Il Negroni è inglese? A quanto pare l’IBA (International Bartenders Association) dovrà riscrivere la storia del famosissimo cocktail dopo che il pronipote di un barman londinese ha dimostrato che il proprio bisnonno ha servito al conte Negroni per la prima volta nel 1918 un cocktail a base di gin, bitter e vermouth.

La storia del Negroni finora

Il cocktail Negroni è il drink italiano più famoso al mondo. Un cocktail storico le cui origini finora non erano mai state messe in discussione.

Lavorare Viaggiando o Viaggiare Lavorando?

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo! Corsi Barman & Barlady Certificati. Attestato Riconosciuto. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

Tutto ha origine grazie ad un eccentrico personaggio: il conte Camillo Negroni. Era un giramondo, fu un cowboy negli Stati Uniti, cavallerizzo e tiratore di scherma, scommettitore incallito e, naturalmente, un grande amante del buon bere.

Tra il 1919 e il 1920, di ritorno da un viaggio oltremanica e ormai innamorato del gin, andò subito a cercarlo al Caffè Casoni a Firenze.

Dovete sapere che il conte Camillo Negroni amava bere il Milano-Torino, cocktail preparato con vermut rosso, bitter Campari e seltz; quello che più avanti venne rinominato Americano, per capirci. Ma, avendo la passione per il gin in tenta, chiese al barman Fosco Scarselli di aggiungere una buona dose di gin.
Per il conte Camillo Negroni divenne abitudine chiedere il suo “solito”. per gli altri avventori del bar, incuriositi e conquistati da quella variante, divenne consuetudine chiedere “un Americano alla maniera del conte Negroni”.

Il cocktail alla maniera del conte Negroni riscosse un enorme successo e il barman Scarselli, che doveva prepararne molti, iniziò a distinguerlo dall’Americano che veniva decorato con mezza fetta di arancia, mettendo nel bicchiere un’intera fetta di arancia.

Nelle prime versioni del cocktail era ancora presente uno schizzo di soda, che fu eliminato solo successivamente.
Addirittura è probabile che la dose di gin fosse inferiore a quella odierna, e quella di vermouth superiore (Vintage Negroni: 3 cl gin, 2 cl Campari, 5 cl vermouth rosso).

Dal caffè Casoni di Firenze a Londra

Le storia è viva, anche quella della mixology, ed è sempre pronta ad essere riscritta. Nel nostro caso specifico ci ha provato Guybrush Threepwood, il pronipote di un barman londinese, cercando di dimostrare che, un mese prima di Fosco Scarselli, il bisnonno ha servito al conte Negroni per la prima volta nel 1918 un cocktail a base di gin, bitter e vermouth proprio a capitale londinese la paternità dell’ormai ex fiorentino Negroni.

Guybrush Threepwood, proprio sull’onda delle celebrazioni per il centenario del cocktail, si è messo alla ricerca dei documenti necessari a provare la sua teoria. Avrebbe così scovato un brevetto ufficiale del Royal Patent Office britannico.

Walter Meccia, sommelier del Four Seasons Hotel di Firenze, afferma che

“Il Negroni non è più un cocktail italiano. L’ennesima eccellenza, nata e cresciuta in Italia (a Firenze, peraltro) viene trafugata e diventa Inglese”.

I documenti ritrovati da Threepwood attestano che il conte Camillo Negroni, prima di chiedere la modifica al suo Americano presso il Caffè Casoni, lo provò più volte nella capitale britannica.

Non è escluso che le lobby del gin abbiano influito non poco su questa decisione ma ormai la storia del Negroni sembra essere stata riscritta.

A quanto pare l’IBA si è già messa al lavoro per aggiornare testi ed i manuali che attribuivano la paternità del cocktail all’Italia. La paternità del drink verrà assegnata a Londra e, nello specifico, al barman Seamus B. Theepwood che miscelò il Negroni per la prima volta.

“Sarà un lavoraccio, ma bisogna fare ciò che è necessario” afferma Elaine LeChuck, presidente del comitato.

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

ULTIME DAL BLOG

07Ago 2020
gin fatto in casa

Festeggia le nozze con 4 amici bevendo gin fatto in casa: donna trentaquattrenne muore nel sonno. “Il matrimonio è il giorno più bello della propria vita e merita di essere festeggiato al meglio”. Deve aver pensato così la donna che ha deciso di rendere omaggio alle proprie nozze passando un weekend con gli amici per brindare […]

04Ago 2020
Mojito senza glutine

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, un insieme di proteine a loro volta contenute nel frumento, nell’orzo, nella segale, nel farro e in altri cereali minori. La celiachia rende tossici, nei soggetti affetti o predisposti, tutti gli alimenti derivati dai suddetti cereali o contenenti glutine in seguito a contaminazione. La malattia celiaca non ha […]

31Lug 2020
Il Buckingham Palace Dry Gin

La Regina Elisabetta ha fatto centro un’altra volta mettendo in commercio il Buckingham Palace Gin. Il Gin & tonic è il cocktail inglese per eccellenza. L’origine di questo cocktail risale ai tempi del dominio britannico in India e si deve al medico scozzese George Cleghorn. Stava studiando gli effetti della chinina sulla malaria, da qui […]

28Lug 2020
ghiaccio nei cocktail

Il ghiaccio nei cocktail sembra una cosa quasi scontata, un abbinamento così azzeccato da far credere di esserci sempre stato. Ma non è affatto così! “Mettimi tutta la notte in un cocktail e fammela bere in un sorso” Cerchi Lavoro? Diventa un Barman Professionista Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corso Barman & Barlady Certificato. Attestato […]

24Lug 2020
champagne

Gli champagne emergenti consigliati da Vincenzo Donatiello, sommelier 3 stelle Michelin. Vincenzo Donatiello è unanimemente considerato uno dei migliori sommelier d’italia e, non a caso, lavora in uno dei più prestigiosi ristoranti del mondo: Piazza Duomo. Corso Barman Certificato | Scuola Accreditata Regione Lazio Corso Barman & Barlady Professionale. Attestato Riconosciuto per Lavorare in Tutto […]

21Lug 2020
Distilleria Nardini

Nardini, la distilleria più antica d’Italia, ha deciso di rinnovare il look di due referenze storiche. Sono infatti state aggiornate le etichette di Bitter Nardini e Mezzoemezzo.  Per stare al passo con i tempi si è deciso di rinnovare l’aspetto grafico optando per un’immagine più contemporanea ma sempre in grado di rimanere fedele al proprio heritage. Alla base del cambiamento […]

17Lug 2020
Affini a Torino

Affini è uno dei locali più conosciuti a Torino quando si parla di aperitivo. E, parlare di aperitivo a Torino, è cosa seria dato che, anche se non tutti ne sono a conoscenza, l’aperitivo è nato proprio nella città piemontese. Tutto iniziò addirittura nel fine settecento. Fu infatti Antonio Benedetto Carpano, nel 1786, a creare il […]

14Lug 2020
sbornia

Evitare il dopo sbornia: ecco i nostri consigli! Inutile negare l’evidenza: con l’estate ci aspettano party e bevute con gli amici. Tutto bello ma come fare ad evitare il mal di testa post bevuta? Il periodo non è stato per nulla facile e qualche drink in compagnia di buoni amici può essere un modo per […]

10Lug 2020
Gin

Il Gin, l’indiscusso re dei white spirits, è stato inserito tra le tendenze del beverage 2020! Secondo Drinks International infatti il gin è ancora il distillato più venduto al mondo, seguito da rum, American whisky, e tequila. Gin Il Gin è una bevanda alcolica ottenuta dalla distillazione di un fermentato ricavato solitamente da cereali (ma anche da vino, mela o […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form