Rileggendo per l’ennesima volta il capolavoro di David Wondrich, “Imbibe”, mi sono soffermato su un breve paragrafo introduttivo riguardo uno di quelli che l’autore definisce i tre momenti della miscelazione.
In questo periodo grandi innovazioni si fanno largo nel mondo del bar.
Primo tra tutti il ghiaccio! Fino ad allora difatti, si era soliti utilizzare spesso acqua bollente, o servire “drink” molto semplici.
L’introduzione del ghiaccio implica in oltre un diverso tipo di manualità del bartender, che da semplice “versatore” comincia a diventare un vero e proprio “artigiano” (o artista, da alcuni punti di vista). Di conseguenza il pubblico si orienta sempre più sulla preferenza per il drink individuale, a scapito delle larghe bowls “collettive”.
Inoltre ciò causa la nascita di un diverso tipo di attrezzatura, e per qualità e per quantità.
Molti gli attrezzi per la manipolazione del ghiaccio; comincia l’introduzione delle cannucce;
il “toddy stick” viene rimpiazzato da quello che oggi definiamo bar spoon, un cucchiano col manico più lungo e agevole.
Ma, in ordine di importanza, sicuramente un primato va allo sviluppo di quello che oggi genericamente definiamo “shaker”!
In realtà l’utilizzo dell’acciaio inossidabile verrà introdotto solo successivamente, durante il Proibizionismo; materiali prediletti allora, nickel e argento.
Una versione più “americana” è quella che inquadriamo come Boston Shaker, composto appunto da un tin e un mixing glass. La versione inglese al contrario, era rappresentata da quello che denominiamo Cobbler Shaker, interamente in metallo.
Non di meno, in alcune ricette di Jerry Thomas del 1862, comincia il concetto di Strain, di separare il ghiaccio utilizzato per la preparazione, dal drink. Primo strainer, il Julep strainer, all’inizio inserito nel bicchiere di modo che il cliente potesse separare da solo il liquido dal ghiaccio durante il consumo.
Nel 1883 un bartender di Kansas City comincia a utilizzare la pratica di freddare il bicchiere precedentemente alla preparazione del drink.
Oltre alle tecniche e agli strumenti di lavoro, anche i drink diventano più elaborati:
vengono inserite guarnizioni come bacche e pezzi di frutta fresca
si importano sciroppi dalla Francia, e liquori da Olanda e Italia per dolcificare
aumenta il numero dei bitter in commercio
si utilizzano vini più importanti e distillati con lungo invecchiamento
Ed in questo periodo, in ultimo, viene coniato un termine a molti particolarmente caro:
“mixologist”!
Questo ovviamente è un brevissimo riassunto di tutto ciò che in quel periodo è avvenuto; uno spunto, molti spunti da approfondire.
Sta di fatto che molte delle innovazioni che sono sopravvissute sino ai giorni nostri devono la loro creazione a quel periodo.

(Matteo “dedde” Ciampicali, FPU Barman Academy)

Cerchi Lavoro? Diventa un Barman Professionista

Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corso Barman & Barlady Certificato. Attestato Riconosciuto. Inserimento nel Mondo del Lavoro al Termine del Corso. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

ULTIME DAL BLOG

14Ago 2020
Aston Martin

Aston Martin e Bowmore: due icone, un’unica visione visione che da vita ad un qualcosa di assolutamente luxury ed esclusivo: un whisky eccezionale impreziosito ulteriormente da una bottiglia ricavata da un pistone della DB5. Le due autentiche eccellenze britanniche hanno infatti collaborato per proporre un prodotto di altissima gamma: un lotto di whisky ultra-limitato e […]

11Ago 2020
Collezione Roma Luigi Bormioli

Bormioli: collezione Roma 1960. La collezione di bicchieri Roma 1960 di Luigi Bormioli si amplia inserendo sei nuove referenze. Si tratta di una collezione dall’ispirazione vintage, che trae il suo fulcro dalle magiche atmosfere felliniane della Dolce Vita. Un periodo magico a cui attingere, che vedeva la città di Roma come la grande protagonista catalizzatrice di tutti i […]

07Ago 2020
gin fatto in casa

Festeggia le nozze con 4 amici bevendo gin fatto in casa: donna trentaquattrenne muore nel sonno. “Il matrimonio è il giorno più bello della propria vita e merita di essere festeggiato al meglio”. Deve aver pensato così la donna che ha deciso di rendere omaggio alle proprie nozze passando un weekend con gli amici per brindare […]

04Ago 2020
Mojito senza glutine

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, un insieme di proteine a loro volta contenute nel frumento, nell’orzo, nella segale, nel farro e in altri cereali minori. La celiachia rende tossici, nei soggetti affetti o predisposti, tutti gli alimenti derivati dai suddetti cereali o contenenti glutine in seguito a contaminazione. La malattia celiaca non ha […]

31Lug 2020
Il Buckingham Palace Dry Gin

La Regina Elisabetta ha fatto centro un’altra volta mettendo in commercio il Buckingham Palace Gin. Il Gin & tonic è il cocktail inglese per eccellenza. L’origine di questo cocktail risale ai tempi del dominio britannico in India e si deve al medico scozzese George Cleghorn. Stava studiando gli effetti della chinina sulla malaria, da qui […]

28Lug 2020
ghiaccio nei cocktail

Il ghiaccio nei cocktail sembra una cosa quasi scontata, un abbinamento così azzeccato da far credere di esserci sempre stato. Ma non è affatto così! “Mettimi tutta la notte in un cocktail e fammela bere in un sorso”Cerchi Lavoro? Diventa un Barman ProfessionistaScuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corso Barman & Barlady Certificato. Attestato Riconosciuto. Inserimento […]

24Lug 2020
champagne

Gli champagne emergenti consigliati da Vincenzo Donatiello, sommelier 3 stelle Michelin. Vincenzo Donatiello è unanimemente considerato uno dei migliori sommelier d’italia e, non a caso, lavora in uno dei più prestigiosi ristoranti del mondo: Piazza Duomo.Lavorare Viaggiando o Viaggiare Lavorando?Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo! Corsi Barman & Barlady Certificati. Attestato […]

21Lug 2020
Distilleria Nardini

Nardini, la distilleria più antica d’Italia, ha deciso di rinnovare il look di due referenze storiche. Sono infatti state aggiornate le etichette di Bitter Nardini e Mezzoemezzo.  Per stare al passo con i tempi si è deciso di rinnovare l’aspetto grafico optando per un’immagine più contemporanea ma sempre in grado di rimanere fedele al proprio heritage. Alla base del cambiamento […]

17Lug 2020
Affini a Torino

Affini è uno dei locali più conosciuti a Torino quando si parla di aperitivo. E, parlare di aperitivo a Torino, è cosa seria dato che, anche se non tutti ne sono a conoscenza, l’aperitivo è nato proprio nella città piemontese. Tutto iniziò addirittura nel fine settecento. Fu infatti Antonio Benedetto Carpano, nel 1786, a creare il […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form