hemingway-special-daiquiri

  • 1 ½ oz Rum
  • ½ oz Maraschino
  • ½ oz Succo di pompelmo fresco
  • ½ oz Succo di lime fresco

Versare gli ingredienti nello shaker con ghiaccio. Shakerare e versare in una coppetta da cocktail.

Dopo il successo di “Death in the afternoon”, lo scrittore Ernest Hemingway cercava un modo per sfuggire alle visite di parenti, amici, giornalisti e semplici curiosi che affollavano la sua casa di Key West.
Il continuo affollamento gli stava creando non pochi problemi: il troppo vociare, i continui tuffi in piscina dei figli e degli ospiti in visita gli facevano mancare la concentrazione necessaria per scrivere.
Decise cosi di andare in un luogo più tranquillo e acquistò quindi un biglietto per Cuba. Dopo poche ore di navigazione era all’Havana, dove alloggiò all’Hotel Ambos Mundos.
La fresca brezza del mattino faceva sì che Hemingway trovasse gli stimoli e la giusta concentrazione per i suoi scritti, ma i caldi pomeriggi erano per lui una tentazione irresistibile di rinfrescarsi nei bar dell’Havana vecchia. Tra i molti locali della zona ne aveva individuati due, che erano diventati i suoi preferiti, El Floridita in Calle Obispo e La Bodeguita in Calle Empedrado, tutti e due non molto distanti dal suo hotel.
Al Floridita Hemingway scopre il Daiquiri e ne rimane affascinato, ne beve quantità da record e spesso, prima di ritornare in hotel, chiedeva “el trago del camino”, il drink per il viaggio, praticamente un thermos pieno di Daiquiri ghiacciato da consumare comodamente una volta rientrato in hotel.
Si narra che Hemingway riuscisse a berne fino ad una dozzina, per poi andare al vicino Jai Alai e quindi ritornare più tardi, a continuare la sessione lasciata aperta.
Ad un certo punto della sua vita e nonostante il parere contrario del suo medico, Hemingway si convinse di essere diventato diabetico e quindi eliminò completamente gli zuccheri dalla sua dieta, compreso quello che andava a finire nel Daiquiri. A tal proposito andò al Floridita e chiese a Costantino Ribalagua, patron del locale, di cambiare la ricetta del Daiquiri eliminando lo zucchero, raddoppiando però la dose di rum.
Hemingway veniva chiamato affettuosamente “papa” dagli amici cubani e quindi il nuovo cocktail fu chiamato dapprima “Daiquiri como papa”, “Daiquiri a la papa” e “Papa Doble”.
Solo in seguito Antonio Meilan, che successivamente diventò capo barman del locale, bilanciò il drink aggiungendo del succo di pompelmo e alcune gocce di maraschino e ribattezzando il drink “Hemingway Special”.

FPU BARMAN ACADEMY 

ENTE DI FORMAZIONE ACCREDITATO DALLA REGIONE LAZIO

 

Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Lazio con Determinazione N. G13918 del 05/11/2018

 I NOSTRI CORSI BARMAN

 

Per visitare la sede e richiedere informazioni è consigliabile fissare un appuntamento.
Per INFO o ISCRIZIONI puoi anche scriverci o contattarci:

Tel: 0666410497

Cell: 3392123387

WhatsApp: 3392123387

Nome e Cognome

Telefono

Email

Messaggio

Consenso Informativa ai sensi del D. Lgs. n. 196/2003

Usando questo modulo acconsenti al trattamento dei dati come specificato nella privacy policy presente in questo sito.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo correttamente.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo correttamente.

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Questo sito utilizza dei cookies per garantire ad ogni utente la migliore esperienza. Per accettare la nostra politica sulla privacy e cookie clicca su "Accetta"