i migliori cocktail bar

L’Italia è un paese fatto di paesi, ognuno con un patrimonio culturale, artistico e, soprattutto, enogastronomico da valorizzare.

“È una cosa quasi istintiva, si nasce italiani. Non perché si nasce su un territorio, ma perché si cresce su questo territorio. Vuol dire crescere insieme al paesaggio, al linguaggio, al cielo che ti sta sopra, alla terra che calpesti. Si è italiani nel corpo, nella carne. Non occorre altro per essere italiani.”

Giulio Questi

Ed è proprio così il bel paese ci entra dentro e ci fa diventare grandi lavoratori ed eterni sognatori. Il nostro estro ci ha permesso di distinguerci in numerosi campi. E l’arte, perché di arte si tratta, di preparare cocktail non è da meno. L’Applicazione Blueblazer ha stilato una classifica con gli 11 hotel bar migliori d’Italia. Inserendo anche i loro cocktail più rappresentativi.

E’ l’Italia dell’eccellenza che si traduce in strutture di alto livello, attenzione dei particolari, ricette curatissime ma al tempo stesso innovative e un’accoglienza elegante ma solare.
Si tratta di una classifica che parte dal Mandarin Oriental di Milano, passa attraverso il Four Season di Firenze e lo SkyStar di Roma fino a giungere al Timeo di Taormina… Una vera selezione pensata per tutti gli amanti dei cocktail e, perchè no, anche per chi vuole cimentarsi nella loro preparazione. Che tu sia un vero bartender o che per una volta tanto ti voglia cimentare nella preparazione di un vero drink, potrai trovare la le ricette. Come resistere alla tentazione?

Si tratta infatti di un elenco che tiene conto dell’offerta proposta a 360 gradi: vagliano location, cocktail, accoglienza ed ambiente. Privilegiati, ovviamente i grandi alberghi, spesso caratterizzati da soffitti antichi, arredamento di design, lusso e bellezza.

I migliori cocktail bar d’Italia

  1. 1930 a Milano; indirizzo segreto
  2. Trussardi alla Scala di Milano. Piazza della Scala, 5
  3. Literary Bar del Belmond Grand Hotel Timeo a Taormina (ME). Via Teatro Greco, 59
  4. Londra Bar del Londra Palace a Venezia. Riva degli Schiavoni, Castello 4171
  5. La Punta, Expendio de Agave a Roma. Via Santa Cecilia, 8
  6. Marco Martini Cocktail bar a Roma. Viale Aventino 121
  7. Brusco Wine & Audio Room a Pozzuoli (NA).  Via Napoli, 161/163
  8. Surfer’s Den a Milano. Piazza Caduti del Lavoro, 5 | tel. 338 5916764
  9. Freccia Bar a Piumazzo (MO) | via dei Mille, 159
  10. Piano 35 – lounge bar a Torino. Grattacielo Intesa Sanpaolo, Corso Inghilterra, 3 

Giampiero Francesca, ideatore della guida, afferma infatti che:

“L’alta miscelazione è nata negli hotel. Oggi mediamente si beve meglio, ma quell’ospitalità, quella particolare attenzione al cliente, è rimasta patrimonio esclusivo degli hotel. Un aspetto del bar che per noi è essenziale e che va ribadito”. Soprattutto quando “oggi i giovani barman capita siano, spesso ma ovviamente non sempre, attenti più alla ricetta di un cocktail che al benessere del cliente”.

Sempre secondo l’esperienza di Giampiero Francesca c’è però anche una piccola nota negativa data dal timore ancora diffuso nei confronti dei bar degli hotel. Spiega infatti:

“Qui purtroppo c’è ancora una sorta di timore reverenziale nei riguardi dei bar degli hotel e in molti ci chiedono se sia possibile entrare anche semplicemente per bere un drink. In parte qualche passo avanti è stato compiuto, grazie alla presenza di molti ristoranti stellati all’interno delle stesse strutture. Ma c’è ancora molta strada da fare”.

Ecco perché l’app è nata proprio con l’intento di far riscoprire i classici della mixology.

“Molti grandi classici del miscelato, sono nati dietro al bancone bar di un hotel. Dal nostro punto di vista il cocktail più iconico è il Martini cocktail. Non è un caso se abbiamo premiato, durante la presentazione della guida, proprio un Martini, quello realizzato da Giorgio Fadda dell’Hotel Westin Europa Regina di Venezia”.

Si dice che ogni innovazione abbia radici molto ben piantate nel passato e, forse, il segreto della crescente attenzione rivolta alla mixology è dato proprio dal giusto mix tra storia, cultura, estro ed innovazione.

ULTIME DAL BLOG

17Giu 2019
Quinta da Pacheca

Vacanze alternative? Ecco la soluzione che fa per voi! Non avete ancora prenotato per le vacanze estive e siete alla ricerca di qualcosa alternativo? Dormire in una grande botte di vino, circondato da un vigneto potrebbe essere la soluzione che fa per voi. Tra le rinomate colline del prosecco, a Vittorio Veneto, a pochi chilometri […]

15Giu 2019
midori

Midori…o si odia o si ama! Nell’era della mixology, per un bartender avere una bottiglia di Midori nella bottigliera alle proprie spalle o nello speed rack, non è sicuramente motivo di vanto. Un segno indelebile degli anni ’80 e ’90 quando i cocktail avevano e colori sgargianti! Gli stessi anni in cui Tom Cruise interpretava, […]

12Giu 2019
pub per nudisti

Pub per nudisti? Bere una birra completamente nudi e vivere un’esperienza fuori dal comune? A Londra è possibile. Il The Coach and Horses uno dei più antichi pub di Londra ha ottenuto la licenza per il nudismo ed ora entrando nel locale, si potranno togliere tutti i vestiti, senza limitarsi solo al cappotto… Lo stravagante proprietario […]

10Giu 2019
bio-bottle

Bio Bottle Sant’Anna è la prima bottiglia al mondo prodotta con PLA, un particolare polimero che si ricava dalla fermentazione degli zuccheri contenuti nelle piante, biodegradabile al 100%, che in soli 80 giorni torna semplicemente a far parte della natura, come certifica la conformità alla norma EN13432. Inoltre questa innovativa bioplastica ottenuta da materie prime […]

06Giu 2019
anni 90

Anni 90: i cocktail che hanno segnato un’epoca. Oggigiorno, viviamo in un particolare momento storico segnato dall’avvento della mixology, dove molto spesso il cliente ne sa più del bartender e giustamente si lamenta se non c’è la giusta dose di ogni ingrediente nel cocktail. Facciamo i “fighi” chiedendo un Moscow Mule con lo zenzero fresco, […]

03Giu 2019
mipig cafè

Mipig Cafè: a Tokyo, il tè e il caffè si sorseggia coccolando piccoli maialini. Una volta c’erano i neko cafè, ovvero i locali all’interno dei quali i gatti potevano scorrazzare liberamente e prendersi le coccole dei clienti. Questa moda, divenuta famosa anche in Europa, era stata lanciata in Giappone che attualmente pullula di bar in […]

01Giu 2019

Canù è la prima cannuccia di pasta biologica, senza glutine, fatta di mais e riso, biodegradabile e soprattutto commestibile. Dal 2021, finalmente, la plastica monouso non esisterà più e molte aziende stanno lavorando per trovare soluzioni alternative. A concepire una soluzione alternativa per le cannucce ci ha pensato la Cooperativa Campo, azienda di Fossombrone nelle Marche nata nel […]

28Mag 2019
Sea-Breeze

Sea Breeze, un cocktail estivo, un long drink leggero a base di vodka, succo di cranberry e pompelmo fresco, facile da preparare e da bere. Ricetta 4 cl | 1 ¼ oz vodka 9 cl | 3 oz succo di cranberry 3 cl | 1 oz succo di pompelmo Preparazione Versare gli ingredienti in un […]

24Mag 2019
Jägermeister Slayer

Jägermeister Slayer la limited edition per celebrare l’ultimo tour della band statunitense. Jägermeister lancia una bottiglia in edizione limitata in onore degli Slayer per il loro ultimo tour e della loro prossima esibizione al Download Festival UK, il 16 giugno. Il liquore amaro tedesco, nasce dall’infusione di 56 varietà di pregiate erbe, radici, frutti e […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi