Cocktail più alcolici, quali sono i più forti tra tutti? Ma partiamo dalle basi. Dalla definizione, cioè, di cocktail.

“Un cocktail è una bevanda ottenuta tramite una miscela proporzionata ed equilibrata di diversi ingredienti alcolici, non alcolici e aromi. Un cocktail ben eseguito deve avere struttura, aroma e colore bilanciati; se eseguito senza l’uso di componenti alcoliche viene detto cocktail analcolico.”

Se sei tra quelli che nemmeno conoscevano l’esistenza dei cocktail analcolici, questo è l’articolo che fa per te!

I cocktail più alcolici

Una volta un amico, dopo una serata particolarmente alcolica, mi mandò un selfie di lui abbracciato ad un palo della luce. Ecco perchè voglio darvi 3 consigli:

  • Avvertimento numero uno: attenzione a non esagerare! Ma, quando decidete di bere, bevete cose buone che ne valgano la pena.
  • Consiglio numero due: sfruttate l’amico che non beve e non mettetevi mai alla guida
  • Avvertimento numero tre: state lontani dai cellulari e dai/dalle ragazzi/ragazze che vi piacciono ma con cui non vi site ancora dichiarati

Ok, avvertimenti lanciati, ma ora pensiamo a bere.

La classifica dei cocktail più forti da bere

Hemingway, che era un grande amante dell’alcol consigliava “Scrivi da ubriaco, correggi da sobrio”. Sono convinta che avrebbe apprezzato parecchio questi drink.

Il girone dei dannati

Il nome è tutto un programma! Attenzione perchè è persino più alcolico di quel che sembra! Se esagerate potreste aver bisogno dell’accoppiata Dante e Virgilio per riusicre ad orientarvi.

  • 1,5 cl di Assenzio
  • 1,5 cl di Vodka
  • cl 1,5  di Gin
  • 1,5 cl di Liquore Galliano
  • 1,5 cl di Tequila
  • cl 1,5 di Rum Bianco

i cocktail più alcolici il girone dei dannati

Si prepara mixando in parti uguali, ma potete aumentare leggermente l’Assenzio, tutti gli ingredienti.

Cocktail più alcolici: AK-47

Tra i cocktail più forti sta decisamente ai primi posti. Per immaginare quanto è forte basta pensare che prende il nome dal mitico fucile d’assalto AK-47

Per preparalo bisogna inserire nello shaker:

  • 1 cl di Brandy
  • 1 cl di vodka
  • cl 1 di rum
  • 1 cl di Cointreau
  • 1 cl di bourbon whiskey
  • cl 1 di scotch whisky
  • 1 cl di gin
  • 1 cl di succo di lime

i cocktail piu alcolici

Aggiungete del ghiaccio ed agitate in maniera vigorosa per una quindicina di secondi, versate in un bicchiere ed aggiungete un pò di Sprite per smorzare l’impatto alcolico che sarà comunque decisamente “vigoroso”.

Cocktail più alcolici: Negroni

  • 3 cl di gin
  • cl 3 di bitter Campari
  • 3 cl di vermut rosso
  • Guarnizione: Fettina d’arancia

i cocktail piu alcolici negroni

Anche il Negroni entra di diritto tra i cocktail più forti. La sua preparazione si basa su gin, Vermouth rosso dolce e bitter a cui si aggiungno ghiaccio e una fetta d’arancia.

Cocktail più alcolici: Margarita

Tra i cocktail più alcolici inseriamo anche il messicano Margarita. Per realizzare questo drink servono davvero pochi ingredienti ed è facile da preparare anche a casa. Preparate:

  • 5 cl Tequila
  • cl 3 Triple Sec
  • 2 cl Succo di Lime o Limone

i cocktail piu alcolici margarita

Introducete gli ingredienti nello shaker precedentemente riempito di ghiaccio, agitate energicamente per alcuni secondi e versate in una coppa da cocktail con i bordi ricoperti di sale e… fiesta!

Cocktail più alcolici: Sazerac

Nato a New Orleans nel 1830, inizialmente come rimedio medico, è diventato presto un cocktail storico e amatissimo già da metà Ottocento. Si prepara con:

  • 5 cl di cognac
  • 1 cl di assenzio
  • 1 zolletta di zucchero
  • 2 gocce di Peychaud’s bitter

Sazerac

Cocktail più alcolici: Godfather

Gli ingredienti che compongono questo drink sono solamente due. Ovviamente entrambi sono alcolici!

  • 7 cl di whisky
  • 3 cl di amaretto

Godfather

Basta semplicemente mixare i due alcolici direttamente in un bicchiere tumbler basso e riempendolo successivamente di ghiaccio ed il cocktail è pronto.

Cocktail più alcolici: Long Island

Il Long Island Iced Tea si ottiene mixando quasi tutti i principali distillati più alcolici:

  • 1,5 cl di gin
  • 1,5 cl di rum
  • cl 1,5 di tequila
  • 1,5 cl di Triple sec
  • 1,5 cl di vodka
  • 2,5 cl di succo di limone
  • 3 cl di sciroppo di zucchero
  • cola

i cocktail piu alcolici, long island

Si prepara mixando direttamente nel bicchiere tutti gli alcolici in parti uguali e aggiungendo poi il succo di limone, lo sciroppo di zucchero, la cola. Come ultimo step aggiungete il ghiaccio.

ULTIME DAL BLOG

10Ago 2019
Sangria

La sangria è la bevanda spagnola per antonomasia, il cui nome deriva dal termine spagnolo “sangre” (“sangue”), dovuto al colore rosso rubino anche se esiste una Sangria meno “sanguigna”, chiamata Sangria Blanca a base di spumante o vino bianco molto diffusa in Catalogna. Una bevanda tipicamente estiva, rinfrescante a base di vino, spezie e frutta […]

09Ago 2019
Atomik

Atomik la vodka prodotta nella zona di esclusione di Chernobyl, il primo prodotto di consumo proveniente dall’area abbandonata attorno alla centrale nucleare danneggiata. “La nostra idea era di usare la segale per creare uno spirito”, dice il professor Jim Smith a capo di un team di ricercatori dell’Università inglese di Portsmouth, nel Regno Unito, che […]

07Ago 2019
Robot Barman

Robot Barman: fantascienza o realtà? I Robot sostituiranno i tradizionali baristi, barman e barlady in carne ossa dietro al bancone? Chi lo sa, ma sicuramente un po’ di inquietudine per il futuro la mettono. Nel 2016 i Robot Barman avevano fatto la loro apparizione a bordo delle navi della flotta Royal Caribbean International. B1-0 e […]

19Lug 2019
sex on the beach

Ricetta 4 cl | 1 1/4 oz vodka 2 cl | 3/4 oz Peach Schnapps o Peach Tree (liquore alla pesca) 6 cl | 2 oz succo d’arancia Top succo di cranberry Preparazione Versare la vodka, il Peach Schnapps o Peach Tree e il succo di arancia nello shaker. Aggiungere ghiaccio e shakerare per 8/10 […]

16Lug 2019
throwing

Il throwing è una tecnica di miscelazione che negli ultimi anni ha trovato larghi consensi tra i bartender di tutto il mondo, ma che ha origini molto antiche. Le popolazioni asiatiche la utilizzavano e la utilizzano ancora oggi per raffreddare il tè caldo. Anche in Spagna, questa tecnica era conosciuta ed utilizzata nel rituale del […]

12Lug 2019
boulevardier

Ricetta 1/3 | 3 cl | 1 oz bourbon whiskey 1/3 | 3 cl | 1 oz bitter Campari 1/3 | 3 cl | 1 oz vermouth rosso Guarnizione: scorza di aarancia Preparazione Versare tutti gli ingredienti nel mixing glass, precedentemente raffreddato. Aggiungere ghiaccio e mescolare per circa 10 secondi. Filtrare il contenuto del mixing […]

09Lug 2019
Varianti intriganti dello Spritz

Varianti intriganti dello Spritz Lo Spritz è senza dubbio il cocktail aperitivo italiano per antonomasia, facile da preparare e facile da bere. Si versano all’interno del calice da vino pieno di ghiaccio , Aperol o Campari , prosecco, una spruzzata di acqua gassata e il gioco è fatto!  Il nome Spritz, di origine austriaca, deriva infatti dal verbo “spritzen” che […]

05Lug 2019
Jim Beam

Jim Beam: in fiamme 45.000 barili di bourbon! Negli Stati Uniti e più precisamente a Versailles, nel Kentucky, un incendio ha distrutto un enorme magazzino di Jim Beam, mandando in fiamme 45.000 barili di bourbon. L’incendio è scoppiato intorno alle 23:30 locali di martedì 2 luglio. Chi o cosa possa aver provocato l’incendio è ancora […]

02Lug 2019
Sazerac

SAZERAC Ricetta 1 ¾ oz | 5 cl | Cognac ¾ oz | 2 cl | Assenzio 1 | Zolletta di zucchero 1 dashes | Peychaud’s Bitters Preparazione Riempire un tumbler basso di ghiaccio. In un mixing glass mettere la zolletta di zucchero bagnata di Peychaud’s Bitters, il Cognac e sciogliere tutto con il pestello. […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi