Moscow Mule: cosa si nasconde dentro quella tazza di rame?

moscow-mule

Il Moscow Mule è uno dei cocktail più in voga negli ultimi anni, anche se nasce nel lontano 1947.

Una straordinaria storia di successo di tre imprenditori americani che si erano riuniti appositamente per pianificare una strategia di marketing che rilanciasse alcuni prodotti in grossa difficoltà sul mercato americano.

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio.

I tre uomini si incontrarono al Chatham Hotel di New York. Si trattava di Rudolf Kunett, proprietario della vodka Smirnoff che stentava a prendere piede in America; Jack Morgan, proprietario di un noto ristorante a Los Angeles e, a capo della Cock and Bull Products che produceva anche la ginger beer; John Martin, responsabile di un grosso distributore di alcolici.

Da questo incontro nacque il Moscow Mule, un cocktail a base di vodka, ginger beer e succo di lime.

Il successo fu immediato e supportato anche da una serie di feste nel ristorante di Los Angeles di Jack Morgan, molto fotografate e pubblicizzate. Gli ospiti facevano a gara per farsi fotografare con il bicchiere di rame in mano e finire sui giornali che non parlavano d’altro.

Un fattore che ha contribuito in modo determinante al successo del drink è sicuramente il servizio nelle tazze di rame, altro curioso escamotage ideato dallo stesso Martin. Le tazze, infatti, erano uno stock di magazzino invenduto di un amica di Morgan, che aveva un’azienda di oggetti di rame.

Un’ altra versione sulla nascita del drink sostiene che fu il barman del Cock ‘n Bull di Hollywood a realizzarlo per la prima volta, come modifica di un drink chiamato Mamie Taylor, composto da Blended Scotch Whisky, ginger beer e lime.

A metà degli anni ’50 a Palm Spring cominciarono a guarnire il drink con cetriolo: il motivo è sicuramente il fatto che il Moscow Mule è un classico cocktail rinfrescante, e tutt’ora tale pratica è ancora in voga.

Probabilmente è dovuto a un barman del Savoy di Londra, l’inserimento nel drink di un rametto di menta come decorazione, anch’essa aggiunta in seguito rispetto alla ricetta originale.

Ricetta
– 4,5 cl di vodka
– 1,5 cl di succo di lime,
– 12 cl di ginger beer

Preparazione
Versare tutti gli ingredienti in una tazza di rame piena di ghiaccio. Mescolare e guarnire con una fettina di lime.  Se vi piace potete aggiungere, una scorsa di cetriolo, un rametto di menta e delle fettine di zenzero.
Se vi piace il gin potete metterlo al posto della vodka e farete un Gin Mule o London Mule

Se vuoi approfondire le conoscenze sul mondo dei cocktail e sulla professione del barman e della barlady, FPU Barman Academy ente di formazione accreditato dalla Regione Lazio, propone un corso ad hoc: il corso da Barman e Barlady.

Cerchi Lavoro? Diventa un Bartender Professionista

Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corsi Professionali Certificati. Attestato Riconosciuto. Inserimento nel Mondo del Lavoro al Termine del Corso.

FacebookInstagramYouTube