Il Negroni è inglese? A quanto pare l’IBA (International Bartenders Association) dovrà riscrivere la storia del famosissimo cocktail dopo che il pronipote di un barman londinese ha dimostrato che il proprio bisnonno ha servito al conte Negroni per la prima volta nel 1918 un cocktail a base di gin, bitter e vermouth.

La storia del Negroni finora

Il cocktail Negroni è il drink italiano più famoso al mondo. Un cocktail storico le cui origini finora non erano mai state messe in discussione.

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

Tutto ha origine grazie ad un eccentrico personaggio: il conte Camillo Negroni. Era un giramondo, fu un cowboy negli Stati Uniti, cavallerizzo e tiratore di scherma, scommettitore incallito e, naturalmente, un grande amante del buon bere.

Tra il 1919 e il 1920, di ritorno da un viaggio oltremanica e ormai innamorato del gin, andò subito a cercarlo al Caffè Casoni a Firenze.

Dovete sapere che il conte Camillo Negroni amava bere il Milano-Torino, cocktail preparato con vermut rosso, bitter Campari e seltz; quello che più avanti venne rinominato Americano, per capirci. Ma, avendo la passione per il gin in tenta, chiese al barman Fosco Scarselli di aggiungere una buona dose di gin.
Per il conte Camillo Negroni divenne abitudine chiedere il suo “solito”. per gli altri avventori del bar, incuriositi e conquistati da quella variante, divenne consuetudine chiedere “un Americano alla maniera del conte Negroni”.

Il cocktail alla maniera del conte Negroni riscosse un enorme successo e il barman Scarselli, che doveva prepararne molti, iniziò a distinguerlo dall’Americano che veniva decorato con mezza fetta di arancia, mettendo nel bicchiere un’intera fetta di arancia.

Nelle prime versioni del cocktail era ancora presente uno schizzo di soda, che fu eliminato solo successivamente.
Addirittura è probabile che la dose di gin fosse inferiore a quella odierna, e quella di vermouth superiore (Vintage Negroni: 3 cl gin, 2 cl Campari, 5 cl vermouth rosso).

Dal caffè Casoni di Firenze a Londra

Le storia è viva, anche quella della mixology, ed è sempre pronta ad essere riscritta. Nel nostro caso specifico ci ha provato Guybrush Threepwood, il pronipote di un barman londinese, cercando di dimostrare che, un mese prima di Fosco Scarselli, il bisnonno ha servito al conte Negroni per la prima volta nel 1918 un cocktail a base di gin, bitter e vermouth proprio a capitale londinese la paternità dell’ormai ex fiorentino Negroni.

Guybrush Threepwood, proprio sull’onda delle celebrazioni per il centenario del cocktail, si è messo alla ricerca dei documenti necessari a provare la sua teoria. Avrebbe così scovato un brevetto ufficiale del Royal Patent Office britannico.

Walter Meccia, sommelier del Four Seasons Hotel di Firenze, afferma che

“Il Negroni non è più un cocktail italiano. L’ennesima eccellenza, nata e cresciuta in Italia (a Firenze, peraltro) viene trafugata e diventa Inglese”.

I documenti ritrovati da Threepwood attestano che il conte Camillo Negroni, prima di chiedere la modifica al suo Americano presso il Caffè Casoni, lo provò più volte nella capitale britannica.

Non è escluso che le lobby del gin abbiano influito non poco su questa decisione ma ormai la storia del Negroni sembra essere stata riscritta.

A quanto pare l’IBA si è già messa al lavoro per aggiornare testi ed i manuali che attribuivano la paternità del cocktail all’Italia. La paternità del drink verrà assegnata a Londra e, nello specifico, al barman Seamus B. Theepwood che miscelò il Negroni per la prima volta.

“Sarà un lavoraccio, ma bisogna fare ciò che è necessario” afferma Elaine LeChuck, presidente del comitato.

Cerchi Lavoro? Diventa un Barman Professionista

Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corso Barman & Barlady Certificato. Attestato Riconosciuto. Inserimento nel Mondo del Lavoro al Termine del Corso. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

ULTIME DAL BLOG

Margarita day

Il 22 febbraio si è festeggiato l’International Margarita Day. Si tratta di una ricorrenza ideata dall’estimatore Todd McCalla per celebrare il drink messicano più famoso al mondo. Tequila day In un periodo un po’ grigio, ci voleva proprio una festa alcolica e solare! Ecco perché siamo particolarmente felici di festeggiare l’International Margarita Day. Una giornata […]

Behind ristorante a Londra

Behind: il ristorante di Andy Beynon stellato dopo soli 20 giorni. Lo chef Beynon batte tutti i record e riceve la tanto ambita stella Michelin a meno di un mese dall’apertura. Andy Beynon non è certo nuovo a riconoscimenti di prestigio avendo già lavorato per Jason Atherton, Claude Bosi e Phil Howard ma, dopo l’annuncio […]

Bottega 0: l'aperitivo a zero alcol

Bottega 0, arrivano le bollicine a zero alcol per chi ama l’aperitivo ma non vuole bere alcol. Che sia per motivi di salute, per scelte fitness o semplicemente perché non si ama il suo sapore, sono molti a non voler bere bevande alcoliche. Bottega presenta una nuova referenza pensata appositamente per chi non può, o […]

Panna cotta

Panna Cotta: Bottega lancia il liquore cremoso da bere a fine pasto. La linea di creme e liquori di Bottega si arricchisce con una nuova referenza che si caratterizza per la sua consistenza cremosa, il gusto dolce e delicato ed una gradazione del 15%. Un liquore ispirato al famoso dolce tanto apprezzato nella pasticceria italiana che […]

Barlady: una professione di successo

Barlady: quando è una donna dietro al bancone del bar. Ammettiamolo, fino a pochi anni fa, era davvero raro riuscire a vedere una donna dietro un bancone intenta a preparare cocktail. Negli ultimi tempi, però, stiamo assistendo a un vero e proprio movimento in controtendenza: sono sempre di più le donne che sono riuscite a primeggiare […]

corso barman a Roma

Corso barman 2021 a Roma, il percorso di studi che offre un’immediata opportunità di lavoro. Il Covid-19 ha influenzato, purtroppo negativamente, anche il mondo della scuola. Secondo un’indagine condotta da Save the Children sarebbero ben 34 mila gli adolescenti a rischio di abbandono scolastico. A causare il ritiro dai banchi di scuola, ci sarebbero le […]

Flor de Caña

Flor de Caña: 130 anni da festeggiare con un’edizione limitata. Non per tutti il 2020 è stato un anno terribile, sicuramente non per Flor de Caña! Il rum super premium del Nicaragua (distribuito in Italia da Velier), ha infatti festeggiato i suoi 130 anni con il lancio di Flor de Caña 130th Anniversary, un rum in edizione […]

Sprite

La Sprite è una bevanda analcolica di genere soft drink al gusto di limone, senza caffeina, prodotta dalla Coca-Cola Company. Si tratta di una gassosa proveniente dalla Germania, inizialmente chiamata Fanta Klare Zitrone (Fanta chiara al limone); in seguito, il marchio fu ridisegnato come “Sprite”. Come per tutti i prodotti della Coca-Cola Company, la composizione […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form