fbpx

Sidecar Cocktail
Brevi cenni storici: l’origine di questo drink non è certa. Di sicuro il primo a pubblicarne la ricetta è stato Harry McElhone, fondatore del bar Harry’s di Parigi negli anni’20. Qualcuno sostiene che avesse dedicato questo cocktail a un eccentrico capitano che entrò con tutto il suo sidecar nel bar guidato dal suo autista, ma anche su questo certezze non ve ne sono.

Ma parliamo di questo drink. La ricetta? Io non la so! Gli ingredienti? Chi parla di brandy, chi parla di Cognac, Cointreau e succo di limone. Il metodo di preparazione? Shake and Strain in cocktail glass. Le quantità? Bella domanda.

Corso Barman Certificato | Scuola Accreditata Regione Lazio

Corso Barman & Barlady Professionale. Attestato Riconosciuto per Lavorare in Tutto il Mondo. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

Harry Craddock, nel suo fantastico libro “The Savoy Cocktail book” (New York, 1930) scrive del Sidecar:

  • ¼ succo di limone
  • ¼ Cointreau
  • ½ Brandy

Analizzando questa ricetta espressa in decimali, si deduce che succo di limone e liquore all’arancia debbano venire inseriti nella stessa quantità. Potremmo tradurla in ml come segue: 50 ml brandy – 25 ml Cointreau – 25 ml succo di limone.

A parer mio è una maniera molto interessante di esprimere il bilanciamento tra parte “sweet” (Cointreau), parte “sour” (limone) e “kick” alcolico (Craddock parla genericamente di brandy).

Ma, come è ben noto a tutti, il palato e i gusti cambiano col tempo.

Nel ricettario I.B.A. (International Bartenders Association) del 2011 la formula permane simile, ma non si parla più di brandy, bensì di Cognac, e le dosi cambiano leggermente:

  • 50ml Cognac
  • 20ml Triple sec (discutibile)
  • 20ml succo di limone.

Anche qui, liquore e limone si equivalgono in quantità.

Tornando un po’ indietro nel tempo, agli inizi del nuovo millennio, il grande Dale DeGroff nel suo testo (assolutamente da consigliare) “The Craft of the Cocktail”, scrive su questo drink:

  • 1oz brandy
  • 1oz Cointreau
  • ¾ oz. succo di limone

e addirittura scrive: shake all ingredients with ice and strain into an iced old-fashioned glass. Garnish with a flamed orange peel. If served “up”, strain into a small cocktail glass with a sugared rim.

Attenzione! Qua cambiano un po’ di cose: liquore e distillato nella stessa quantità, e addirittura, riprendendo da un antesignano (molto gustoso) del Sidecar, il famoso Brandy Crusta, DeGroff parla di una bordatura di zucchero.

Molte altre ricette invece vedono un classico rapporto 5/3/2 tra brandy, liquore e succo.

Potrei citare innumerevoli esempi diversi su come realizzare questo drink…. ma perchè farlo? Ha realmente senso restringere un drink del genere a un mero rapporto numerico? Ognuno di noi può “disegnare” un Sidecar addosso ad ogni singolo cliente, conoscendone i gusti; chi beve più forte, chi beve più “sour” ecc.

Le ricette non sono dogmi: sono indicazioni. Certo, non posso stravolgere un Sidecar inserendo ad esempio succo di pompelmo al posto del limone, e continuandolo a chiamare con questo nome. Ma ciò che rende interessante andare a bere in posti diversi, è proprio quel tocco personale che ognuno da ad ogni drink. Altrimenti sarebbe una bella rottura essere dei meri esecutori di formule e numeri, non credete?

Concludo inserendo la mia personale ricetta del Sidecar, non quella che preparerei per tutti, bensì quella che preparerei per me!

Partendo dalla scelta del distillato, essendo il termine brandy abbastanza generico (sicuramente un brandy italiano non mi darà lo stesso apporto di un brandy spagnolo ad esempio, e anche all’interno della stessa tipologia, troviamo prodotti abbastanza eterogenei), utilizzero’ un Cognac Courvoisier Vs, reperibile in molti bar. Per la preparazione mettete a freddare un bella coppa, non troppo capiente, e ricordatevi che è un drink degli inizi del ‘900. Utilizzate un cobbler shaker, abbastanza piccolo, e inserite:

  • 1 ¾ oz. Cognac
  • ¾ oz. Cointreau
  • ¾ oz. succo di limone spremuto al momento
  • 3 gocce di orange bitter

Riempite il cobbler con del ghiaccio (in buone condizioni), shakerate vigorosamente, e filtrate in coppa. Poi assaggiate e chiedetevi… troppo forte? Troppo dolce? Troppo aspro?

Quando avrete una risposta, ecco qui che avrete trovato la vostra ricetta del Sidecar!

Salute!!!

Matteo “dedde” Ciampicali

Se vuoi approfondire le conoscenze sul mondo dei cocktail e sulla professione del barman e della barlady, FPU Barman Academy ente di formazione accreditato dalla Regione Lazio, propone un corso ad hoc: il corso da Barman e Barlady.

 

Corso Barman Certificato | Scuola Accreditata Regione Lazio

Corso Barman & Barlady Professionale. Attestato Riconosciuto per Lavorare in Tutto il Mondo. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

ULTIME DAL BLOG

10Lug 2020
Gin

Il Gin, l’indiscusso re dei white spirits, è stato inserito tra le tendenze del beverage 2020! Secondo Drinks International infatti il gin è ancora il distillato più venduto al mondo, seguito da rum, American whisky, e tequila. Gin Il Gin è una bevanda alcolica ottenuta dalla distillazione di un fermentato ricavato solitamente da cereali (ma anche da vino, mela o […]

07Lug 2020
Ready ti drink

Ready To Drink: i cocktail già pronti in bottiglia sono di moda! Quali sono i cocktail più in voga per l’estate? Sicuramente la nuova moda sono quelli già pronti e imbottigliati. Buoni, preparati con ricette rigorose e pronti all’uso. Si chiamano Ready To Drink e stanno spopolando! La ricetta è semplice e di sicuro successo: […]

03Lug 2020
Jerry Thomas Project speakeasy bar a Roma

Jerry Thomas Project è lo speakeasy per eccellenza. Un locale romano nato come bar segreto, ma che poi ha deciso di rendere pubblico il proprio indirizzo. Resta comunque un circolo-speakeasy e potrai accedervi sono su prenotazione (il consiglio è quello di chiamare qualche giorno prima). Il progetto nasce nell’autunno 2009 da un’idea di Antonio Parlapiano, Roberto Artusio […]

30Giu 2020
prosecco doc rosè

Prosecco DOC rosé: è stato approvato e sta per arrivare! Tutti lo vogliono da tempo e lo chiedono a gran voce. Un’indagine realizzata da Wine Monitor di Nomisma e presentata all’edizione 2019 di Vinitaly (all’indomani dell’annuncio dell’intenzione dei produttori di avviare l’iter per inserire la versione rosé del Prosecco) fece emergere una grande richiesta di […]

26Giu 2020
Nocino di San Giovanni

Il “Nocino”, tradizionale liquore preparato con le noci raccolte durante la notte di san Giovanni, racchiude in sé un mistero che si tramanda ormai da centinaia di migliaia di anni di storia… Ma cosa c’entra San Giovanni Battista (festeggiato il 24 giugno) con il nocino? Perché questo liquore legato da un filo indissolubile alla tradizione […]

23Giu 2020
fitness tra le vigne

Fitness tra le vigne della Franciacorta con un personal wine trainer. E’ la grande novità del momento e permette di coniugare la forma fisica alla passione per la natura e, perché, no un buon bicchiere di vino. Siamo in Franciacorta e, ad aiutarti a rimanere in forma, arriva il ‘personal wine trainer”! Possiamo proprio definirla […]

19Giu 2020
i liquori più alcolici

Liquori più forti al mondo: scopri la classifica con i primi 10. Sai quali sono i liquori più alcolici al mondo? Premesso che la ricerca di produrre liquori molto forti è un po’ una tendenza degli ultimi anni, ecco quali sono i più forti che potrete trovare in commercio. I liquori più alcolici al mondo […]

16Giu 2020
wine resort

Wine Resort: i migliori hotel tra le vigne italiane. Sempre più italiani, ma non solo, amano le vacanze che riescono a coniugare cultura, relax e amore per la tavola. Una passione che include sia il buon cibo che il ricercato gusto per il bere. Cavalcando questo trend positivo, sono moltissime le aziende vinicole che hanno aperto le […]

12Giu 2020
caffè nuvola

Per gli amanti del caffè è molto più di una semplice bevanda, è un rito. Un momento di degustazione del momento, e non solo della bevanda. Si può assaporare in mille varianti diverse: ristretto, lungo, macchiato, decaffeinato… Spesso di fretta prima di correre al lavoro, altre volte diventa un modo per staccare del mondo e […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form