long island ice tea
Il Long Island Ice Tea era molto di moda nell’America degli anni 90 in piena epoca Grunge, soprattutto tra gli adolescenti, che grazie al colore simile a quello del da tè freddo, riuscivano ed eludere il divieto di bere bevande alcoliche.

Ricetta

½ oz | 1,5 cl | Vodka
½ oz | 1,5 cl | Rum chiaro
½ oz | 1,5 cl | Gin
½ oz | 1,5 cl | Triple Sec
¾ oz | 2,5 cl | Succo di limone
1 oz | 3 cl | Sciroppo di zucchero
Cola a completare dopo aver shakerato
Se preferite la versione con la Tequila, aggiungetene ½ oz (1,5 cl)

Preparazione

Versare tutti gli ingredienti in uno Boston Shaker pieno di ghiaccio, shakerare e filtrare con lo strainer in un tumbler alto colmo di nuovo ghiaccio tumbler alto con ghiaccio e completare con la cola. Decorare con un fetta di limone e servire.

Storia

Alcuni sostengono l’invenzione sia da collocare, addirittura, ai tempi del Proibizionismo Americano del 1919, dove era servito all’interno dei locali “Speakeasy”.
Probabilmente il Long Island Ice Tea ai tempi del proibizionismo era un misto di alcolici, sopratutto rum facilmente reperibile nella vicina Cuba, la tequila dal Messico, whisky bianco canadese, zucchero, limone e Coca Cola, nato appunto per farlo sembrare tè freddo e somministrarlo ai clienti “assetati”.
Chi non concorda con questa versione sostiene che la Coca Cola non fosse un prodotto contemplato dai barman dell’epoca.

Secondo J.S. Moore autore del libro “Understandig Apples” la nascita del cocktail è databile sempre negli anni 20 nella comunità di Long Island, ma a Kingsport nel Tennessee. La ricetta prevedeva rum, vodka, whisky, gin, tequila, sciroppo d’acero e soda e fu inventata da un signore il cui soprannome era “Old Man Bishop” e fu poi riproposta dal figlio Ranson negli anni 40, ma con delle modifiche.

La verità sulla nascita del Long Island Ice Tea probabilmente non lo sapremo mai, ma la storia che ha maggiori riscontri racconta di un barman di Long Island, del bar “All Oak Beach Inn”, conosciuto come Robert “Rosebud” Butt che creò il cocktail che noi oggi conosciamo, anche se sulla ricetta ci sono pareri discordanti perchè c’è chi lo prepara con la tequila e chi senza.

Molti Bartender sostengono che il Long Island Ice Tea non sia un cocktail, perchè non rispetta le regole della miscelazione dal momento che presenta 3 basi alcoliche (4 con la tequila) di origine diversa nello stesso cocktail, ma è innegabile che il suo successo sia stato esagerato, a tal punto che ne sono state concepite infinite varianti, alcune delle quali, hanno avuto a loro volta un gran successo, come il Japanese Ice Tea con il Midori o il Miami Ice Tea con il Blue Curacao.

Se vuoi approfondire le conoscenze sul mondo dei cocktail e sulla professione del barman e della barlady, FPU Barman Academy ente di formazione accreditato dalla Regione Lazio, propone un corso ad hoc: il corso da Barman e Barlady.

ULTIME DAL BLOG

16Lug 2019
throwing

Il throwing è una tecnica di miscelazione che negli ultimi anni ha trovato larghi consensi tra i bartender di tutto il mondo, ma che ha origini molto antiche. Le popolazioni asiatiche la utilizzavano e la utilizzano ancora oggi per raffreddare il tè caldo. Anche in Spagna, questa tecnica era conosciuta ed utilizzata nel rituale del […]

12Lug 2019
boulevardier

Ricetta 1/3 | 3 cl | 1 oz bourbon whiskey 1/3 | 3 cl | 1 oz bitter Campari 1/3 | 3 cl | 1 oz vermouth rosso Guarnizione: scorza di aarancia Preparazione Versare tutti gli ingredienti nel mixing glass, precedentemente raffreddato. Aggiungere ghiaccio e mescolare per circa 10 secondi. Filtrare il contenuto del mixing […]

09Lug 2019
Varianti intriganti dello Spritz

Varianti intriganti dello Spritz Lo Spritz è senza dubbio il cocktail aperitivo italiano per antonomasia, facile da preparare e facile da bere. Si versano all’interno del calice da vino pieno di ghiaccio , Aperol o Campari , prosecco, una spruzzata di acqua gassata e il gioco è fatto!  Il nome Spritz, di origine austriaca, deriva infatti dal verbo “spritzen” che […]

05Lug 2019
Jim Beam

Jim Beam: in fiamme 45.000 barili di bourbon! Negli Stati Uniti e più precisamente a Versailles, nel Kentucky, un incendio ha distrutto un enorme magazzino di Jim Beam, mandando in fiamme 45.000 barili di bourbon. L’incendio è scoppiato intorno alle 23:30 locali di martedì 2 luglio. Chi o cosa possa aver provocato l’incendio è ancora […]

02Lug 2019
Sazerac

SAZERAC Ricetta 1 ¾ oz | 5 cl | Cognac ¾ oz | 2 cl | Assenzio 1 | Zolletta di zucchero 1 dashes | Peychaud’s Bitters Preparazione Riempire un tumbler basso di ghiaccio. In un mixing glass mettere la zolletta di zucchero bagnata di Peychaud’s Bitters, il Cognac e sciogliere tutto con il pestello. […]

29Giu 2019
hugo

HUGO  Ricetta La ricetta originale prevede: – 15 cl di prosecco – 2 cl di sciroppo di melissa – uno spruzzo di soda – foglie di menta Decorazione: una fetta di lime La ricetta più diffusa è quella con lo sciroppo di fiori di sambuco al posto dello sciroppo di melissa: – 6 cl (40%) […]

24Giu 2019
Tequila Sunrise

TEQUILA SUNRISE Ricetta 4,5 cl. di tequila 9 cl. di succo d’arancia 1,5 cl. di granatina Preparazione Versare la tequila ed il succo d’arancia in un bicchiere da long drink pieno di ghiaccio a cubetti. Mescolare, dopodichè versare lo sciroppo di granatina che andrà a depositarsi sul fondo del bicchiere. A questo punto mescolare delicatamente […]

22Giu 2019
ginger beer

Ginger Beer In Italia fino a qualche anno fa era praticamente sconosciuta, ma oggi non se ne può fare a meno. Molti lo hanno conosciuto ed hanno imparato ad apprezzarlo bevendo il Moscow Mule, probabilmente uno dei cocktail più di moda negli ultimi anni nonostante la ricetta sia stata concepita nel lontano 1947. Anche la […]

17Giu 2019
Quinta da Pacheca

Vacanze alternative? Ecco la soluzione che fa per voi! Non avete ancora prenotato per le vacanze estive e siete alla ricerca di qualcosa alternativo? Dormire in una grande botte di vino, circondato da un vigneto potrebbe essere la soluzione che fa per voi. Tra le rinomate colline del prosecco, a Vittorio Veneto, a pochi chilometri […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi