L'alcol aiuta ad essere più creativi!

L’alcol aiuta ad essere più creativi? Sembra proprio di si! Provate a pensarci: Boudelaire, Hemingway, James Joyce, Jack Kerouac, Truman Capote, Edgar Allan Poe… Sono molti gli artisti che, nel corso della loro vita, si sono dedicati all’arte e all’alcol. Binomio inscindibile? Forse no, ma certamente un filo conduttore ci deve essere. Molto spesso gli artisti affermano che l’alcol sia stato in grado di potenziare la loro creatività, ma anche molte persone comuni sostengono di aver avuto le loro migliori idee proprio dopo un paio di cocktail.

“E’ ora di ubriacarsi! Per non essere gli schiavi martirizzati del Tempo, ubriacatevi, ubriacatevi sempre! Di vino, di poesia o di virtù, come vi pare.”

 – Boudelaire –

 

Ora, dopo anni passati ad essere giudicati e ostracizzati, possono finalmente prendersi le rivincita. Uno studio da loro ragione dimostrando che un drink potrebbe rendere la vita più produttiva. A quanto pare, difronte ad un problema, si ‘ragiona’ meglio quando si è un po’ brilli. questo perchè si è in grado di fare in modo molto più veloce e fluido quelle associazioni di pensiero che consentono di trovare  soluzioni innovative e rivoluzionarie. 

Ok, è una capacità molto apprezzata da chi fa colloqui per le assunzioni ma ancora non mi sento di consigliarvi di andare ad un colloquio dopo due Spritz a colazione!

Quando si sente parlare di questi studi fantasiosi spesso gli si da poco credito. E’ anche vero che quasi sempre arrivano da piccolissime università sparse per il mondo, ma non è questo il caso!

Il professor Andrew Jarosz, del Dipartimento di Psicologia della Mississippi State University, ha illustrato la sua scoperta in una lunga intervista all’autorevole Harvard Business Review. Inoltre non si tratta di mera teoria ma è stato comprovato da un interessante esperimento scientifico.

Siamo in periodo di esami per la maturità e so quanti di voi li hanno odiati ma sono certa che, a questo esame, vi sareste sottoposti più che volentieri.

L’alcol aiuta ad essere più creativi, lo conferma un test

Ad un gruppo di studenti dell’ateneo statunitense è stato chiesto di bere cocktail con vodka e mirtilli fino al raggiungimento della soglia legale di alcol nel sangue. Poi è stato sottoposto loro un test di problem solving creativo.

A quanto sembra gli studenti un po’ brilli sono riusciti  rispondere a più domande dei loro colleghi sobri. Il test, denominato “Remote Associates Test” ha dimostrato quanto un po’ d’alcol in corpo aiuti a fare associazioni di pensiero innovative più velocemente che non in condizioni normali.

Come era prevedibile lo studio ha ricevuto non poche critiche. La principale è dovuta al fatto che il campione di studenti sottoposti al test era davvero esiguo (solo 20 studenti) e limitato a ragazzi maschi con meno di 30 anni.

Secondo Jarosz  però, si è perso il focus della questione. La sua non era una difesa dell’uso di alcolici ma la dimostrazione che la perdita di concentrazione, è di aiuto e non di ostacolo. Afferma infatti che:

“Amo le birre artigianali ma in genere non bevo sul posto di lavoro, e il mio obiettivo di ricerca non era l’alcol. Ero più interessato a indagare i modi per migliorare l’abilità di risoluzione dei problemi. Mi sono sempre chiesto che cosa induca le persone ad avere improvvisi lampi di intuizione. E il test mostra chel’alcol può essere un fattore, perché porta a rilassare la mente”

In sostanza? L’alcol aiuta ad essere più creativi! Non guidare o fare cose che richiedono la massima attenzione ma, se devi scrivere una canzone, comporre un poema o realizzare la signature della tua vita, potresti aiutarti con un paio di cocktail.

Sempre Jarosz, però, tiene a precisare che:

“Se hai bisogno di pensare fuori dagli schemi, qualche drink a pranzo potrebbe essere positivo”Attenzione, però, perché la correlazione fra alcol e problem solving con probabilità si annulla quando si passa da “brillo” a “ubriaco”

ULTIME DAL BLOG

17Giu 2019
Quinta da Pacheca

Vacanze alternative? Ecco la soluzione che fa per voi! Non avete ancora prenotato per le vacanze estive e siete alla ricerca di qualcosa alternativo? Dormire in una grande botte di vino, circondato da un vigneto potrebbe essere la soluzione che fa per voi. Tra le rinomate colline del prosecco, a Vittorio Veneto, a pochi chilometri […]

15Giu 2019
midori

Midori…o si odia o si ama! Nell’era della mixology, per un bartender avere una bottiglia di Midori nella bottigliera alle proprie spalle o nello speed rack, non è sicuramente motivo di vanto. Un segno indelebile degli anni ’80 e ’90 quando i cocktail avevano e colori sgargianti! Gli stessi anni in cui Tom Cruise interpretava, […]

12Giu 2019
pub per nudisti

Pub per nudisti? Bere una birra completamente nudi e vivere un’esperienza fuori dal comune? A Londra è possibile. Il The Coach and Horses uno dei più antichi pub di Londra ha ottenuto la licenza per il nudismo ed ora entrando nel locale, si potranno togliere tutti i vestiti, senza limitarsi solo al cappotto… Lo stravagante proprietario […]

10Giu 2019
bio-bottle

Bio Bottle Sant’Anna è la prima bottiglia al mondo prodotta con PLA, un particolare polimero che si ricava dalla fermentazione degli zuccheri contenuti nelle piante, biodegradabile al 100%, che in soli 80 giorni torna semplicemente a far parte della natura, come certifica la conformità alla norma EN13432. Inoltre questa innovativa bioplastica ottenuta da materie prime […]

06Giu 2019
anni 90

Anni 90: i cocktail che hanno segnato un’epoca. Oggigiorno, viviamo in un particolare momento storico segnato dall’avvento della mixology, dove molto spesso il cliente ne sa più del bartender e giustamente si lamenta se non c’è la giusta dose di ogni ingrediente nel cocktail. Facciamo i “fighi” chiedendo un Moscow Mule con lo zenzero fresco, […]

03Giu 2019
mipig cafè

Mipig Cafè: a Tokyo, il tè e il caffè si sorseggia coccolando piccoli maialini. Una volta c’erano i neko cafè, ovvero i locali all’interno dei quali i gatti potevano scorrazzare liberamente e prendersi le coccole dei clienti. Questa moda, divenuta famosa anche in Europa, era stata lanciata in Giappone che attualmente pullula di bar in […]

01Giu 2019

Canù è la prima cannuccia di pasta biologica, senza glutine, fatta di mais e riso, biodegradabile e soprattutto commestibile. Dal 2021, finalmente, la plastica monouso non esisterà più e molte aziende stanno lavorando per trovare soluzioni alternative. A concepire una soluzione alternativa per le cannucce ci ha pensato la Cooperativa Campo, azienda di Fossombrone nelle Marche nata nel […]

28Mag 2019
Sea-Breeze

Sea Breeze, un cocktail estivo, un long drink leggero a base di vodka, succo di cranberry e pompelmo fresco, facile da preparare e da bere. Ricetta 4 cl | 1 ¼ oz vodka 9 cl | 3 oz succo di cranberry 3 cl | 1 oz succo di pompelmo Preparazione Versare gli ingredienti in un […]

24Mag 2019
Jägermeister Slayer

Jägermeister Slayer la limited edition per celebrare l’ultimo tour della band statunitense. Jägermeister lancia una bottiglia in edizione limitata in onore degli Slayer per il loro ultimo tour e della loro prossima esibizione al Download Festival UK, il 16 giugno. Il liquore amaro tedesco, nasce dall’infusione di 56 varietà di pregiate erbe, radici, frutti e […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi