st. james bartender society

St. james bartender society arriva in Italia con una competizione dal tema “Green street art”. Mancano pochi giorni alla chiusura delle iscrizioni  e, se desideri metterti in gioco, devi affrettarti; il termine per l’iscrizione è infatti fissato per il prossimo 31 marzo. Il contest è davvero stimolante e sfida i bartender partecipanti a sfidarsi nella creazione di ricette originali a base del celebre rhum agricole della Martinica, importato e distribuito in Italia da Velier.

Molto interessante anche il premio messo in palio: un viaggio in Martinica per due persone!
Preparando una ricetta unica con il Rhum Agricole St. James, avrai la possibilità di andare alla finale che si terrà in aprile a Milano. Il vincitore italiano avrà il privilegio di partecipare alla finale europea che si svolgerà il 28 e il 29 a Parigi, dove si confronterà con i campioni di Francia, Grecia, Cipro, Belgio, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Libano e Vietnam.

St James Bartender Society: il regolamento

Come partecipare alla competizione St. James Bartender Society?
Per poter partecipare devi inviare la tua ricetta (entro il 31 marzo 2018) all’indirizzo e mail deborahmarengo@velier.it.  La ricetta presentata deve essere ispirata al tema Green street art: la street art incontra le aree green della città in una perfetta fusione tra arte della miscelazione, arte di strada e rispetto della natura. Oltre al tema, anche gli ingredienti utilizzati dovranno essere scelti tenendo a mente il criterio della sostenibilità. A questo punto, ti basterà attendere col fiato sospeso fino ai primi giorni di aprile, quando tra tutte le ricette, valutate da Venier, verranno selezionate le migliori dieci che accederanno alla finale italiana che si svolgerà il 12 aprile a Milano presso la Santeria Social Club.
Il vincitore assoluto avrà la possibilità di  competere nella finale europea. Potrà volare a Parigi il 28 & 29 Maggio e confrontarsi così con tutti gli altri finalisti cercando di aggiudicarsi il viaggio per due in Martinica. Ma non si tratterà solamente di un viaggio di piacere: durante la vacanza premio il vincitore avrà la possibilità di incontrare il Master Distillery Marc Sassier presso la mitica distilleria di St. James.
St. James Bartender Society
 

St James Bartender Society: la valutazione dei finalisti 

Fusione tra arte di strada e sostenibilità green: Le ricette ricevute verranno selezionate da Velier per assicurarsi che i drink presentati rispettino i criteri del tema assegnato dalla competizione: GREEN STREET ART che ambisce alla perfetta fusione tra arte di strada e totale rispetto della natura.
Selezione degli ingredienti: Un altro aspetto fondamentale per poter essere presi in considerazione coinvolge gli ingredienti da utilizzare. E’ espressamente richiesto che si faccia un’attenta selezione che dia il giusto peso alla sostenibilità degli ingredienti utilizzati.
Richiesto l’inglese o il francese: Il finalisti dovranno saper parlare inglese o francese, pena l’esclusione.
Preparazione: Una volta inviata la ricetta, tutti coloro che verranno selezionati per la semi finale, dovranno prepararla nuovamente, dal vivo, di fronte alla giuria giudicante.

St James Bartender Society: alcune informazioni tecniche

I cocktail dovranno essere long, short o medium (no shot), almeno 9 cl di capacità e si dovrà utilizzare uno dei Rhum Agricole della gamma St. James come ingrediente principale (Fleur De Canne Bianco, Fleur De Canne Vieux, Vieux e Vieux 1765).
I succhi: E’ richiesto l’utilizzo di almeno 2 cl di succo di frutta Caraibos. Non è ammesso l’utilizzo di altri succhi.
Gli ingredienti: E’ preferibile utilizzare erbe fresche o essiccate nelle creazione del cocktail. Non sono invece permessi ingredienti “home made” come bitters, salse, puree, composte, confetture o infusioni se preparati prima del giorno della competizione.
Le ricette: Le ricette dovranno rigorosamente essere originali ed inedite.
Le capacità: Dovranno essere espresse in cl. Fanno eccezione i bitters o simili che potranno essere espressi in dashes, drops, o gocce;
Preparazione durante la finale: I cocktail dovranno essere preparati di fronte alla giuria con tecnica libera. Il tempo a disposizione per la preparazione è di 7 minuti.  I concorrenti dovranno portare la propria attrezzatura. I i cocktail potranno essere presentati in bicchieri di qualsiasi forma e potranno essere portati dai concorrenti stessi. In alternativa si potranno utilizzare quelli standard messi a disposizione dall’organizzazione. Ogni concorrente dovrà preparare il proprio cocktail davanti alla giuria. Oltre alla preparazione dovrà anche descrivere la preparazione e rispondere ad eventuali domande da parte dei giurati. Non è prevista l’assegnazione di punteggio per la tecnica. Non sono ammessi appetizer o piatti di accompagnamento al drink stesso.
Decorazioni: Le decorazioni dovranno essere commestibili e in linea con il tema della competition: “GREEN STREET ART” I concorrenti avranno a disposizione 15 minuti per la preparazione delle decorazioni stesse prima di salire in pedana.

