fbpx

Rileggendo per l’ennesima volta il capolavoro di David Wondrich, “Imbibe”, mi sono soffermato su un breve paragrafo introduttivo riguardo uno di quelli che l’autore definisce i tre momenti della miscelazione.
In questo periodo grandi innovazioni si fanno largo nel mondo del bar.
Primo tra tutti il ghiaccio! Fino ad allora difatti, si era soliti utilizzare spesso acqua bollente, o servire “drink” molto semplici.
L’introduzione del ghiaccio implica in oltre un diverso tipo di manualità del bartender, che da semplice “versatore” comincia a diventare un vero e proprio “artigiano” (o artista, da alcuni punti di vista). Di conseguenza il pubblico si orienta sempre più sulla preferenza per il drink individuale, a scapito delle larghe bowls “collettive”.
Inoltre ciò causa la nascita di un diverso tipo di attrezzatura, e per qualità e per quantità.
Molti gli attrezzi per la manipolazione del ghiaccio; comincia l’introduzione delle cannucce;
il “toddy stick” viene rimpiazzato da quello che oggi definiamo bar spoon, un cucchiano col manico più lungo e agevole.
Ma, in ordine di importanza, sicuramente un primato va allo sviluppo di quello che oggi genericamente definiamo “shaker”!
In realtà l’utilizzo dell’acciaio inossidabile verrà introdotto solo successivamente, durante il Proibizionismo; materiali prediletti allora, nickel e argento.
Una versione più “americana” è quella che inquadriamo come Boston Shaker, composto appunto da un tin e un mixing glass. La versione inglese al contrario, era rappresentata da quello che denominiamo Cobbler Shaker, interamente in metallo.
Non di meno, in alcune ricette di Jerry Thomas del 1862, comincia il concetto di Strain, di separare il ghiaccio utilizzato per la preparazione, dal drink. Primo strainer, il Julep strainer, all’inizio inserito nel bicchiere di modo che il cliente potesse separare da solo il liquido dal ghiaccio durante il consumo.
Nel 1883 un bartender di Kansas City comincia a utilizzare la pratica di freddare il bicchiere precedentemente alla preparazione del drink.
Oltre alle tecniche e agli strumenti di lavoro, anche i drink diventano più elaborati:
vengono inserite guarnizioni come bacche e pezzi di frutta fresca
si importano sciroppi dalla Francia, e liquori da Olanda e Italia per dolcificare
aumenta il numero dei bitter in commercio
si utilizzano vini più importanti e distillati con lungo invecchiamento
Ed in questo periodo, in ultimo, viene coniato un termine a molti particolarmente caro:
“mixologist”!
Questo ovviamente è un brevissimo riassunto di tutto ciò che in quel periodo è avvenuto; uno spunto, molti spunti da approfondire.
Sta di fatto che molte delle innovazioni che sono sopravvissute sino ai giorni nostri devono la loro creazione a quel periodo.

(Matteo “dedde” Ciampicali, FPU Barman Academy)

ULTIME DAL BLOG

30Giu 2020
prosecco doc rosè

Prosecco DOC rosé: è stato approvato e sta per arrivare! Tutti lo vogliono da tempo e lo chiedono a gran voce. Un’indagine realizzata da Wine Monitor di Nomisma e presentata all’edizione 2019 di Vinitaly (all’indomani dell’annuncio dell’intenzione dei produttori di avviare l’iter per inserire la versione rosé del Prosecco) fece emergere una grande richiesta di […]

26Giu 2020
Nocino di San Giovanni

Il “Nocino”, tradizionale liquore preparato con le noci raccolte durante la notte di san Giovanni, racchiude in sé un mistero che si tramanda ormai da centinaia di migliaia di anni di storia… Ma cosa c’entra San Giovanni Battista (festeggiato il 24 giugno) con il nocino? Perché questo liquore legato da un filo indissolubile alla tradizione […]

23Giu 2020
fitness tra le vigne

Fitness tra le vigne della Franciacorta con un personal wine trainer. E’ la grande novità del momento e permette di coniugare la forma fisica alla passione per la natura e, perché, no un buon bicchiere di vino. Siamo in Franciacorta e, ad aiutarti a rimanere in forma, arriva il ‘personal wine trainer”! Possiamo proprio definirla […]

19Giu 2020
i liquori più alcolici

Liquori più forti al mondo: scopri la classifica con i primi 10. Sai quali sono i liquori più alcolici al mondo? Premesso che la ricerca di produrre liquori molto forti è un po’ una tendenza degli ultimi anni, ecco quali sono i più forti che potrete trovare in commercio. I liquori più alcolici al mondo […]

16Giu 2020
wine resort

Wine Resort: i migliori hotel tra le vigne italiane. Sempre più italiani, ma non solo, amano le vacanze che riescono a coniugare cultura, relax e amore per la tavola. Una passione che include sia il buon cibo che il ricercato gusto per il bere. Cavalcando questo trend positivo, sono moltissime le aziende vinicole che hanno aperto le […]

12Giu 2020
caffè nuvola

Per gli amanti del caffè è molto più di una semplice bevanda, è un rito. Un momento di degustazione del momento, e non solo della bevanda. Si può assaporare in mille varianti diverse: ristretto, lungo, macchiato, decaffeinato… Spesso di fretta prima di correre al lavoro, altre volte diventa un modo per staccare del mondo e […]

09Giu 2020
bicchiere di cognac

Cognac da record all’asta! Uno degli ultimi tre esemplari superstiti del Gautier Cognac 1762 è stato venduto oggi ad un’asta online di Sotheby’s e ogni precedente record è stato surclassato. Il prezioso distillato è infatti stato venduto a Londra per 118.580 sterline che corrispondono a 144.525 dollari (o 132.047 euro). Cognac Il Cognac è un […]

05Giu 2020
latte di mandorla

Il latte di mandorla è un ottimo alleato in cucina ed ha molte proprietà benefiche per il nostro organismo. Scopriamo insieme tutti i benefici del latte di mandorla. Il latte di mandorla è una deliziosa bevanda vegetale molto rinfrescante. Non contiene lattosio, cosa che lo rende un’ottima alternativa al latte vaccino per chi soffre di […]

02Giu 2020
vino italiano in vendita online

Il vino italiano ha scoperto l’e-commerce, una nuova opportunità per far fronte alla crisi dovuta al Covid-19. Se fino a poco fa le vendite di vino online erano solo una percentuale piuttosto esigua, in seguito al lockdown imposto per far fronte al nuovo Coronavirus, sono riuscite a conquistarsi una buona fetta di mercato. Quello che […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form