Filippo Sisti

Filippo Sisti

Il Talea di Milano è un cocktail bar nato da un’idea di Filippo Sisti, un barman che si è contraddistinto per aver completato la sua formazione girando il mondo alla ricerca di nuove esperienze in grado di arricchire il proprio bagaglio culturale. Inghilterra, Francia e Stati Uniti alcuni dei tanti paesi in cui ha lavorato. La grande fama è arrivata facendosi conoscere come il barman di Carlo e Camilla in Segheria, il cocktail bar e ristorante di Carlo Cracco.

Ha iniziato fin da ragazzino, partendo dai locali delle regioni a statuto speciale per bypassare le normative sul lavoro ed avere la possibilità di lavorare nonostante la giovane età. La voglia di apprendere lo ha portato poi ad andare a in Inghilterra, America, Francia e Germania. Vanta lavori in hotel e locali lussuosi e con una grandissima tradizione come il Plaza a New York, il Royal Automobile Club di Londra, il Grand Hotel et De Milan, il Rita di Milano. E poi…  E poi è arrivato Cracco! Un percorso caratterizzato da una costante crescita ma che non hai mai lasciato spazio all’autocompiacimento. In una recente  intervista dichiara infatti:

“Divertitevi e prendete questo lavoro come veramente è… Baristi! Non prendetevi troppo sul serio, mantenete sempre la professionalità, ma siate cazzoni!”

Direi esaustiva! Studio, professionalità ma anche tanto divertimento. Sembra essere questo il giusto mix per avere successo come barman. Al punto che Filippo Sisti decide di non fermarsi, anche se Cracco è una garanzia, e di fare il grande salto. Con il gruppo di soci del Pinch, è pronto ad aprire il Talea a Milano.

Talea di Filippo Sisti a Milano

L’apertura del Talea è prevista per fine aprile, in zona Navigli, anche se in una via un po’ defilata. Già il nome ha una storia che racconta molto dei suoi protagonisti: nato dalla collaborazione tra Filippo e i ragazzi del Pinch, rappresenta 

“Rappresenta l’innesto tra me e loro per creare un’altra cosa”.

Talea Filippo Sisti

Filippo Sisti è la personificazione della voglia di fare. Dimostra come l’innovazione non sia sinonimo di improvvisazione. Unendo studio, anni di lavoro, esperienza all’estero e specializzazioni nasce l’idea di un cocktail bar innovativo quale è il Talea.  Seguendo la tendenza degli ultimi anni, al Talea i cocktail sono i veri protagonisti della serata. Vengono preparati e presentati con uno stile molto simile al mondo della cucina. Approccio che ha portato a coniare i termini barchef e liquid chef. I drink proposti sono sempre più strutturati e cucinati, al punto da aver decisamente surclassato la moda del food pairing, ovvero l’associazione di due o più alimenti a seconda del loro composto molecolare, nonché aromatico. Il bar si fonde con la cucina, con preparazioni che richiedono di saper padroneggiare tecniche e strumenti normalmente utilizzate dai grandi chef: si sperimenta con  sifoni, fermentazioni, cotture sottovuoto, affumicatura e abbattitori. Le materie prime vengono scelte con cura maniacale; basi, aromi ed estratti vengono auto-prodotti e personalizzati. Filippo sa bene quale impronta dare al suo locale:

 “Sarà una miscelazione a tutto tondo, di ingredienti, concetti e ruoli. Da Talea cucina e bar si fonderanno. Il servizio sarà al tavolo, le bottiglie saranno pochissime, la fruizione dei drink non sarà solo tramite bicchiere o cannuccia, in alcuni casi i cocktail saranno degli autentici piatti. Insomma cambierà totalmente il modo di concepire i drink, a volte saranno gli stessi ingredienti a fungere da contenitori, altre volte cambieranno le consistenze: non è detto che un Piña Colada debba essere per forza liquido”.

Di ispirazione nordica, arredato con tanto legno e verde, il Talea trova affinità col concetto di locale del Noma.

“I barman non rimarranno dietro al banco, ma saranno anche in cucina e tra i clienti a raccontare i drink. Tutti faranno tutto, quindi i bartender daranno una mano in cucina, e la cucina farà le preparazioni dei drink. Un po’ come avviene al Noma, dove sono gli stessi chef a servire al tavolo”

In cucina la vera protagonista è la chef Giulia Ferrara. Il menù rispetta l’identità del locale, proponendo pochi e semplici piatti in grado di accompagnare ed esaltare i cocktail proposti. Molto interessante la possibilità di gustare un menu degustazione di 5 o 6 drink in una sala più riservata.

L’inizio di Filippo Sisti

Quando si raggiunge il successo spesso ci si chiede come sia potuto accadere. Come tutto è iniziato proprio quando magari a crederci erano in pochi. Mi piace l’inizio di Filippo che, quando gli viene chiesto il primo cocktail preparato, racconta:

“Il primo cocktail che ho fatto, o almeno ci ho provato, è stato un Old Fashion, ero a Villa d’Este a Cernobbio, avevo 16 anni… Peccato che invece di zucchero e angostura ho messo la Salsa Worcester per il Bloody Mary… Vi lascio immaginare zucchero, whiskey e una salsa alle acciughe salatissima…”

Fa pensare che è importante studiare costantemente, Avere una buona formazione di base e poi metterla in pratica con costanza e tenacia, senza farsi abbattere dagli errori ma, anzi, trasformandoli in esperienza positiva e propositiva. Con queste premesse, il Talea promette davvero bene.

ULTIME DAL BLOG

17Giu 2019
Quinta da Pacheca

Vacanze alternative? Ecco la soluzione che fa per voi! Non avete ancora prenotato per le vacanze estive e siete alla ricerca di qualcosa alternativo? Dormire in una grande botte di vino, circondato da un vigneto potrebbe essere la soluzione che fa per voi. Tra le rinomate colline del prosecco, a Vittorio Veneto, a pochi chilometri […]

15Giu 2019
midori

Midori…o si odia o si ama! Nell’era della mixology, per un bartender avere una bottiglia di Midori nella bottigliera alle proprie spalle o nello speed rack, non è sicuramente motivo di vanto. Un segno indelebile degli anni ’80 e ’90 quando i cocktail avevano e colori sgargianti! Gli stessi anni in cui Tom Cruise interpretava, […]

12Giu 2019
pub per nudisti

Pub per nudisti? Bere una birra completamente nudi e vivere un’esperienza fuori dal comune? A Londra è possibile. Il The Coach and Horses uno dei più antichi pub di Londra ha ottenuto la licenza per il nudismo ed ora entrando nel locale, si potranno togliere tutti i vestiti, senza limitarsi solo al cappotto… Lo stravagante proprietario […]

10Giu 2019
bio-bottle

Bio Bottle Sant’Anna è la prima bottiglia al mondo prodotta con PLA, un particolare polimero che si ricava dalla fermentazione degli zuccheri contenuti nelle piante, biodegradabile al 100%, che in soli 80 giorni torna semplicemente a far parte della natura, come certifica la conformità alla norma EN13432. Inoltre questa innovativa bioplastica ottenuta da materie prime […]

06Giu 2019
anni 90

Anni 90: i cocktail che hanno segnato un’epoca. Oggigiorno, viviamo in un particolare momento storico segnato dall’avvento della mixology, dove molto spesso il cliente ne sa più del bartender e giustamente si lamenta se non c’è la giusta dose di ogni ingrediente nel cocktail. Facciamo i “fighi” chiedendo un Moscow Mule con lo zenzero fresco, […]

03Giu 2019
mipig cafè

Mipig Cafè: a Tokyo, il tè e il caffè si sorseggia coccolando piccoli maialini. Una volta c’erano i neko cafè, ovvero i locali all’interno dei quali i gatti potevano scorrazzare liberamente e prendersi le coccole dei clienti. Questa moda, divenuta famosa anche in Europa, era stata lanciata in Giappone che attualmente pullula di bar in […]

01Giu 2019

Canù è la prima cannuccia di pasta biologica, senza glutine, fatta di mais e riso, biodegradabile e soprattutto commestibile. Dal 2021, finalmente, la plastica monouso non esisterà più e molte aziende stanno lavorando per trovare soluzioni alternative. A concepire una soluzione alternativa per le cannucce ci ha pensato la Cooperativa Campo, azienda di Fossombrone nelle Marche nata nel […]

28Mag 2019
Sea-Breeze

Sea Breeze, un cocktail estivo, un long drink leggero a base di vodka, succo di cranberry e pompelmo fresco, facile da preparare e da bere. Ricetta 4 cl | 1 ¼ oz vodka 9 cl | 3 oz succo di cranberry 3 cl | 1 oz succo di pompelmo Preparazione Versare gli ingredienti in un […]

24Mag 2019
Jägermeister Slayer

Jägermeister Slayer la limited edition per celebrare l’ultimo tour della band statunitense. Jägermeister lancia una bottiglia in edizione limitata in onore degli Slayer per il loro ultimo tour e della loro prossima esibizione al Download Festival UK, il 16 giugno. Il liquore amaro tedesco, nasce dall’infusione di 56 varietà di pregiate erbe, radici, frutti e […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi