Fieramonte, Amarone Riserva di Allegrini miglior vino rosso del 2020

miglior vino rosso del 2020

Fieramonte, Amarone Riserva di Allegrini miglior vino rosso del 2020 Inutile dire che 2020 non è stato un anno comune, ma si è caratterizzato per una crisi mondiale di ampia portata.

Per fortuna ci resta ancora qualche certezza come, ad esempio, l’annuale giudizio della giuria tecnica della rivista Decanter. Un giudizio tanto atteso che quest’anno ha premiato il Fieramonte di Allegrini con un punteggio di 98/100.

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio.

Il miglior vino rosso del 2020

Fieramonte 2012, Amarone Riserva di Allegrini, è stato incoronato come miglior vino rosso al mondo 2020 dal prestigioso magazine britannico ‘Decanter’.

Un primato importante per l’Italia assegnato dalla rivista britannica specializzata in enologia.

“È un grande riconoscimento per l’Amarone e per la Valpolicella – commenta Marilisa Allegrini – sono quarant’anni che racconto nel mondo la Valpolicella, Verona, la Corvina e l’appassimento, con grande amore e passione, e questo riconoscimento da parte di una rivista importante, e in un anno complicato, mi rende molto felice”.

“Ed è un grande premio per mio fratello Franco – aggiunge -, che è stato caparbio, e ha aspettato che questo vigneto avesse la maturità fisiologica per fare un cru di Amarone, un vino che gode molto della tecnica di produzione”. Fioramonte nasce dal vigneto omonimo, di alta collina, esposto ad est nella tenuta Allegrini, ed è una una produzione limitata a non più di 5mila bottiglie l’anno,.

Fioramonte nasce dal vigneto omonimo, di alta collina, esposto ad est nella tenuta Allegrini. Si tratta di una una produzione limitata a non più di 5mila bottiglie l’anno. La bottiglia che ha decretato la vincita risale alla produzione 2012.

Fieramonte, Amarone Riserva di Allegrini miglior vino rosso del 2020

Per la Griffe, che ha creduto nel progetto, può essere considerata una doppia vittoria. Il premio arriva, infatti, proprio con un vino prodotto nel 2012, solo il secondo anno dopo una pausa di 25 anni.

Un ritorno in grande stile che viene premiato con un titolo importante da una delle riviste più rilevanti del settore.

Ecco come l’azienda descrive il prezioso vino:

“Al naso si apre lentamente, dominato da un frutto rosso e carnoso che ricorda le ciliegie che a luglio maturano sulle colline più alte della Valpolicella, contornato dalle stesse erbe aromatiche che sbucano dai muretti a secco, per rivelare infine una profonda nota di spezie che dal pepe nero conduce ai chiodi di garofano.

All’assaggio colpisce per la pienezza del sorso che mette in luce possanza senza rinunciare alla tensione e l’agilità. Nessun aiuto dagli zuccheri, tannino ben presente ma che non aggredisce il palato, lo accarezza con decisione accompagnandosi ad un’acidità fresca e vitale che ne allunga e snellisce il sorso”.

Vini italiano apprezzati nel mondo

Non è finita qui per i vini italiani. I successi sono stati davvero tanti! Oltre al titolo di miglior vino rosso, un secondo titolo importante è stato guadagnato da un’altra azienda vinicola italiana.

Durante il campionato mondiale di Champagne e Spumanti il Prosecco Follador si è aggiudicato il premio per il miglior prosecco al mondo del 2020.

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio.

FacebookInstagramYouTube