Il caffè fa bene al cuore, è scientificamente dimostrato! Soprattutto quando è buono

Benefici del caffè per il cuore

Il caffè in italia è un’istituzione e si è da tempo radicato nel vissuto quotidiano. La colazione al bar, la pausa pranzo, il ‘caffè con le amiche e quattro chiacchiere’, il caffè al bar sport… In quanti di questi frammenti di vita quotidiana ti ritrovi? Che sia un piacere irrinunciabile per molti è ormai assodato ma, notizia estremamente positiva, ora riceve sempre più consensi anche dal mondo della ricerca scientifica.

L’ultimo in ordine di tempo viene dato proprio durante le XXIX Giornate Cardiologiche Torinesi “Advances in Cardiac Arrhythmias and Great innovations in Cardiology”, organizzate da Fiorenzo Gaita, direttore della Cattedra di Cardiologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Torino e Direttore della Cardiologia dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, e da Sebastiano Marra direttore del Dipartimento Cardiovascolare del Maria Pia Hospital di Torino.

Quello che emerge dalle giornate cardiologiche è che:

“QUATTRO o cinque tazzine di caffè al giorno, anche decaffeinato, riducono la mortalità cardiovascolare in follow up che vanno da 10 a 18 anni. A lungo termine, bere caffè ha un effetto positivo”.

Ma non sono solo gli studi italiani a dire questo! Anche una ricerca condotta da una nota università spagnola di Navarra è arrivato alla conclusione che 4 caffè al giorno sarebbero in grado di allungare la vita proprio grazie ai benefici effetti apportati al cuore ed al sistema circolatorio.

Assodato dunque che il caffè piace e fa bene, è altrettanto importante rimarcarne la necessità di un’ottima qualità. Caffè nero bollente, macchiato, aromatizzato, arricchito con panna o cacao, corretto con liquori… Un buon caffè fa sempre la differenza e se vuoi lavorare in un bar, il consiglio è sempre quello di non improvvisarti ma di concretizzare la tua passione con un corso serio e professionale come quello proposto da FPU Barman Academy. Il corso ti insegnerà tutte le tecniche ma non solo! Ti farà apprendere anche l’importanza di lavorare con le migliori materie prime. Perchè, diciamolo pure,  non tutti i caffè sono uguali!

I migliori caffè al mondo

Il caffè è legato al gusto personale ed ognuno deve assecondare le proprie preferenze,  ma è anche vero che ci sono caffè universalmente riconosciuti come speciali e da veri intenditori. Un esempio? Sapevi che il caffè più costoso al mondo si chiama caffè Kopi Luwak e viene ricavato dagli escrementi degli zibetti in libertà? Si perchè i simpatici animali si nutrono di bacche del caffè ma non sono in grado di digerirle e quindi le espellono non prima, però, di averle modificate nel passaggio nel loro tratto intestinale.

Anche il Black Ivory subisce un processo simile, solo che si ottiene dalle feci degli elefanti.

Ovviamente per entrambi la difficoltà di reperibilità influisce notevolmente sul prezzo. Chissà se ne vale la pena!

Se non sei in vena di stranezze ma vuoi comunque un ottimo caffè, il consiglio è di orientarti sul prestigioso Malongo Blue Mountain, originario della Giamaica. La sua particolarità è dovuta al fatto che, per una corretta raccolta, deve necessariamente essere coltivato a 2.000 metri di altitudine. Senza contare che necessità di un perfetto equilibrio tra  precipitazioni, umidità, sole e ombra.

Altro caffè decisamente prestigioso è il Sanani che proviene dallo Yemen. La sua unicità deriva dal fatto i chicchi devono passare attraverso un rigido protocollo di controllo e selezione prima di essere venduti col nome di caffè Sanami.

E se invece dei caffè più ricercati e particolari cerchi uno dei più popolari e conosciuti al mondo? Allora dovresti orientarti sul caffè Illy. E’ ottenuto miscelando diversi caffè della gamma arabica provenienti da Colombia, Etiopia, India o Brasile ed ha caratteristiche note di cioccolato, miele e caramello.

 

ULTIME DAL BLOG

10Ago 2019
Sangria

La sangria è la bevanda spagnola per antonomasia, il cui nome deriva dal termine spagnolo “sangre” (“sangue”), dovuto al colore rosso rubino anche se esiste una Sangria meno “sanguigna”, chiamata Sangria Blanca a base di spumante o vino bianco molto diffusa in Catalogna. Una bevanda tipicamente estiva, rinfrescante a base di vino, spezie e frutta […]

09Ago 2019
Atomik

Atomik la vodka prodotta nella zona di esclusione di Chernobyl, il primo prodotto di consumo proveniente dall’area abbandonata attorno alla centrale nucleare danneggiata. “La nostra idea era di usare la segale per creare uno spirito”, dice il professor Jim Smith a capo di un team di ricercatori dell’Università inglese di Portsmouth, nel Regno Unito, che […]

07Ago 2019
Robot Barman

Robot Barman: fantascienza o realtà? I Robot sostituiranno i tradizionali baristi, barman e barlady in carne ossa dietro al bancone? Chi lo sa, ma sicuramente un po’ di inquietudine per il futuro la mettono. Nel 2016 i Robot Barman avevano fatto la loro apparizione a bordo delle navi della flotta Royal Caribbean International. B1-0 e […]

19Lug 2019
sex on the beach

Ricetta 4 cl | 1 1/4 oz vodka 2 cl | 3/4 oz Peach Schnapps o Peach Tree (liquore alla pesca) 6 cl | 2 oz succo d’arancia Top succo di cranberry Preparazione Versare la vodka, il Peach Schnapps o Peach Tree e il succo di arancia nello shaker. Aggiungere ghiaccio e shakerare per 8/10 […]

16Lug 2019
throwing

Il throwing è una tecnica di miscelazione che negli ultimi anni ha trovato larghi consensi tra i bartender di tutto il mondo, ma che ha origini molto antiche. Le popolazioni asiatiche la utilizzavano e la utilizzano ancora oggi per raffreddare il tè caldo. Anche in Spagna, questa tecnica era conosciuta ed utilizzata nel rituale del […]

12Lug 2019
boulevardier

Ricetta 1/3 | 3 cl | 1 oz bourbon whiskey 1/3 | 3 cl | 1 oz bitter Campari 1/3 | 3 cl | 1 oz vermouth rosso Guarnizione: scorza di aarancia Preparazione Versare tutti gli ingredienti nel mixing glass, precedentemente raffreddato. Aggiungere ghiaccio e mescolare per circa 10 secondi. Filtrare il contenuto del mixing […]

09Lug 2019
Varianti intriganti dello Spritz

Varianti intriganti dello Spritz Lo Spritz è senza dubbio il cocktail aperitivo italiano per antonomasia, facile da preparare e facile da bere. Si versano all’interno del calice da vino pieno di ghiaccio , Aperol o Campari , prosecco, una spruzzata di acqua gassata e il gioco è fatto!  Il nome Spritz, di origine austriaca, deriva infatti dal verbo “spritzen” che […]

05Lug 2019
Jim Beam

Jim Beam: in fiamme 45.000 barili di bourbon! Negli Stati Uniti e più precisamente a Versailles, nel Kentucky, un incendio ha distrutto un enorme magazzino di Jim Beam, mandando in fiamme 45.000 barili di bourbon. L’incendio è scoppiato intorno alle 23:30 locali di martedì 2 luglio. Chi o cosa possa aver provocato l’incendio è ancora […]

02Lug 2019
Sazerac

SAZERAC Ricetta 1 ¾ oz | 5 cl | Cognac ¾ oz | 2 cl | Assenzio 1 | Zolletta di zucchero 1 dashes | Peychaud’s Bitters Preparazione Riempire un tumbler basso di ghiaccio. In un mixing glass mettere la zolletta di zucchero bagnata di Peychaud’s Bitters, il Cognac e sciogliere tutto con il pestello. […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi