Moka, le regole per un caffè a regola d’arte

moka

moka_casa
Il caffè preparato con la moka è ancora il preferito da molti italiani, che lo preferiscono anche all’espresso del bar. Per ottenere un buon caffè non è sufficiente affidarsi alla tradizione, ma servono conoscenze e tecniche di precise.

Un rito quotidiano, condiviso al mattino da molti italiani: acqua, caffè macinato, un piccolo movimento di polso ed il gioco è fatto.
Si accende la fiamma e dopo qualche minuto quel gorgoglio e quel profumo di caffè, inconfondibile, che riempie e inebria tutta la casa.

Cerchi Lavoro? Diventa un Bartender Professionista

Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corsi Professionali Certificati. Attestato Riconosciuto. Inserimento nel Mondo del Lavoro al Termine del Corso.

Voler spiegare a un italiano come preparare un caffè con la moka a regola d’arte sembra un’impresa davvero ardua, ognuno con il proprio modo di prepararlo, le proprie abitudini, le proprie ricette, i propri accorgimenti, molto spesso segreti, custoditi gelosamente e che verranno tramandati di generazione in generazione.

Le regole per una moka a regola d’arte

– Utilizzare acqua filtrata oppure una oligominerale, perché maggiore è la concentrazione di sali disciolti nell’acqua, minore sarà la quantità di sostanze grasse buone che verranno estratte. Sulla temperatura, due scuole di pensiero: a temperatura ambiente, o calda, tuttavia ciò che conta è la “pulizia” dell’acqua, ovvero la minor quantità di cloro possibile.

– Per quanto riguarda la quantità di acqua, è bene tenersi al livello della valvola della parte inferiore. Un livello che si può talvolta ridurre, ma mai superare. La valvola serve per sfiatare vapore: se viene coperta con l’acqua, verrà otturata e farà fuoriuscire solamente acqua.

– I chicchi di caffè devono essere macinati al momento. Dopo circa 15 minuti dalla macinazione, infatti, il caffè ha già perso circa il 65% degli aromi.

– La miscela più utilizzata in Italia è la 30/70, con un 30% robusta e un 70% arabica. Ma una buona tazzina si può preparare (ed è consigliabile provare) anche con una singola origine o una miscela 100% arabica.

– Montagnetta no! Perché, nel momento in cui si avvita la caffettiera, la polvere va a depositarsi sui bordi e finisce sulla guarnizione: senza un’ottima tenuta tra le due parti, il caffè viene estratto male. E poi, per il rapporto tra acqua e caffè, che solitamente, per una moka da tre, deve essere di 1 a 10. Quindi, circa 15 gr di caffè per 150 ml di acqua. Se si aumenta la quantità di polvere, alcuni dei composti solubili, quelli più amari e meno gradevoli vanno a finire nella tazzina.

– Interrompere l’estrazione un po’ prima del gorgoglio, quando il caffè arriva a circa tre quarti del bricco, in modo da trattenere all’interno della bevanda la maggior parte degli aromi.

– Per la preparazione di una buona moka è ideale una fiamma media. Una volta spenta la fiamma prima del gorgoglio, togliere la caffettiera dal piano cottura, per bloccare completamente l’estrazione.

– La caffettiera va trattata con cura, lavata e tenuta in ottimo stato. Utilizzate guarnizioni in silicone, più resistenti e durevoli rispetto alla gomma.
Altra cosa importante è trattare bene la macchina e pulirla dopo ogni estrazione con l’acqua, ma senza il sapone.
Strofinare quindi con della carta da cucina quando è ancora umida, soprattutto il filtro e la cuccuma, le parti in cui si depositano la maggior parte delle sostanze grasse del caffè, che possono, irrancidire e rovinare la moka.

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio.

FacebookInstagramYouTube