BLOODY MARY

BLOODY MARY

Bloody Mary

  • 1 e 1/2 oz Vodka
  • 3 oz Succo di pomodoro
  • 1/2 oz Succo di limone fresco
  • 2-3 dashes di Worchestershire Sauce
  • Tabasco
  • Sale/Sale di sedano
  • Pepe

Versare tutti gli ingredienti in un bicchiere “alto” con ghiaccio e miscelare delicatamente.

L’inventore del Bloody Mary fu il barman francese Fernand Petiot nel 1920, mentre lavorava al famoso Harry’s New York bar a Parigi.

Contrariamente a quello che si crede, il Bloody Mary non ha preso il nome da Maria I, meglio conosciuta come Maria “La Sanguinaria”, per via delle feroci repressioni perpetrate contro i protestanti nel XVI secolo. Il nome è stato dato da un cliente di Petiot, l’attore/cantante Roy Barton, in omaggio al locale Bucket of Bloody di Chicago, nel quale si era esibito più volte.
La prima versione del cocktail era semplicemente a base di succo di pomodoro e vodka.

Nel 1925 Petiot si trasferì negli Stati Uniti, più precisamente in Ohio. Nel 1933 cambiò nuovamente città e andò a vivere a New York. Trovò impiego al King Cole Bar del St. Regis Hotel e qui miscelò il drink per Serge Obolansky, presidente dell’albergo, il quale disse ”Mi sembra un po’ insipido”.
Quindi Fernand aggiunse sale, pepe, succo di limone e salsa Worcestershire, creando la versione moderna del drink.
Vincent Astor, proprietario dell’hotel giudicò che il nome del drink non fosse adeguato alla sua clientela, cosi il nome fu cambiato in Red Snapper, anche se la clientela, nonostante tutto, continuò a chiamarlo con il suo nome originale.

Considerato uno dei cocktail “del giorno dopo” per eccellenza, non aveva tra gli ingredienti il sedano, aggiunto solo in seguito da un barman dell’Ambassador Hotel di Chicago nel 1960, che notò come una cliente miscelasse il drink con un gambo di sedano e da allora diventò uno degli ingredienti indispensabili nella sua preparazione.

Il nome Red Snapper è comunque sopravvissuto e oggi indica la versione del drink con il gin al posto della vodka.

Una delle più famose varianti del Bloody Mary è nata in Canada dove oggi è molto più richiesta del Bloody Mary stesso ed è il Bloody Ceaser o semplicemente Caesar inventato nel 1969 dal barman Walter Chell all’Owl’s Nest bar di Calgary, per accompagnare l’apertura di un nuovo ristorante. Questa ricetta sostituisce il succo di pomodoro del Bloody Mary con succo di clamato (vongole e succo di pomodoro). Gli altri ingredienti sono gli stessi. Altre varianti prevedono, la sostituzione della vodka con la birra messicana (Chelada), il sake (Bloody Geisha), il whiskey americano (Brown Mary), la tequila (Bloody Rita), il rum scuro (Bloody Pirate) o lo sharry (Bloody Bishop).

Se vuoi approfondire le conoscenze sul mondo dei cocktail e sulla professione del barman e della barlady, FPU Barman Academy ente di formazione accreditato dalla Regione Lazio, propone un corso ad hoc: il corso da Barman e Barlady.

ULTIME DAL BLOG

17Giu 2019
Quinta da Pacheca

Vacanze alternative? Ecco la soluzione che fa per voi! Non avete ancora prenotato per le vacanze estive e siete alla ricerca di qualcosa alternativo? Dormire in una grande botte di vino, circondato da un vigneto potrebbe essere la soluzione che fa per voi. Tra le rinomate colline del prosecco, a Vittorio Veneto, a pochi chilometri […]

15Giu 2019
midori

Midori…o si odia o si ama! Nell’era della mixology, per un bartender avere una bottiglia di Midori nella bottigliera alle proprie spalle o nello speed rack, non è sicuramente motivo di vanto. Un segno indelebile degli anni ’80 e ’90 quando i cocktail avevano e colori sgargianti! Gli stessi anni in cui Tom Cruise interpretava, […]

12Giu 2019
pub per nudisti

Pub per nudisti? Bere una birra completamente nudi e vivere un’esperienza fuori dal comune? A Londra è possibile. Il The Coach and Horses uno dei più antichi pub di Londra ha ottenuto la licenza per il nudismo ed ora entrando nel locale, si potranno togliere tutti i vestiti, senza limitarsi solo al cappotto… Lo stravagante proprietario […]

10Giu 2019
bio-bottle

Bio Bottle Sant’Anna è la prima bottiglia al mondo prodotta con PLA, un particolare polimero che si ricava dalla fermentazione degli zuccheri contenuti nelle piante, biodegradabile al 100%, che in soli 80 giorni torna semplicemente a far parte della natura, come certifica la conformità alla norma EN13432. Inoltre questa innovativa bioplastica ottenuta da materie prime […]

06Giu 2019
anni 90

Anni 90: i cocktail che hanno segnato un’epoca. Oggigiorno, viviamo in un particolare momento storico segnato dall’avvento della mixology, dove molto spesso il cliente ne sa più del bartender e giustamente si lamenta se non c’è la giusta dose di ogni ingrediente nel cocktail. Facciamo i “fighi” chiedendo un Moscow Mule con lo zenzero fresco, […]

03Giu 2019
mipig cafè

Mipig Cafè: a Tokyo, il tè e il caffè si sorseggia coccolando piccoli maialini. Una volta c’erano i neko cafè, ovvero i locali all’interno dei quali i gatti potevano scorrazzare liberamente e prendersi le coccole dei clienti. Questa moda, divenuta famosa anche in Europa, era stata lanciata in Giappone che attualmente pullula di bar in […]

01Giu 2019

Canù è la prima cannuccia di pasta biologica, senza glutine, fatta di mais e riso, biodegradabile e soprattutto commestibile. Dal 2021, finalmente, la plastica monouso non esisterà più e molte aziende stanno lavorando per trovare soluzioni alternative. A concepire una soluzione alternativa per le cannucce ci ha pensato la Cooperativa Campo, azienda di Fossombrone nelle Marche nata nel […]

28Mag 2019
Sea-Breeze

Sea Breeze, un cocktail estivo, un long drink leggero a base di vodka, succo di cranberry e pompelmo fresco, facile da preparare e da bere. Ricetta 4 cl | 1 ¼ oz vodka 9 cl | 3 oz succo di cranberry 3 cl | 1 oz succo di pompelmo Preparazione Versare gli ingredienti in un […]

24Mag 2019
Jägermeister Slayer

Jägermeister Slayer la limited edition per celebrare l’ultimo tour della band statunitense. Jägermeister lancia una bottiglia in edizione limitata in onore degli Slayer per il loro ultimo tour e della loro prossima esibizione al Download Festival UK, il 16 giugno. Il liquore amaro tedesco, nasce dall’infusione di 56 varietà di pregiate erbe, radici, frutti e […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi