bicchiere da birra

Bicchieri da birra: come scegliere i bicchieri adatti per la birra artigianale

La birra è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione di mosto a base di malto d’orzo, aromatizzata e amaricata con luppolo.

Rientra sicuramente tra le bevande alcoliche più antiche e diffuse al mondo con tradizioni, regole di produzione, e di servizio, ben consolidate.

Analizzando il mercato dell’Unione Europea scopriamo che sono attivi 8.490 birrifici. In testa troviamo, il Regno Unito con 2.250 aziende; seguito dalla Germania e dalla Francia. L’Italia si attesta al quarto posto con ben 757 birrifici che producono 14,5 milioni di ettolitri (decima produzione per la quantità di birra prodotta).

Molto attivi in Italia anche i produttori di birra artigianale. Il concetto di birra artigianale in Italia è diventato di pubblico dominio da circa una decina d’anni. Secondo la legge italiana, quindi, può essere definita birra artigianale solo quella che rispetta tre criteri fondamentali:

  1. Non deve essere pastorizzata o microfiltrata.
  2. Deve essere prodotta da un birrificio indipendente.
  3. Il birrificio non deve eccedere una produzione di 200.000 hl annui.

Tradizioni antiche e leggi moderne che si fondono per tutelare la produzione della buona birra artigianale.

Ma una volta prodotta una buona birra artigianale? Non basta infatti scegliere una buona birra, è altrettanto importante servirla nel giusto modo per riuscire a valorizzarne il gusto.

Come scegliere i bicchieri da birra

In base a che criteri bisogna scegliere il bicchiere da birra per servirla nel modo ottimale? E’ importante fare riferimento allo stile della birra e non a macro famiglia, provenienza geografica o tipologia di fermentazione.

E’ anche vero che, nel dubbio, è possibile scegliere bicchieri universali in grado di adattarsi molto bene a tutte le tipologie di birra. Come ad esempio il TeKu, un bicchiere tecnico da degustazione perfetto per scomporre il bouquet e percepire al meglio ogni singolo profumo. Venne ideato da Teo Musso e Lorenzo Dabove ed è stato anche il primo esempio di bicchiere studiato per essere utilizzato universalmente per la birra artigianale.

Bicchieri da birra col marchio

Molti birrifici hanno prodotto dei bicchieri da birra personalizzati. Oltre ad essere stati ideati specificatamente per un preciso tipo di birra, sono diventanti anche un importante mezzo di pubblicità per il brand.

Il bicchiere scelto per il servizio della birra non è però solo un’operazione di marketing o un fattore puramente estetico. Si tratta di una scelta fondamentale per esaltare al massimo le caratteristiche organolettiche della birra pronta per essere servita.

Prima ancora di capire come servire la birra occorre, dunque, scegliere i bicchieri da birra corretti, tutto il resto andrà di conseguenza. Il bicchiere, grazie ad una specifica forma, larghezza dell’imbocco e di ogni curva, sarà i grado di esaltere l’aspetto organolettico e permetterà alla schiuma di svilupparsi correttamente.

Scegliere il bicchiere da birra a seconda del paese

Abbiamo dunque imparato che ogni birra richiede il suo bicchiere. Vediamo insieme quale bicchiere scegliere in base al paese di provenienza della birra stessa.

Le birre anglo americane richiedono:

  • La Pinta Imperiale (Nonic) da 56cl: E’ tipica del mercato inglese, con la classica sporgenza verso la parte alta. Sono bicchieri ideati per essere impilati con facilità ed essere comodi alla presa quando si beve in piedi. E’ il bicchiere alternativo per Bitter, Mild, Brown Ale e buona parte delle altre birre inglesi.
  • La Pinta Americana (Shaker) da 47cl: Si sceglie questo bicchiere per le birre caratterizzate dai luppoli nordamericani. Si adatta molto bene anche alle varie tipologie britanniche, come Bitter, Golden e Pale Ale.
  • Il Balloon, il bicchiere da Cognac o Brandy, si adatta alla perfezione per birre da meditazione come Barley Wine e Russian Imperial Stout, in cui la componente alcolica è importante e il bouquet, che gioca sull’ossidazione, è esaltato dalla forma “a chiudere” di questo bicchiere.

Le birre belghe:

  • Il Tulipano: permette una buona formazione della schiuma ed esalta gli aspetti aromatici dei lieviti e dei luppoli tipici delle Ales belghe.
  • Il Tumbler: ha un fondo spesso e robusto ed è utilizzato per le fermentazioni spontanee, Lambic e Gueuze. Nella versione più bassa e larga è, invece, il classico bicchiere per le birre ad alta fermentazione con frumento non maltato, le Wit o Blanche che dir si voglia.
  • La Coppa: perfetto per le Dubbel e le Quadrupel, birre con una base di malti tostati con un’alcolicità media o alta. È il bicchiere da birra utilizzato dai monaci trappisti.

I bicchieri per le birre mitteleuropee:

  • Calice: da scegliere in caso di Pils e Helles. E’ infatti in grado di esaltarne la formazione e la tenuta del cappello di schiuma e i profumi erbacei dei luppoli nativi della Germania e del malto d’orzo detto Pils che sta alla base di queste birre.
  • Weizenbecker: si tratta di un bicchiere adatto alle birre con alte percentuali di malto di frumento. Non è invede adatto alle Lager. Aiuta il bouquet fruttato tipico del lievito usato per queste birre ed è perfetto per accogliere la giusta qantità di schiuma.
  • Boccale tedesco: E’ un bicchiere da 50cl, è piuttosto spesso in modo da garantire la tenuta della temperatura. Anche il manico è funzionale e serve ad evitare di scaldare la birra con le mani mentre la si gusta. Molto particolare la sua versione in ceramica, spesso utilizzata per i locali all’aperto.
  • Altglass: è forse il meno conosciuto e più di nicchia. Ha una forma di cilindro stretto e alto e si usa per le birre prodotte a Düsseldorf (le Alt) o per le birre della non lontana città di Colonia (Kölsch).

bicchieri da birra

 

ULTIME DAL BLOG

18Feb 2020
Jameson Caskmates Ipa

Jameson Irish Whiskey annuncia il lancio del Jameson Caskmates IPA Edition, il primo whiskey invecchiato in botti di birra IPA artigianale. Il Jameson Caskmates IPA  è infatti un Irish blended whiskey maturato in classiche botti ex-bourbon e fatto affinare in botti ex-birra IPA provenienti dal birrificio. Nasce dalla collaborazione tra il Master of Whiskey Science David […]

14Feb 2020
vino ed effetti dell'alcol

Vino: cosa succede a chi ne beve troppo? Ce lo dice la scienza. Bevendo gli uomini migliorano:fanno buoni affari,vincono le cause,son felicie sostengono gli amici. Aristofane (450 a.C. – 388 a.C.) Tante buone ragioni per brindare con un buon bicchiere di vino! Scherzi a parte, dal 400 avanti Cristo ad oggi di strada ne è […]

07Feb 2020
bicchiere d'acqua prima o dopo il caffè?

Bicchiere d’acqua col caffè, è giusto berlo? E, in caso positivo, va bevuto prima o dopo? In molti bar il caffè viene servito accompagnato da un bicchierino d’acqua. Ci si chiede se è prassi corretta e, in caso, come vadano consumate le due bevande. Partiamo subito con una precisazione: escludiamo dal discorso i caffè orrendi […]

04Feb 2020
forno ottavi roma

A Roma rinasce lo storico Forno Ottavi, un panificio antico di cento anni che ha saputo rinnovarsi prendendo spunto dal passato e guardando al futuro. Un posto della tradizione dove la cosa più importante è la bontà dei prodotti sfornati freschi ogni giorno. Il resto è contorno, semplice ma curatissimo al punto da esser riuscito […]

31Gen 2020
i cocktail di tendenza del 2020

«Volevo assaggiare questo nuovo drink. È tutto quello che facciamo, no? Guardare cose e assaggiare nuovi drink», Ernest Hemingway in Colline come elefanti bianchi. I cocktail di tendenza nel 2020, scopriamo insieme le novità da assaporare! E’ davvero difficile resistere alla tentazione di assaggiare cocktail sempre nuovi. Ci stuzzicano con i loro sapori, con la […]

28Gen 2020
Red Bull Zero senza aspartame

Red Bull è una bevanda energetica prodotta dalla compagnia austriaca omonima Red Bull GmbH di Salisburgo. Quando nel 1984 Dietrich Mateschitz, fondatore dell’azienda, ideò la Red Bull lo fece traendo ispirazione da alcuni prodotti asiatici già presenti sul mercato. Decide dunque di portare anche sul mercato europeo qualcosa di simile e fonda la Red Bull GmbH. Alla fine del 2018, Red […]

23Gen 2020
caffè amaro e psicopatia

Caffè amaro e psicopatia: c’è davvero una correlazione? Fatto curioso o verità? Notizia virale alla ricerca di click o scienza? La verità è che esiste davvero uno studio austriaco che dimostra l’esistenza di un legame tra bere caffè amaro e l’essere narcisisti o addirittura psicopatici. Il caffè è una bevanda amatissima in tutto il mondo, […]

21Gen 2020
cicchetto tascabile the glenvit whisky

Cicchetto tascabile, arriva il Whisky in capsula da portare con sé. Arriva in soccorso di tutti quelli che odiano il freddo e cercano qualcosa di buono con cui riscaldarsi lo spirito. La distilleria The Glenlivet ha realizzato capsule contenenti ben tre varietà di cocktail con alla base il famoso whisky Founder’s Reserve. Un assaggio di un buon liquore sempre a […]

16Gen 2020
Cocktail più costoso al Mondo, un Negroni da 6200 euro

Il cocktail più costoso al mondo è un Negroni da 6200 €. Si chiama Salvatore’s Legacy in onore del suo creatore Salvatore Calabrese  ed è riuscito a battere il record prima detenuto dallo Skyview Bar di Dubai (circa 4mila euro). Il cocktail più costoso al mondo è un Negroni Un Negroni da 6.200 euro (5.500 sterline)… Sono convinta […]

WhatsApp chat

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi