ghiaccio nei cocktail

Il ghiaccio nei cocktail sembra una cosa quasi scontata, un abbinamento così azzeccato da far credere di esserci sempre stato. Ma non è affatto così!

“Mettimi tutta la notte in un cocktail e fammela bere in un sorso”

Lavorare Viaggiando o Viaggiare Lavorando?

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo! Corsi Barman & Barlady Certificati. Attestato Riconosciuto. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

Cantano Fedez e Cara. Un bicchiere tintinnante con del ghiaccio da far ruotare con maestria e un buon cocktail da sorseggiare con eleganza, il connubio perfetto per resettare una giornata pesante e accendere la voglia di divertimento.

Il ghiaccio nei cocktail

Fin dall’età antica il ghiaccio è stato largamente usato per refrigerare alimenti e bevande. Veniva raccolto sulle montagne e trasportato in grossi blocchi fino alle ghiacciaie dove veniva conservato. Le ghiacciaie erano molto diffuse già tra i Romani e, dopo un periodo in cui finirono nel dimenticatoio, tornarono a diffondersi a partire dal Seicento in Italia e in Francia.

I Romani furono anche i primi ad usare il ghiaccio per rinfrescare le bevande. In alcuni paesi metterlo nelle bevande diventò un piacere irrinunciabile. Soprattutto tra la classe nobiliare. Ovviamente in altri, complice le temperature più rigide, la moda non prese piede.

Nei paesi del Nord Europa, ad esempio, le bevande erano un modo per riscaldarsi. Ma anche il caldo fu un ostacolo al diffondersi del ghiaccio nei cocktail! Nei paesi tropicali, infatti, c’erano evidenti difficoltà a reperire e conservare il ghiaccio e, fino all’arrivo di Frederic Tudor, le difficoltà di approvvigionamento rimasero a lungo insormontabili.

Frederic Tudor divenne famoso col soprannome di “Ice King”, re del ghiaccio perché si mise in testa di portare il ghiaccio ai tropici. Nato nel 1783 in una ricca famiglia di Boston, si convinse che avrebbe fatto una fortuna trasportando enormi blocchi di ghiaccio dai laghi settentrionali nordamericani fino agli gli stati del sud e le isole atlantiche.

Nel 1806 Tudor comprò appositamente una nave, spendendo la considerevole cifra di 5mila dollari, e trasportò un carico di ghiaccio estratto nella fattoria di famiglia in Martinica. Ebbe l’accortezza e l’acume finanziario di stabilire fin da subito una sorta di monopolio, considerandolo l’unico modo per sostenere i costi di trasporto. Il piano però non funzionò come lui aveva sperato. Innanzitutto perché parte del ghiaccio si sciolse durante il trasporto e poi anche perché non suscitò grandi entusiasmi nella popolazione locale. Tudor non si arrese e lavorò sodo per migliorare il metodo di trasporto.

Il piacere di una bevanda fresca

Ma per quanto riguarda la richiesta? Iniziò una vera e propria campagna volta a valorizzare e rendere di moda il ghiaccio. La brillante idea che gli permise di ottenere i risultati sperati fu proprio quella di puntare sulle bevande.

Tudor sapeva che anche i più scettici sulle bibite fredde si sarebbero convinti in fretta dopo averle provate. Mise in atto delle strategie commerciali molto efficaci, offrendo gratuitamente il ghiaccio ai bar e ai locali e suggerendo loro di servire le bevande col ghiaccio allo stesso prezzo di quelle senza. Fu così che Tudor riuscì a creare un’esigenza che prima non c’era e riuscì a dare vita a quella che è nota come “tratta del ghiaccio”.

Perfezionò il metodo di estrazione, costruì ghiacciaie ai tropici, ampliò la propria flotta e corruppe le autorità locali in modo da assicurarsi il monopolio.

Entro la metà del secolo, Tudor spediva migliaia di tonnellate di ghiaccio in mezzo mondo, arrivando fino in India. Negli anni, molti altri imprenditori entrarono nel business, anche grazie alla crescente popolarità del gelato in tutto il mondo.

Questi commerci conobbero un momento davvero d’oro per quanto riguarda i proficui. Successo che, però, divenne ben presto declino con l’avvento dei freezer.

Produrre il ghiaccio divenne una cosa alla portata di tutti e, di conseguenza, metterlo nelle bevande diventò una piacevole abitudine.

Negli Stati Uniti diventò una componente fondamentale dei cocktail che, tra Ottocento e Novecento, divennero molto popolari. Pian piano si diffusero anche in Europa, con l’apertura a Londra dei primi “American bar”.

Corso Barman Certificato | Scuola Accreditata Regione Lazio

Corso Barman & Barlady Professionale. Attestato Riconosciuto per Lavorare in Tutto il Mondo. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

ULTIME DAL BLOG

07Ago 2020
gin fatto in casa

Festeggia le nozze con 4 amici bevendo gin fatto in casa: donna trentaquattrenne muore nel sonno. “Il matrimonio è il giorno più bello della propria vita e merita di essere festeggiato al meglio”. Deve aver pensato così la donna che ha deciso di rendere omaggio alle proprie nozze passando un weekend con gli amici per brindare […]

04Ago 2020
Mojito senza glutine

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, un insieme di proteine a loro volta contenute nel frumento, nell’orzo, nella segale, nel farro e in altri cereali minori. La celiachia rende tossici, nei soggetti affetti o predisposti, tutti gli alimenti derivati dai suddetti cereali o contenenti glutine in seguito a contaminazione. La malattia celiaca non ha […]

31Lug 2020
Il Buckingham Palace Dry Gin

La Regina Elisabetta ha fatto centro un’altra volta mettendo in commercio il Buckingham Palace Gin. Il Gin & tonic è il cocktail inglese per eccellenza. L’origine di questo cocktail risale ai tempi del dominio britannico in India e si deve al medico scozzese George Cleghorn. Stava studiando gli effetti della chinina sulla malaria, da qui […]

28Lug 2020
ghiaccio nei cocktail

Il ghiaccio nei cocktail sembra una cosa quasi scontata, un abbinamento così azzeccato da far credere di esserci sempre stato. Ma non è affatto così! “Mettimi tutta la notte in un cocktail e fammela bere in un sorso” Corso Barman Certificato | Scuola Accreditata Regione Lazio Corso Barman & Barlady Professionale. Attestato Riconosciuto per Lavorare […]

24Lug 2020
champagne

Gli champagne emergenti consigliati da Vincenzo Donatiello, sommelier 3 stelle Michelin. Vincenzo Donatiello è unanimemente considerato uno dei migliori sommelier d’italia e, non a caso, lavora in uno dei più prestigiosi ristoranti del mondo: Piazza Duomo. Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione […]

21Lug 2020
Distilleria Nardini

Nardini, la distilleria più antica d’Italia, ha deciso di rinnovare il look di due referenze storiche. Sono infatti state aggiornate le etichette di Bitter Nardini e Mezzoemezzo.  Per stare al passo con i tempi si è deciso di rinnovare l’aspetto grafico optando per un’immagine più contemporanea ma sempre in grado di rimanere fedele al proprio heritage. Alla base del cambiamento […]

17Lug 2020
Affini a Torino

Affini è uno dei locali più conosciuti a Torino quando si parla di aperitivo. E, parlare di aperitivo a Torino, è cosa seria dato che, anche se non tutti ne sono a conoscenza, l’aperitivo è nato proprio nella città piemontese. Tutto iniziò addirittura nel fine settecento. Fu infatti Antonio Benedetto Carpano, nel 1786, a creare il […]

14Lug 2020
sbornia

Evitare il dopo sbornia: ecco i nostri consigli! Inutile negare l’evidenza: con l’estate ci aspettano party e bevute con gli amici. Tutto bello ma come fare ad evitare il mal di testa post bevuta? Il periodo non è stato per nulla facile e qualche drink in compagnia di buoni amici può essere un modo per […]

10Lug 2020
Gin

Il Gin, l’indiscusso re dei white spirits, è stato inserito tra le tendenze del beverage 2020! Secondo Drinks International infatti il gin è ancora il distillato più venduto al mondo, seguito da rum, American whisky, e tequila. Gin Il Gin è una bevanda alcolica ottenuta dalla distillazione di un fermentato ricavato solitamente da cereali (ma anche da vino, mela o […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form