Whisky Giapponese. Non è tutto oro quel che luccica.

whisky giopponese
whisky giapponese
whisky giapponese

Il whisky giapponese è diventato un fenomeno globale, tuttavia alcuni di quelli che si definiscono “whisky giapponese” in realtà non lo sono e non sono nemmeno whisky.

Inizialmente ci fu la rimozione delle dichiarazioni di età dalla gamma di Nikka, successivamente il recente ritiro di Hakushu di 12 anni e di Hibiki 17 in seguito alla mancanza di scorte di whisky maturo.

Cerchi Lavoro? Diventa un Bartender Professionista

Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corsi Professionali Certificati. Attestato Riconosciuto. Inserimento nel Mondo del Lavoro al Termine del Corso.

L’industria nazionale giapponese è andata in grave declino a metà degli anni ’80.

Paradossalmente nuovi marchi giapponesi di distillatori e imbottigliatori precedentemente sconosciuti sono apparsi sul mercato.

Il perchè di questo paradosso sta nelle regolamentazioni un po’ blande del Giappone sul whisky, che consente alle miscele di whisky importato e domestico di essere vendute come “giapponesi” e consente di utilizzare il “whisky” come termine per uno spirito prodotto con il 10% di whisky miscelato con qualsiasi spirito neutrale. Sebbene questo spirito non possa essere esportato, i produttori possono imbottigliare lo spirito importato al 100% e venderlo globalmente come “giapponese”.

In un’altra scappatoia, il riso invecchiato e il shochu d’orzo distillati in alambicchi di acciaio inossidabile possono essere legalmente venduti come “whisky” nel mercato statunitense. Ironia della sorte, questo sarebbe illegale in Giappone e nell’Unione europea perché il shochu (come il sake) usa il koji per convertire gli amidi in zuccheri. Negli Stati Uniti, tuttavia, il shochu può essere etichettato come whisky purché sia ​​a base di cereali e maturato in rovere.

“La realtà è che non esiste una chiara definizione di whiskey giapponese applicabile a tutti i paesi e il significato di questa parola è quindi diventato piuttosto ampio e vago”. La situazione che vediamo oggi è l’aumento di molti produttori che stanno cercando di trovare una scappatoia per trarre beneficio dalla richiesta da parte dei consumatori di whisky giapponese. Pensiamo che questo sia molto dannoso per la categoria” ha affermato Emiko Kaji, responsabile dello sviluppo del business internazionale di whisky presso l’azienda Nikka.

Stefan Van Eycken, editore di Nonjatta (www.nonjatta.com), la principale risorsa online su whisky giapponese ritiene che l’emergere di nuovi marchi non sia un problema in Giappone, ma crede che possa potenzialmente danneggiare l’immagine del whisky giapponese all’estero.

“Non passa una settimana senza che gente del settore da qualche parte in tutto il mondo mi chieda di certi” whisky giapponesi “che i distributori offrono loro in vendita”, ha affermato. Anche loro stanno avendo difficoltà a distinguere tra ciò che potremmo classificare come vero whisky giapponese e questi whisky “bastardi”.”

Mentre nessuno dei nuovi marchi sta tecnicamente facendo qualcosa di illegale, tutti i principali e affermati produttori concordano sul fatto che i consumatori sono confusi e, nel peggiore dei casi, vengono ingannati.

Concordano anche sul fatto che ciò avrà un effetto dannoso sull’immagine del whisky giapponese, un punto sollevato da Yumi Yoshikawa ambasciatore del marchio Venture Whiskey Ltd., la società fondata dal creatore di Chichibu Ichiro Akuto .

Dopo aver affinato il suo interesse per il whisky in Giappone e dietro al bar dell’Highlander Pub a Speyside, Yumi ha continuato a lavorare per promuovere i whisky dal suo paese d’origine. “Pensiamo che questi nuovi marchi potrebbero danneggiare il buon nome del whisky giapponese”, afferma. ‘Siamo davvero preoccupati per la confusione che si traduce in una perdita della credibilità della categoria.’

Mentre esiste un consenso tra i produttori affermati sul fatto che la situazione attuale sia potenzialmente dannosa, la situazione non può cambiare a causa della mancanza di regolamenti. Tutti concordano sulla necessità di una definizione completa del whisky giapponese e di un nuovo quadro normativo.

Il Master Blender di Suntory, Shinji Fukuyo, dice “pensiamo fondamentalmente che il termine” whisky giapponese “debba essere applicato a uno spirito invecchiato che è stato prodotto solo in Giappone”.

Van Eycken non è ottimista sulla rapida risoluzione del problema. “Ci sono troppi produttori là fuori con un interesse personale a non avere questi regolamenti”, dice.

Se la situazione attuale non viene risolta rapidamente, continuerà ad apparire un numero crescente di whisky surrogati e l’immagine di qualità del whisky giapponese creata con cura potrebbe essere irreparabilmente danneggiata.

Cerchi Lavoro? Diventa un Bartender Professionista

Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corsi Professionali Certificati. Attestato Riconosciuto. Inserimento nel Mondo del Lavoro al Termine del Corso.

FacebookInstagramYouTube