St James Bartender Society: il punteggio

Verranno assegnati punteggi diversi per ogni aspetto della preparazione e presentazione del cocktail.

  • Nome del cocktail 1/10  Il nome del cocktail deve essere semplice ma allo stesso tempo di impatto e avvincente.
  • Gusto e aroma 1/30 Il cocktail deve essere ben bilanciato e piacevole al palato.
  • Semplicità 1/10 Il drink deve essere facilmente replicabile, sia dal punto di vista degli ingredienti che nella realizzazione ( non sono ammesse tecniche sperimentali/molecolari )
  • Originalità 1/10 Il concorrente deve presentare un cocktail di sua creazione che abbia una forte identità e caratterizzazione.
  • Aspetto 1/20 L’aspetto finale del drink deve essere attraente, piacevole e invogliante. La decorazione non sarà giudicata fine a se stessa ma nell’insieme generale, si raccomandano quindi decorazioni semplici, non “monumentali”, e in proporzione al bicchiere che verrà impiegato.
  • Presentazione 1/20 Alla fine della preparazione il cocktail verrà presentato alla giuria, spiegando le motivazioni sulla scelta degli ingredienti, del nome e con una breve descrizione del drink stesso.
In ultimo, verrà assegnata una valutazione finale in 100/100

ULTIME DAL BLOG

17Giu 2019
Quinta da Pacheca

Vacanze alternative? Ecco la soluzione che fa per voi! Non avete ancora prenotato per le vacanze estive e siete alla ricerca di qualcosa alternativo? Dormire in una grande botte di vino, circondato da un vigneto potrebbe essere la soluzione che fa per voi. Tra le rinomate colline del prosecco, a Vittorio Veneto, a pochi chilometri […]

15Giu 2019
midori

Midori…o si odia o si ama! Nell’era della mixology, per un bartender avere una bottiglia di Midori nella bottigliera alle proprie spalle o nello speed rack, non è sicuramente motivo di vanto. Un segno indelebile degli anni ’80 e ’90 quando i cocktail avevano e colori sgargianti! Gli stessi anni in cui Tom Cruise interpretava, […]

12Giu 2019
pub per nudisti

Pub per nudisti? Bere una birra completamente nudi e vivere un’esperienza fuori dal comune? A Londra è possibile. Il The Coach and Horses uno dei più antichi pub di Londra ha ottenuto la licenza per il nudismo ed ora entrando nel locale, si potranno togliere tutti i vestiti, senza limitarsi solo al cappotto… Lo stravagante proprietario […]

10Giu 2019
bio-bottle

Bio Bottle Sant’Anna è la prima bottiglia al mondo prodotta con PLA, un particolare polimero che si ricava dalla fermentazione degli zuccheri contenuti nelle piante, biodegradabile al 100%, che in soli 80 giorni torna semplicemente a far parte della natura, come certifica la conformità alla norma EN13432. Inoltre questa innovativa bioplastica ottenuta da materie prime […]

06Giu 2019
anni 90

Anni 90: i cocktail che hanno segnato un’epoca. Oggigiorno, viviamo in un particolare momento storico segnato dall’avvento della mixology, dove molto spesso il cliente ne sa più del bartender e giustamente si lamenta se non c’è la giusta dose di ogni ingrediente nel cocktail. Facciamo i “fighi” chiedendo un Moscow Mule con lo zenzero fresco, […]

03Giu 2019
mipig cafè

Mipig Cafè: a Tokyo, il tè e il caffè si sorseggia coccolando piccoli maialini. Una volta c’erano i neko cafè, ovvero i locali all’interno dei quali i gatti potevano scorrazzare liberamente e prendersi le coccole dei clienti. Questa moda, divenuta famosa anche in Europa, era stata lanciata in Giappone che attualmente pullula di bar in […]

01Giu 2019

Canù è la prima cannuccia di pasta biologica, senza glutine, fatta di mais e riso, biodegradabile e soprattutto commestibile. Dal 2021, finalmente, la plastica monouso non esisterà più e molte aziende stanno lavorando per trovare soluzioni alternative. A concepire una soluzione alternativa per le cannucce ci ha pensato la Cooperativa Campo, azienda di Fossombrone nelle Marche nata nel […]

28Mag 2019
Sea-Breeze

Sea Breeze, un cocktail estivo, un long drink leggero a base di vodka, succo di cranberry e pompelmo fresco, facile da preparare e da bere. Ricetta 4 cl | 1 ¼ oz vodka 9 cl | 3 oz succo di cranberry 3 cl | 1 oz succo di pompelmo Preparazione Versare gli ingredienti in un […]

24Mag 2019
Jägermeister Slayer

Jägermeister Slayer la limited edition per celebrare l’ultimo tour della band statunitense. Jägermeister lancia una bottiglia in edizione limitata in onore degli Slayer per il loro ultimo tour e della loro prossima esibizione al Download Festival UK, il 16 giugno. Il liquore amaro tedesco, nasce dall’infusione di 56 varietà di pregiate erbe, radici, frutti e […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi