James Bond Martini

James Bond, tra romanzi e film, è diventato un’icona della mixology. Dal primo film, Licenza di uccidere del 1962 fino al tanto atteso No Time To Die i cocktail (ma anche la birra e lo champagne) hanno sempre un ruolo da coprotagonisti.

L’uscita di No Time To Die, il nuovo film di James Bond, è stata rinviata al 2021 a causa della pandemia da coronavirus.

Corso Barman Certificato | Scuola Accreditata Regione Lazio

Corso Barman & Barlady Professionale. Attestato Riconosciuto per Lavorare in Tutto il Mondo. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

L’annuncio è stato incluso in un comunicato dei produttori del film e delle case di produzione cinematografica MGM e Universal.

La data di uscita del film sarà «spostata al 2 aprile così che possa essere visto dal pubblico cinematografico di tutto il mondo», dice il comunicato.

Si dovrà aspettare ancora per brindare, dunque. Ma sicuramente l’attesa non fa altro che alimentare le aspettative.

James Bond e la passione per i cocktail

Che James Bond sia sempre stato un grande amante del beverage non è un mistero. Champagne, cocktail, birra… Tra un mistero ed un inseguimento non manca mai un momento di seduzione accompagnato da un brindisi di classe.

Decenni di film di successo, diversi interpreti ma non c’è un solo 007 che non si sia concesso una pausa alcolica. Dal classico Martini alla birra olandese dell’ultimo Skyfall: ecco tutti i drink dell’agente segreto più famoso del mondo.

James Bon: tutti i drink dell’agente 007

Le statistiche parlano chiaro! Sean Connery e Pierce Brosnan bevono 11-12 volte nel corso di un film. Daniel Craig arriva addirittura a quota 20 drink. Ed è proprio Craig a lanciare il famoso Martini Belvedere con l’oliva siciliana nel film Spectre.

Classe ed eleganza, ma pur sempre seguace della moda! L’agente 007 non rinnova solo i gadget tecnologici per restare al passo con i tempi, ma anche i gusti nel bere. In Skyfall vediamo infatti James Bond buttarsi su un’olandese; doverosa precisazione: un birra e non una Bond Girl.

Il più celebre dei cocktail di 007 resta però il Vesper Martini rigorosamente “agitato e non mescolato”, che appare per la prima volta in “Casino Royale”. Prende il nome da Vesper Lind, la prima bond girl in assoluto, di cui la spia si innamora nel corso della saga.

Come si prepara? Procurati un calice da champagne, del Martini secco, tre parti di gin, una di vodka, mezza di Kila Lillet. Agita e poi aggiungi una scorza di limone lunga e sottile.

Ma non solo Martini! Forse non tutti sanno che, anche se non si vede quasi mai al cinema, il classico Whisky& Soda è citato ben 21 volte nei romanzi creati dallo scrittore britannico Ian Fleming. Il whisky ovviamente è preferibilmente uno scotch, ma la spia non disdegna la versione con il bourbon.

In Licenza di uccidere e in Al servizio segreto di Sua Maestà troviamo invece il Vodka Tonic con l’aggiunta di angostura bitter. Il cocktail Americano non appare mai sul grande schermo fino a “Bersaglio mobile” del 1985.

Viene preparato con 3 cl di bitter; 3 cl di vermut rosso Martini; una spruzzata di soda; una mezza fettina d’arancia e limone. Il tocco speciale? La Perrier: un modo per arricchire un cocktail “povero” con una soda très chic.

Il Mojito ha invece una storia opposta: è infatti un cocktail che appare poco sullo schermo ma addirittura non è presente nei romanzi.

Lo vediamo in mano a Pierce Brosnan ne “La morte può attendere”. Il film esce proprio nel 2002, quando il Moijto è uno dei cocktail più di moda, ma la scelta è anche giustificata dal fatto che ci troviamo a Cuba.

Champagne come se piovesse

La celebre canzone che celebrava le bollicine francesi diceva “Champagne, per brindare a un incontro” e James Bond deve averla fatta sua perché succede spessissimo che condivida una coppa di Champagne con una bella donna.

Una lezione di stile e seduzione! Lo champagne non manca mai nella carta dei vini di 007!

Un sodalizio di lunga data che nei romanzi celebra il Taittinger Brut o Blanc de Balc 1943, il Taittinger 1945 o il Veuve Cliquot.
Un altro grande classico è il Dom Pérignon del 1953, 1955 (Missione Goldfinger) e 1962.

Nella trasposizione cinematografica il protagonista è invece il Bollinger. Viene citato per la prima volta nel 1956 dallo stesso Ian Fleming nel romanzo in Diamonds are Forever ed al cinema è lo champagne più longevo. Flute di Bollinger compaiono in Vivi e Lascia morireGolden Eye, Licenza di Uccidere, Bersaglio Mobile e Casino Royale.

Un amore corrisposto dato che, nel 2006, Bollinger lanciò la prima speciale edizione del suo champagne, «Bollinger 007», con un contenitore d’acciaio a forma di proiettile che conteneva una magnum di Bollinger Grande Année 1999.

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

ULTIME DAL BLOG

Birra in un pub

“Birra finita in Gran Bretagna?” A quanto pare, dopo il lockdownd tutti si sono riversati nei pub con tanta voglia di dimenticare la crisi e, ancor più, di bersi una bella birra. La crescente richiesta di birra e di alcolici ha però messo in seria difficoltà molti locali che, a quanto pare, non riescono a […]

Chapter Roma bar

Chapter Roma ha un nuovo bar manager: è Joy Napolitano. Ma di che locale si tratta esattamente? Come viene spiegato sul loro sito si tratta di: “Un po’ salad bar, un po’ coffee shop. Un po’ juice bar, ma anche mercato e grocery store, tutto in un posto solo.Sano, veloce, unico e accogliente.Mangia da noi, […]

amaro Jefferson Calabria

La Calabria ci regala il migliore amaro al mondo. Si chiama Amaro Jefferson, soprannominato “Amaro Importante” dai tanti appassionati, e sta davvero conquistato la stima e l’apprezzamento di sempre più persone. Un successo che non fa altro che confermare una lunga tradizione fatta di tanta passione e meravigliose materie prime. La Calabria è meritatamente sempre di […]

L'uomo può vivere bevendo solo birra

L’uomo può vivere bevendo solo birra? C’è chi la ama a tal punto che berrebbe di birra, ma è possibile? La scienza ci risponde. Martin Lutero diceva: Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Iscriviti Subito e Risparmi 200€. Scopri di più […]

calorie birra

Calorie birra: Boris Jhonson e la sua proposta controversa. Proprio così il pramier britannico famoso per le sue uscite spesso controtendenza ne ha inventata un’altra: vorrebbe combattere l’obesità obbligando i pub ad indicare le calorie della birra su ogni bicchiere. Calorie birra per combattere l’obesità Il governo britannico, per incentivare la ripresa post COVID, sembra […]

Antico di Luxardo

Antico: il Vermouth interpretato da Luxardo nel suo bicentenario. Stile classico, gusto contemporaneo… Ecco l’alternativa al vermouth rosso! Luxardo presenta Antico Fondata da Girolamo Luxardo nel 1821 a Zara sulle coste della Dalmazia. Si dice che dietro un grande uomo ci sia sempre una grande donna. E anche in questo caso tutto parte da una […]

Birra Menabrea edizione limitata

Birra Menabrea: un omaggio a 12 città d’arte italiane. Menabrea è un’antica marca di birra che viene prodotta dalla omonima azienda la cui sede storica e il birrificio sono localizzati a Biella, in Piemonte. Il più antico birrificio italiano fa un omaggio d’artista alle più belle città d’arte con una nuova collezione di Birra Menabrea […]

Cedrata Tassoni

La birra Ceres acquisterà le Cedrate Tassoni? Royal Unibrew, la multinazionale della birra Ceres, potrebbe infatti acquisire l’azienda bresciana di cedrate Tassoni. Ci riuscirà? Si perché, secondo indiscrezioni piuttosto credibili, sarebbe solamente una delle quattro pretendenti ad aver fatto un’offerta. La birra Ceres in lizza per acquistare le Cedrate Tassoni I potenziali acquirenti della Cedral Tassoni, l’azienda […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form