bicchiere da birra

Bicchieri da birra: come scegliere i bicchieri adatti per la birra artigianale

La birra è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione di mosto a base di malto d’orzo, aromatizzata e amaricata con luppolo.

Rientra sicuramente tra le bevande alcoliche più antiche e diffuse al mondo con tradizioni, regole di produzione, e di servizio, ben consolidate.

Analizzando il mercato dell’Unione Europea scopriamo che sono attivi 8.490 birrifici. In testa troviamo, il Regno Unito con 2.250 aziende; seguito dalla Germania e dalla Francia. L’Italia si attesta al quarto posto con ben 757 birrifici che producono 14,5 milioni di ettolitri (decima produzione per la quantità di birra prodotta).

Molto attivi in Italia anche i produttori di birra artigianale. Il concetto di birra artigianale in Italia è diventato di pubblico dominio da circa una decina d’anni. Secondo la legge italiana, quindi, può essere definita birra artigianale solo quella che rispetta tre criteri fondamentali:

  1. Non deve essere pastorizzata o microfiltrata.
  2. Deve essere prodotta da un birrificio indipendente.
  3. Il birrificio non deve eccedere una produzione di 200.000 hl annui.

Tradizioni antiche e leggi moderne che si fondono per tutelare la produzione della buona birra artigianale.

Ma una volta prodotta una buona birra artigianale? Non basta infatti scegliere una buona birra, è altrettanto importante servirla nel giusto modo per riuscire a valorizzarne il gusto.

Come scegliere i bicchieri da birra

In base a che criteri bisogna scegliere il bicchiere da birra per servirla nel modo ottimale? E’ importante fare riferimento allo stile della birra e non a macro famiglia, provenienza geografica o tipologia di fermentazione.

E’ anche vero che, nel dubbio, è possibile scegliere bicchieri universali in grado di adattarsi molto bene a tutte le tipologie di birra. Come ad esempio il TeKu, un bicchiere tecnico da degustazione perfetto per scomporre il bouquet e percepire al meglio ogni singolo profumo. Venne ideato da Teo Musso e Lorenzo Dabove ed è stato anche il primo esempio di bicchiere studiato per essere utilizzato universalmente per la birra artigianale.

Bicchieri da birra col marchio

Molti birrifici hanno prodotto dei bicchieri da birra personalizzati. Oltre ad essere stati ideati specificatamente per un preciso tipo di birra, sono diventanti anche un importante mezzo di pubblicità per il brand.

Il bicchiere scelto per il servizio della birra non è però solo un’operazione di marketing o un fattore puramente estetico. Si tratta di una scelta fondamentale per esaltare al massimo le caratteristiche organolettiche della birra pronta per essere servita.

Prima ancora di capire come servire la birra occorre, dunque, scegliere i bicchieri da birra corretti, tutto il resto andrà di conseguenza. Il bicchiere, grazie ad una specifica forma, larghezza dell’imbocco e di ogni curva, sarà i grado di esaltere l’aspetto organolettico e permetterà alla schiuma di svilupparsi correttamente.

Scegliere il bicchiere da birra a seconda del paese

Abbiamo dunque imparato che ogni birra richiede il suo bicchiere. Vediamo insieme quale bicchiere scegliere in base al paese di provenienza della birra stessa.

Le birre anglo americane richiedono:

  • La Pinta Imperiale (Nonic) da 56cl: E’ tipica del mercato inglese, con la classica sporgenza verso la parte alta. Sono bicchieri ideati per essere impilati con facilità ed essere comodi alla presa quando si beve in piedi. E’ il bicchiere alternativo per Bitter, Mild, Brown Ale e buona parte delle altre birre inglesi.
  • La Pinta Americana (Shaker) da 47cl: Si sceglie questo bicchiere per le birre caratterizzate dai luppoli nordamericani. Si adatta molto bene anche alle varie tipologie britanniche, come Bitter, Golden e Pale Ale.
  • Il Balloon, il bicchiere da Cognac o Brandy, si adatta alla perfezione per birre da meditazione come Barley Wine e Russian Imperial Stout, in cui la componente alcolica è importante e il bouquet, che gioca sull’ossidazione, è esaltato dalla forma “a chiudere” di questo bicchiere.

Le birre belghe:

  • Il Tulipano: permette una buona formazione della schiuma ed esalta gli aspetti aromatici dei lieviti e dei luppoli tipici delle Ales belghe.
  • Il Tumbler: ha un fondo spesso e robusto ed è utilizzato per le fermentazioni spontanee, Lambic e Gueuze. Nella versione più bassa e larga è, invece, il classico bicchiere per le birre ad alta fermentazione con frumento non maltato, le Wit o Blanche che dir si voglia.
  • La Coppa: perfetto per le Dubbel e le Quadrupel, birre con una base di malti tostati con un’alcolicità media o alta. È il bicchiere da birra utilizzato dai monaci trappisti.

I bicchieri per le birre mitteleuropee:

  • Calice: da scegliere in caso di Pils e Helles. E’ infatti in grado di esaltarne la formazione e la tenuta del cappello di schiuma e i profumi erbacei dei luppoli nativi della Germania e del malto d’orzo detto Pils che sta alla base di queste birre.
  • Weizenbecker: si tratta di un bicchiere adatto alle birre con alte percentuali di malto di frumento. Non è invede adatto alle Lager. Aiuta il bouquet fruttato tipico del lievito usato per queste birre ed è perfetto per accogliere la giusta qantità di schiuma.
  • Boccale tedesco: E’ un bicchiere da 50cl, è piuttosto spesso in modo da garantire la tenuta della temperatura. Anche il manico è funzionale e serve ad evitare di scaldare la birra con le mani mentre la si gusta. Molto particolare la sua versione in ceramica, spesso utilizzata per i locali all’aperto.
  • Altglass: è forse il meno conosciuto e più di nicchia. Ha una forma di cilindro stretto e alto e si usa per le birre prodotte a Düsseldorf (le Alt) o per le birre della non lontana città di Colonia (Kölsch).

bicchieri da birra

 

ULTIME DAL BLOG

24Mag 2019
Jägermeister Slayer

Jägermeister Slayer la limited edition per celebrare l’ultimo tour della band statunitense. Jägermeister lancia una bottiglia in edizione limitata in onore degli Slayer per il loro ultimo tour e della loro prossima esibizione al Download Festival UK, il 16 giugno. Il liquore amaro tedesco, nasce dall’infusione di 56 varietà di pregiate erbe, radici, frutti e […]

20Mag 2019
quanti caffè devi bere in un solo giorno per morire

Quando si pronuncia la parola caffè, viene in mente subito l’Italia perchè è prorpio in Italia che il caffè, con l’espresso, ha trovato la sua massima e migliore espressione. Noi italiani siamo, da sempre, grandi consumatori di caffè, ma a quanto pare l’Italia non è il paese dove si beve più caffè nel mondo. Ecco […]

17Mag 2019
long island ice tea

Il Long Island Ice Tea era molto di moda nell’America degli anni 90 in piena epoca Grunge, soprattutto tra gli adolescenti, che grazie al colore simile a quello del da tè freddo, riuscivano ed eludere il divieto di bere bevande alcoliche. Ricetta ½ oz | 1,5 cl | Vodka ½ oz | 1,5 cl | […]

14Mag 2019
gin tonic

Bere Gin Tonic può aiutarti a bruciare calorie: alcuni studi lo dimostrano E chi l’avrebbe mai detto! Sembra incredibile dal momento che stiamo parlando di Gin Tonic e quindi di una bevanda alcolica, ma secondo gli scienziati gli effetti del gin sono ottimi per il metabolismo, naturalmente, se usato con cautela, senza abusarne. L’esperimento è […]

11Mag 2019
Spritz

Lo Spritz è senza dubbio il cocktail aperitivo italiano più amato, tuttavia le origini di questo cocktail sono piuttosto incerte. Alcuni affermano che risalga agli anni precedenti l’Unità d’Italia per opera dei soldati austriaci nel Triveneto, altri sostengono  che sia nato intorno al 1917 nelle zone intorno al Piave durante la Prima Guerra Mondiale. Il nome […]

06Mag 2019
cocktail aperitivi

Cocktail aperitivi, quali sono i più richiesti? L’aperitivo è un momento magico, irrinunciabile, da condividere con gli amici in qualsiasi stagione o periodo dell’anno. Bicchiere in mano, appetizer e tartine sorseggiando il drink preferito. Ma quali sono i cocktail aperitivi più richiesti? Scopriamolo! Lo Spritz è sicuramente un must per tutti gli amanti dei cocktail […]

02Mag 2019
bicchiere da birra

Bicchieri da birra: come scegliere i bicchieri adatti per la birra artigianale La birra è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione di mosto a base di malto d’orzo, aromatizzata e amaricata con luppolo. Rientra sicuramente tra le bevande alcoliche più antiche e diffuse al mondo con tradizioni, regole di produzione, e di servizio, ben consolidate. Analizzando il mercato dell’Unione Europea scopriamo che sono attivi 8.490 […]

29Apr 2019
caffè, tutti i benefici

Il caffè è una bevanda ottenuta dalla macinazione dei semi di alcune specie di piccoli alberi tropicali appartenenti al genere Coffea, parte della famiglia botanica delle Rubiacee, un gruppo di angiosperme che comprende oltre 600 generi e 13.500 specie. Qahwa nella lingua araba significa ‘eccitante’. Il nome venne scelto dai mercanti che, intorno all’anno mille, riportarono dall’Africa i preziosi chicchi. In turco venne chiamato kahve e diventò il caffè commerciato dai mercanti veneziani all’inizio del 17° secolo […]

25Apr 2019
club derriere Roma

Club Derrière a Roma presenta una nuova Cocktail list. La recente moda degli speakaesy bar trova uno dei suoi migliori esempi a Roma, al Club Derrière. Il locale è ben nascosto, proprio come si faceva in epoca del proibizionismo. Nonostante questo è però, come era prevedibile, sulla bocca di tutti. Si trova nascosto tra Piazza Navona e […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi