Savoy Cocktail Book: qualche ricetta da…. Harry Craddock!

Che bel testo il Savoy Cocktail Book!
Pubblicato nel 1930, ma più attuale che mai, fornisce spunti e riflessioni su drink che oggi viviamo in forma totalmente diversa.
Vediamo qualche esempio. Citeremo alcune ricette selezionate, senza dare giudizi di valore, limitandoci a tradurre le quantità in once per facilitarne l’esecuzione:

Between the sheets
1 oz brandy
1 oz Cointreau
1 oz Bacardi blanco
½ oz succo di limone
Shake&strain in cocktail glass
(drink singolare, data la presenza di due distillati provenienti da due materie prime diverse)

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio.

Brandy Crusta
Utilizzare piccoli bicchieri da vino.
Bagnare il bordo con del succo di limone e immergerlo nello zucchero.
Tagliare a spirale la scorza di mezzo limone e metterla nel bicchiere.
Riempire il bicchiere di ghiaccio tritato.
½ oz di Maraschino
2 gocce di Angostura
¾ oz succo di limone
¾ oz. Curacao
1 ¾ oz. Brandy
Mescolare bene e filtrare aggiungendo una fettina d’arancia.
(consiglio piuttosto di shakerare, dato il numero di ingredienti)

Bronx
il succo di ¼ di arancia (¾ oz.)
1 ½ oz gin
¾ vermouth rosso
¾ vermouth dry
Shake&strain in cocktail glass
(chi l’ha detto che i vermouth non si shakerano??!)

Champagne Cocktail
Mettere in un bicchiere da vino una zolletta di zucchero, impregnata di Angostura Bitters.
Aggiungere un cubetto di ghiaccio e riempire il bicchiere di Champagne.
“Strizzare” in superficie una scorza di limone e servire con una fetta d’arancia.
(per chi vuole provare, una mezza oncia di Cognac rappresenta una deliziosa variante

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio.

FacebookInstagramYouTube