Sidecar Cocktail
Brevi cenni storici: l’origine di questo drink non è certa. Di sicuro il primo a pubblicarne la ricetta è stato Harry McElhone, fondatore del bar Harry’s di Parigi negli anni’20. Qualcuno sostiene che avesse dedicato questo cocktail a un eccentrico capitano che entrò con tutto il suo sidecar nel bar guidato dal suo autista, ma anche su questo certezze non ve ne sono.

Ma parliamo di questo drink. La ricetta? Io non la so! Gli ingredienti? Chi parla di brandy, chi parla di Cognac, Cointreau e succo di limone. Il metodo di preparazione? Shake and Strain in cocktail glass. Le quantità? Bella domanda.

Lavorare Viaggiando o Viaggiare Lavorando?

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo! Corsi Barman & Barlady Certificati. Attestato Riconosciuto. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

Harry Craddock, nel suo fantastico libro “The Savoy Cocktail book” (New York, 1930) scrive del Sidecar:

  • ¼ succo di limone
  • ¼ Cointreau
  • ½ Brandy

Analizzando questa ricetta espressa in decimali, si deduce che succo di limone e liquore all’arancia debbano venire inseriti nella stessa quantità. Potremmo tradurla in ml come segue: 50 ml brandy – 25 ml Cointreau – 25 ml succo di limone.

A parer mio è una maniera molto interessante di esprimere il bilanciamento tra parte “sweet” (Cointreau), parte “sour” (limone) e “kick” alcolico (Craddock parla genericamente di brandy).

Ma, come è ben noto a tutti, il palato e i gusti cambiano col tempo.

Nel ricettario I.B.A. (International Bartenders Association) del 2011 la formula permane simile, ma non si parla più di brandy, bensì di Cognac, e le dosi cambiano leggermente:

  • 50ml Cognac
  • 20ml Triple sec (discutibile)
  • 20ml succo di limone.

Anche qui, liquore e limone si equivalgono in quantità.

Tornando un po’ indietro nel tempo, agli inizi del nuovo millennio, il grande Dale DeGroff nel suo testo (assolutamente da consigliare) “The Craft of the Cocktail”, scrive su questo drink:

  • 1oz brandy
  • 1oz Cointreau
  • ¾ oz. succo di limone

e addirittura scrive: shake all ingredients with ice and strain into an iced old-fashioned glass. Garnish with a flamed orange peel. If served “up”, strain into a small cocktail glass with a sugared rim.

Attenzione! Qua cambiano un po’ di cose: liquore e distillato nella stessa quantità, e addirittura, riprendendo da un antesignano (molto gustoso) del Sidecar, il famoso Brandy Crusta, DeGroff parla di una bordatura di zucchero.

Molte altre ricette invece vedono un classico rapporto 5/3/2 tra brandy, liquore e succo.

Potrei citare innumerevoli esempi diversi su come realizzare questo drink…. ma perchè farlo? Ha realmente senso restringere un drink del genere a un mero rapporto numerico? Ognuno di noi può “disegnare” un Sidecar addosso ad ogni singolo cliente, conoscendone i gusti; chi beve più forte, chi beve più “sour” ecc.

Le ricette non sono dogmi: sono indicazioni. Certo, non posso stravolgere un Sidecar inserendo ad esempio succo di pompelmo al posto del limone, e continuandolo a chiamare con questo nome. Ma ciò che rende interessante andare a bere in posti diversi, è proprio quel tocco personale che ognuno da ad ogni drink. Altrimenti sarebbe una bella rottura essere dei meri esecutori di formule e numeri, non credete?

Concludo inserendo la mia personale ricetta del Sidecar, non quella che preparerei per tutti, bensì quella che preparerei per me!

Partendo dalla scelta del distillato, essendo il termine brandy abbastanza generico (sicuramente un brandy italiano non mi darà lo stesso apporto di un brandy spagnolo ad esempio, e anche all’interno della stessa tipologia, troviamo prodotti abbastanza eterogenei), utilizzero’ un Cognac Courvoisier Vs, reperibile in molti bar. Per la preparazione mettete a freddare un bella coppa, non troppo capiente, e ricordatevi che è un drink degli inizi del ‘900. Utilizzate un cobbler shaker, abbastanza piccolo, e inserite:

  • 1 ¾ oz. Cognac
  • ¾ oz. Cointreau
  • ¾ oz. succo di limone spremuto al momento
  • 3 gocce di orange bitter

Riempite il cobbler con del ghiaccio (in buone condizioni), shakerate vigorosamente, e filtrate in coppa. Poi assaggiate e chiedetevi… troppo forte? Troppo dolce? Troppo aspro?

Quando avrete una risposta, ecco qui che avrete trovato la vostra ricetta del Sidecar!

Salute!!!

Matteo “dedde” Ciampicali

Se vuoi approfondire le conoscenze sul mondo dei cocktail e sulla professione del barman e della barlady, FPU Barman Academy ente di formazione accreditato dalla Regione Lazio, propone un corso ad hoc: il corso da Barman e Barlady.

 

Lavorare Viaggiando o Viaggiare Lavorando?

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo! Corsi Barman & Barlady Certificati. Attestato Riconosciuto. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

ULTIME DAL BLOG

Margarita day

Il 22 febbraio si è festeggiato l’International Margarita Day. Si tratta di una ricorrenza ideata dall’estimatore Todd McCalla per celebrare il drink messicano più famoso al mondo. Tequila day In un periodo un po’ grigio, ci voleva proprio una festa alcolica e solare! Ecco perché siamo particolarmente felici di festeggiare l’International Margarita Day. Una giornata […]

Behind ristorante a Londra

Behind: il ristorante di Andy Beynon stellato dopo soli 20 giorni. Lo chef Beynon batte tutti i record e riceve la tanto ambita stella Michelin a meno di un mese dall’apertura. Andy Beynon non è certo nuovo a riconoscimenti di prestigio avendo già lavorato per Jason Atherton, Claude Bosi e Phil Howard ma, dopo l’annuncio […]

Bottega 0: l'aperitivo a zero alcol

Bottega 0, arrivano le bollicine a zero alcol per chi ama l’aperitivo ma non vuole bere alcol. Che sia per motivi di salute, per scelte fitness o semplicemente perché non si ama il suo sapore, sono molti a non voler bere bevande alcoliche. Bottega presenta una nuova referenza pensata appositamente per chi non può, o […]

Panna cotta

Panna Cotta: Bottega lancia il liquore cremoso da bere a fine pasto. La linea di creme e liquori di Bottega si arricchisce con una nuova referenza che si caratterizza per la sua consistenza cremosa, il gusto dolce e delicato ed una gradazione del 15%. Un liquore ispirato al famoso dolce tanto apprezzato nella pasticceria italiana che […]

Barlady: una professione di successo

Barlady: quando è una donna dietro al bancone del bar. Ammettiamolo, fino a pochi anni fa, era davvero raro riuscire a vedere una donna dietro un bancone intenta a preparare cocktail. Negli ultimi tempi, però, stiamo assistendo a un vero e proprio movimento in controtendenza: sono sempre di più le donne che sono riuscite a primeggiare […]

corso barman a Roma

Corso barman 2021 a Roma, il percorso di studi che offre un’immediata opportunità di lavoro. Il Covid-19 ha influenzato, purtroppo negativamente, anche il mondo della scuola. Secondo un’indagine condotta da Save the Children sarebbero ben 34 mila gli adolescenti a rischio di abbandono scolastico. A causare il ritiro dai banchi di scuola, ci sarebbero le […]

Flor de Caña

Flor de Caña: 130 anni da festeggiare con un’edizione limitata. Non per tutti il 2020 è stato un anno terribile, sicuramente non per Flor de Caña! Il rum super premium del Nicaragua (distribuito in Italia da Velier), ha infatti festeggiato i suoi 130 anni con il lancio di Flor de Caña 130th Anniversary, un rum in edizione […]

Sprite

La Sprite è una bevanda analcolica di genere soft drink al gusto di limone, senza caffeina, prodotta dalla Coca-Cola Company. Si tratta di una gassosa proveniente dalla Germania, inizialmente chiamata Fanta Klare Zitrone (Fanta chiara al limone); in seguito, il marchio fu ridisegnato come “Sprite”. Come per tutti i prodotti della Coca-Cola Company, la composizione […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form