Oggi è martedì, il giorno dopo.
Ieri ho avuto infatti l’immenso piacere di assistere a una manifestazione come poche se ne trovano. Lasciando perdere i numeri, più di 50 competitors all’attivo, quello che più colpisce è sicuramente lo spirito, che il mitico Daniele Arciello in primis, e i suoi collaboratori, sono riusciti a imprimere all’evento.
Innanzitutto, come da stile Drop Out (Flair room style!), una gara a due oggetti! Finalmente! Sano Flair, senza bisogno di lanciare in aria pure i camerieri.
Giovani esordienti, esperti flair bartenders e veterani del settore, si sono sfidati in un clima caldo, quasi casalingo, sempre sostenuti molto sportivamente da pubblico e rivali.
Circa otto ore di gara, che per quanto possano sembrare un tempo eccessivo, sono invece trascorse piacevolmente, tra un drink nel famoso locale testaccino, e due chiacchiere con colleghi e amici.
Addirittura molti partecipanti hanno affrontato lunghi viaggi per essere lì, per quei tre minuti sullo stage, e per confrontarsi con altri stili e movimenti.
Rappresentanti di molte importanti scuole di bartending, di roma e non solo, uno di fianco all’altro, quasi a dare una lezione a chi pensa al proprio orticello, cercando di danneggiare gli altri piuttosto che crescere insieme. Belle sensazioni, bello show, con un istancabile anchor man , Mr. Arciello, che probabilmente rischiando un embolo, ha ininterrottamente intrattenuto il pubblico con la simpatia e la genuinità che lo contraddistinguono.
Nomi noti in giuria hanno completato la cornice, a partire dal grande Simone Bodini.
E un premio per tutti! Semplicemente per aver avuto la voglia e il coraggio di salire in pedana.
Ho visto un partecipante rompere un bicchiere in postazione dopo pochi secondi dall’inizio della gara; la prova era nulla, lui ne era consapevole, ma ha continuato il suo show con grande coraggio, con il sorriso stampato sulla faccia e dondando al pubblico una gran performance.
Grande show anche per nomi importanti; secondo posto per Andrea Scarimbolo, e quinto posto per Roberto Belmonte, a mio soggettivo parere i migliori, senza nulla togliere al riconfermato Man of the year Mr. Peppone Stasi. Vittoria per Alberto Timarco, grande show; non dimentichiamo Simone Sterbini, stile unico, senza parole. Mi dispiace di non poter nominare altri competitor, non so i nomi di tutti, ma grande Francis D Petrollini!! Alla sua “non più tenera” età è salito sullo stage con la foga e la voglia di un adolescente. Questo spirito vale tutto! Grandi anche Gabrielino Arnoldi e Pietro Siano, grandi showmen. Ottimo anche Claudio Stregapede, di scuola FPU, e il suo amico e collega Filippo Pirri, che senza prepararsi, e con una traccia musicale random, hanno dimostrato di non essere inferiore a nessuno!
Che dire di più, complimenti serissimi a tutti, da parte di uno spettatore che è rimasto piacevolmente a assistere a una manifestazione sana, di cui purtroppo spesso l’esempio non viene seguito.
Alla prossima edizione!!!

(Matteo “dedde” Ciampicali, FPU Barman Academy)

Corso Barman Certificato | Scuola Accreditata Regione Lazio

Corso Barman & Barlady Professionale. Attestato Riconosciuto per Lavorare in Tutto il Mondo. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

Cerchi Lavoro? Diventa un Barman Professionista

Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corso Barman & Barlady Certificato. Attestato Riconosciuto. Inserimento nel Mondo del Lavoro al Termine del Corso. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

ULTIME DAL BLOG

Birra in un pub

“Birra finita in Gran Bretagna?” A quanto pare, dopo il lockdownd tutti si sono riversati nei pub con tanta voglia di dimenticare la crisi e, ancor più, di bersi una bella birra. La crescente richiesta di birra e di alcolici ha però messo in seria difficoltà molti locali che, a quanto pare, non riescono a […]

Chapter Roma bar

Chapter Roma ha un nuovo bar manager: è Joy Napolitano. Ma di che locale si tratta esattamente? Come viene spiegato sul loro sito si tratta di: “Un po’ salad bar, un po’ coffee shop. Un po’ juice bar, ma anche mercato e grocery store, tutto in un posto solo.Sano, veloce, unico e accogliente.Mangia da noi, […]

amaro Jefferson Calabria

La Calabria ci regala il migliore amaro al mondo. Si chiama Amaro Jefferson, soprannominato “Amaro Importante” dai tanti appassionati, e sta davvero conquistato la stima e l’apprezzamento di sempre più persone. Un successo che non fa altro che confermare una lunga tradizione fatta di tanta passione e meravigliose materie prime. La Calabria è meritatamente sempre di […]

L'uomo può vivere bevendo solo birra

L’uomo può vivere bevendo solo birra? C’è chi la ama a tal punto che berrebbe di birra, ma è possibile? La scienza ci risponde. Martin Lutero diceva:Lavorare Viaggiando o Viaggiare Lavorando?Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo! Corsi Barman & Barlady Certificati. Attestato Riconosciuto. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.Scopri di più “Chi […]

calorie birra

Calorie birra: Boris Jhonson e la sua proposta controversa. Proprio così il pramier britannico famoso per le sue uscite spesso controtendenza ne ha inventata un’altra: vorrebbe combattere l’obesità obbligando i pub ad indicare le calorie della birra su ogni bicchiere. Calorie birra per combattere l’obesità Il governo britannico, per incentivare la ripresa post COVID, sembra […]

Antico di Luxardo

Antico: il Vermouth interpretato da Luxardo nel suo bicentenario. Stile classico, gusto contemporaneo… Ecco l’alternativa al vermouth rosso! Luxardo presenta Antico Fondata da Girolamo Luxardo nel 1821 a Zara sulle coste della Dalmazia. Si dice che dietro un grande uomo ci sia sempre una grande donna. E anche in questo caso tutto parte da una […]

Birra Menabrea edizione limitata

Birra Menabrea: un omaggio a 12 città d’arte italiane. Menabrea è un’antica marca di birra che viene prodotta dalla omonima azienda la cui sede storica e il birrificio sono localizzati a Biella, in Piemonte. Il più antico birrificio italiano fa un omaggio d’artista alle più belle città d’arte con una nuova collezione di Birra Menabrea […]

Cedrata Tassoni

La birra Ceres acquisterà le Cedrate Tassoni? Royal Unibrew, la multinazionale della birra Ceres, potrebbe infatti acquisire l’azienda bresciana di cedrate Tassoni. Ci riuscirà? Si perché, secondo indiscrezioni piuttosto credibili, sarebbe solamente una delle quattro pretendenti ad aver fatto un’offerta. La birra Ceres in lizza per acquistare le Cedrate Tassoni I potenziali acquirenti della Cedral Tassoni, l’azienda […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form