moka_casa
Il caffè preparato con la moka è ancora il preferito da molti italiani, che lo preferiscono anche all’espresso del bar. Per ottenere un buon caffè non è sufficiente affidarsi alla tradizione, ma servono conoscenze e tecniche di precise.

Un rito quotidiano, condiviso al mattino da molti italiani: acqua, caffè macinato, un piccolo movimento di polso ed il gioco è fatto.
Si accende la fiamma e dopo qualche minuto quel gorgoglio e quel profumo di caffè, inconfondibile, che riempie e inebria tutta la casa.

Voler spiegare a un italiano come preparare un caffè con la moka a regola d’arte sembra un’impresa davvero ardua, ognuno con il proprio modo di prepararlo, le proprie abitudini, le proprie ricette, i propri accorgimenti, molto spesso segreti, custoditi gelosamente e che verranno tramandati di generazione in generazione.

Le regole per una moka a regola d’arte

– Utilizzare acqua filtrata oppure una oligominerale, perché maggiore è la concentrazione di sali disciolti nell’acqua, minore sarà la quantità di sostanze grasse buone che verranno estratte. Sulla temperatura, due scuole di pensiero: a temperatura ambiente, o calda, tuttavia ciò che conta è la “pulizia” dell’acqua, ovvero la minor quantità di cloro possibile.

– Per quanto riguarda la quantità di acqua, è bene tenersi al livello della valvola della parte inferiore. Un livello che si può talvolta ridurre, ma mai superare. La valvola serve per sfiatare vapore: se viene coperta con l’acqua, verrà otturata e farà fuoriuscire solamente acqua.

– I chicchi di caffè devono essere macinati al momento. Dopo circa 15 minuti dalla macinazione, infatti, il caffè ha già perso circa il 65% degli aromi.

– La miscela più utilizzata in Italia è la 30/70, con un 30% robusta e un 70% arabica. Ma una buona tazzina si può preparare (ed è consigliabile provare) anche con una singola origine o una miscela 100% arabica.

– Montagnetta no! Perché, nel momento in cui si avvita la caffettiera, la polvere va a depositarsi sui bordi e finisce sulla guarnizione: senza un’ottima tenuta tra le due parti, il caffè viene estratto male. E poi, per il rapporto tra acqua e caffè, che solitamente, per una moka da tre, deve essere di 1 a 10. Quindi, circa 15 gr di caffè per 150 ml di acqua. Se si aumenta la quantità di polvere, alcuni dei composti solubili, quelli più amari e meno gradevoli vanno a finire nella tazzina.

– Interrompere l’estrazione un po’ prima del gorgoglio, quando il caffè arriva a circa tre quarti del bricco, in modo da trattenere all’interno della bevanda la maggior parte degli aromi.

– Per la preparazione di una buona moka è ideale una fiamma media. Una volta spenta la fiamma prima del gorgoglio, togliere la caffettiera dal piano cottura, per bloccare completamente l’estrazione.

– La caffettiera va trattata con cura, lavata e tenuta in ottimo stato. Utilizzate guarnizioni in silicone, più resistenti e durevoli rispetto alla gomma.
Altra cosa importante è trattare bene la macchina e pulirla dopo ogni estrazione con l’acqua, ma senza il sapone.
Strofinare quindi con della carta da cucina quando è ancora umida, soprattutto il filtro e la cuccuma, le parti in cui si depositano la maggior parte delle sostanze grasse del caffè, che possono, irrancidire e rovinare la moka.

ULTIME DAL BLOG

24Mag 2019
Jägermeister Slayer

Jägermeister Slayer la limited edition per celebrare l’ultimo tour della band statunitense. Jägermeister lancia una bottiglia in edizione limitata in onore degli Slayer per il loro ultimo tour e della loro prossima esibizione al Download Festival UK, il 16 giugno. Il liquore amaro tedesco, nasce dall’infusione di 56 varietà di pregiate erbe, radici, frutti e […]

20Mag 2019
quanti caffè devi bere in un solo giorno per morire

Quando si pronuncia la parola caffè, viene in mente subito l’Italia perchè è prorpio in Italia che il caffè, con l’espresso, ha trovato la sua massima e migliore espressione. Noi italiani siamo, da sempre, grandi consumatori di caffè, ma a quanto pare l’Italia non è il paese dove si beve più caffè nel mondo. Ecco […]

17Mag 2019
long island ice tea

Il Long Island Ice Tea era molto di moda nell’America degli anni 90 in piena epoca Grunge, soprattutto tra gli adolescenti, che grazie al colore simile a quello del da tè freddo, riuscivano ed eludere il divieto di bere bevande alcoliche. Ricetta ½ oz | 1,5 cl | Vodka ½ oz | 1,5 cl | […]

14Mag 2019
gin tonic

Bere Gin Tonic può aiutarti a bruciare calorie: alcuni studi lo dimostrano E chi l’avrebbe mai detto! Sembra incredibile dal momento che stiamo parlando di Gin Tonic e quindi di una bevanda alcolica, ma secondo gli scienziati gli effetti del gin sono ottimi per il metabolismo, naturalmente, se usato con cautela, senza abusarne. L’esperimento è […]

11Mag 2019
Spritz

Lo Spritz è senza dubbio il cocktail aperitivo italiano più amato, tuttavia le origini di questo cocktail sono piuttosto incerte. Alcuni affermano che risalga agli anni precedenti l’Unità d’Italia per opera dei soldati austriaci nel Triveneto, altri sostengono  che sia nato intorno al 1917 nelle zone intorno al Piave durante la Prima Guerra Mondiale. Il nome […]

06Mag 2019
cocktail aperitivi

Cocktail aperitivi, quali sono i più richiesti? L’aperitivo è un momento magico, irrinunciabile, da condividere con gli amici in qualsiasi stagione o periodo dell’anno. Bicchiere in mano, appetizer e tartine sorseggiando il drink preferito. Ma quali sono i cocktail aperitivi più richiesti? Scopriamolo! Lo Spritz è sicuramente un must per tutti gli amanti dei cocktail […]

02Mag 2019
bicchiere da birra

Bicchieri da birra: come scegliere i bicchieri adatti per la birra artigianale La birra è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione di mosto a base di malto d’orzo, aromatizzata e amaricata con luppolo. Rientra sicuramente tra le bevande alcoliche più antiche e diffuse al mondo con tradizioni, regole di produzione, e di servizio, ben consolidate. Analizzando il mercato dell’Unione Europea scopriamo che sono attivi 8.490 […]

29Apr 2019
caffè, tutti i benefici

Il caffè è una bevanda ottenuta dalla macinazione dei semi di alcune specie di piccoli alberi tropicali appartenenti al genere Coffea, parte della famiglia botanica delle Rubiacee, un gruppo di angiosperme che comprende oltre 600 generi e 13.500 specie. Qahwa nella lingua araba significa ‘eccitante’. Il nome venne scelto dai mercanti che, intorno all’anno mille, riportarono dall’Africa i preziosi chicchi. In turco venne chiamato kahve e diventò il caffè commerciato dai mercanti veneziani all’inizio del 17° secolo […]

25Apr 2019
club derriere Roma

Club Derrière a Roma presenta una nuova Cocktail list. La recente moda degli speakaesy bar trova uno dei suoi migliori esempi a Roma, al Club Derrière. Il locale è ben nascosto, proprio come si faceva in epoca del proibizionismo. Nonostante questo è però, come era prevedibile, sulla bocca di tutti. Si trova nascosto tra Piazza Navona e […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi