetta 1 ¾ oz | 5 cl | Cognac ¾ oz | 2 cl | Assenzio 1 | Zolletta di zucchero 1 dashes | Peychaud’s Bitters Preparazione Riempire un tumbler basso di ghiaccio. In un mixing glass mettere la zolletta di zucchero bagnata di Peychaud’s Bitters, il Cognac e sciogliere tutto con il pestello. […]

29Giu 2019
hugo

HUGO  Ricetta La ricetta originale prevede: – 15 cl di prosecco – 2 cl di sciroppo di melissa – uno spruzzo di soda – foglie di menta Decorazione: una fetta di lime La ricetta più diffusa è quella con lo sciroppo di fiori di sambuco al posto dello sciroppo di melissa: – 6 cl (40%) […]

24Giu 2019
Tequila Sunrise

TEQUILA SUNRISE Ricetta 4,5 cl. di tequila 9 cl. di succo d’arancia 1,5 cl. di granatina Preparazione Versare la tequila ed il succo d’arancia in un bicchiere da long drink pieno di ghiaccio a cubetti. Mescolare, dopodichè versare lo sciroppo di granatina che andrà a depositarsi sul fondo del bicchiere. A questo punto mescolare delicatamente […]

22Giu 2019
ginger beer

Ginger Beer In Italia fino a qualche anno fa era praticamente sconosciuta, ma oggi non se ne può fare a meno. Molti lo hanno conosciuto ed hanno imparato ad apprezzarlo bevendo il Moscow Mule, probabilmente uno dei cocktail più di moda negli ultimi anni nonostante la ricetta sia stata concepita nel lontano 1947. Anche la […]

17Giu 2019
Quinta da Pacheca

Vacanze alternative? Ecco la soluzione che fa per voi! Non avete ancora prenotato per le vacanze estive e siete alla ricerca di qualcosa alternativo? Dormire in una grande botte di vino, circondato da un vigneto potrebbe essere la soluzione che fa per voi. Tra le rinomate colline del prosecco, a Vittorio Veneto, a pochi chilometri […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi