Coca-Cola: storia, calorie e curiosità sulla formula segreta di una delle bibite più amate al mondo! La Coca-Cola è una bevanda industriale analcolica di tipo bibita. Con lo stesso nome viene spesso indicata anche la casa produttrice della bevanda, The Coca-Cola Company. Si tratta di una delle bibite più popolari al mondo, ma quante ne sai sulla Coca-Cola?

La storia della Coca-Cola

Quasi tutti sanno che, inizialmente, la Coca-Cola venne ideata come rimedio per il mal di testa e per la stanchezza. Venne infatti inventata nel 1886 da un farmacista di nome Pemberton che la chiamò “Pemberton’s French Wine Coca“. Altro non era che una variante del cosiddetto “vino di coca” (o Vin Mariani), una miscela di vino e foglie di coca che aveva avuto largo successo in Europa quando venne creata dal farmacista Angelo Mariani.

Lavorare Viaggiando o Viaggiare Lavorando?

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo! Corsi Barman & Barlady Certificati. Attestato Riconosciuto. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

A seguire l’alcol venne sostituito con un estratto delle noci di cola, una pianta tropicale reputata non dannosa per la salute. Il nome attuale deriva proprio dal perfetto mix dei due ingredienti principali: la coca e la cola. Quando anche la coca venne bandita (dalla pianta si estrae infatti la cocaina), venne scartato l’alcaloide dagli estratti dalle foglie di coca, mentre la cola (in noci) continuò a essere utilizzata.

Forse non tutti sanno che, nonostante la scoperta, Pemberton accumulò forti debiti e fu costretto a vendere formula e diritti della Coca-Cola ad Asa Candler: un uomo d’affari che credeva fortemente nel potenziale della bevanda.

Candler era un uomo d’affari dotato di grande intuito e comprese l’importanza della pubblicità per diffondere la bibita da lui acquisita. Dopo la quotazione in borsa dell’azienda nel 1919, la Coca-Cola cominciò la sua diffusione mondiale negli anni venti, trasformandosi in un ‘business’ di grandi dimensioni, gestito dalla The Coca-Cola Company con sede a New York.

La Storia della Coca-Cola in Italia

La Coca-Cola in Italia è una bibita molto amata da molti anni. Come abbiamo visto la Coca-Cola è stata inventata da John Styth Pemberton, un farmacista di Atlanta, in Georgia. 

Ma, dopo soli 25 anni è arrivata in Italia. Se teniamo conto del fatto che stiamo parlando dell’inizio del secolo scorso, quando i cambiamenti non erano certo rapidi come ora, possiamo capire quanto i tempi di diffusione siano stati rapidissimi.

Era infatti molto difficile che un qualsiasi prodotto, anche se molto apprezzato, si diffondesse oltre oceano in così breve tempo. Coca-Cola ci è però riuscita e, nel 1919, ha registrato il marchio in Italia. Qualche anno dopo, nel 1927, la Società Romana Acque Gassose ha iniziato a imbottigliarla.

Coca Cola e il Natale

Tutti noi associano la Coca-Cola al Natale ma forse non tutti conoscono l’origine di questa curiosa associazione. Solitamente le bibite vengono presentate in spiaggia o nei locali ma la Coca-Cola ha un posto d’onore sulle tavole natalizie.

Questo avviene sicuramente nel 1931, quando appare per la prima volta la pubblicità di Coca-Cola con protagonista il Babbo Natale dell’artista Haddon Sundblom. Un’immagine diventata iconica che ha finito per rappresentare l’azienda a livello internazionale.

E, nel 1971, è proprio l’Italia a ospitare le riprese dello spot televisivo “Hilltop” che segnerà la storia di Coca-Cola. Si tratta del famosissimo spot che ha per protagonista la canzone “I’d Like to Buy the World a Coke”.

Sono certa che tutti quelli che erano ragazzi in quegli anni ne sono ancora affezionati e che, anche i più giovani, l’hanno visto almeno una volta! Nella traduzione italiana la famosissima canzone venne tradotta con “Vorrei cantare insieme a voi in magica armonia”.

Curiosità sulla Coca Cola

Eccoti alcune curiosità sulla Coca Cola che forse non conosci:

La Coca-Cola contiene droga?

So che sembra una domanda assurda ma è pur vero che la prima versione della Coca-Cola conteneva anche un’esigua quantità di sostanza stupefacente proveniente dalla pianta di coca (la cocaina). Nel 1903 fu completamente rimossa dalle foglie grazie ad un procedimento simile a quello usato per decaffeinare il caffè.

Quante zollette ci sono in una Coca-Cola?

Una lattina da 33 cl ne contiene 35 grammi di zucchero! Una Coca Cola normale apporta dunque 37 calorie ogni 10 cl, 122 calorie in una lattina da 33 cl. Una Pepsi cola ha 44 calorie ogni 10 cl. (145 calorie in una lattina da 33 cl.). Le “versioni” light o zero non ne hanno alcuna.

Il logo della Coca Cola

Il celebre logo della Coca-Cola fu creato quasi per caso e senza grandi ricerche di marketing nel 1886 dal contabile dell’azienda, Frank Mason Robinson.

In pratica si limitò a fare solo alcuni piccoli ritocchi alla scritta, utilizzando come base il carattere Spencerian Script, che era uno dei più utilizzati nell’America di quegli anni. Il logo Coca-Cola è il protagonista di una strana leggenda metropolitana che si è diffusa piuttosto rapidamente nel mondo.

Sembra infatti che, osservando la scritta Coca-Cola allo specchio, sia possibile interpretare l’immagine come una frase in lingua araba che conterrebbe un messaggio contro la cultura islamica, “No a Maometto, No alla Mecca, no alle preghiere”.

In realtà è improbabile che al momento della creazione di questo logo si pensasse di inserire un simile messaggio all’interno del celebre logo. Nessuno poteva infatti prevedere che sarebbe stata una bibita esportata in tutto il mondo!

Anche il Grand Mufti Sheik Nasser Farid Wassel, importante figura religiosa egiziana, ha difeso il marchio facendo notare che venne scritto in caratteri latini e non arabici più di un secolo prima.

Nonostante questo la leggenda è stata in grado di danneggiare la multinazionale causando un forte calo delle vendite in alcuni paesi islamici.

La formula segreta della Coca-cola

Sarà vero che gli ingredienti della Coca-Cola sono un segreto? Cosa contiene davvero questa bevanda?

Sul contenuto della nota bibita c’è da sempre un alone di mistero che ha contribuito non poco a mantenere alta l’attenzione. Segreto che sembra essere stato svelato dalla giornalista statunitense Ida Grass.

La Grass infatti, dopo aver dichiarato di essere venuta in possesso del ricettario originale firmato da John Pemberton, ne ha pubblicato gli ingredienti sulla rivista This American Life.

Gli ingredienti della formula segreta della Coca-Cola sono:

  • 4 once (pari a circa 120 ml) di estratto fluido di coca,
  • 3 once di acido citrico,
  • una di caffeina,
  • 30 cucchiai di zucchero,
  • 2,5 galloni di acqua (pari a circa 9,5 litri),
  • un quarto di gallone di succo di lime,
  • 1 oncia di vaniglia,
  • caramello quanto basta a dar colore.
  • Vanno poi aggiunti alcol e aromi vari (arancia, limone, noce moscata, coriandolo, cannella e olio di neroli, una varietà di arancia aspra).

E’ facile notare come ci sia un ingrediente impossibile da acquistare. Parliamo, ovviamente, dell’estratto di foglie di coca.

La Coca-Cola Company sarebbe infatti l’unica azienda al mondo, autorizzata dalla Dea, l’ente americano che vigila sulle droghe, a poter coltivare la pianta, trattare le foglie e quindi commercializzarne l’estratto.

La prima versione della Coca-Cola conteneva anche un’esigua quantità di sostanza stupefacente proveniente dalla pianta di coca (la cocaina), ma nel 1903 fu completamente rimossa dalle foglie grazie ad un procedimento simile a quello usato per decaffeinare il caffè.

Coca-Cola

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

ULTIME DAL BLOG

Birra in un pub

“Birra finita in Gran Bretagna?” A quanto pare, dopo il lockdownd tutti si sono riversati nei pub con tanta voglia di dimenticare la crisi e, ancor più, di bersi una bella birra. La crescente richiesta di birra e di alcolici ha però messo in seria difficoltà molti locali che, a quanto pare, non riescono a […]

Chapter Roma bar

Chapter Roma ha un nuovo bar manager: è Joy Napolitano. Ma di che locale si tratta esattamente? Come viene spiegato sul loro sito si tratta di: “Un po’ salad bar, un po’ coffee shop. Un po’ juice bar, ma anche mercato e grocery store, tutto in un posto solo.Sano, veloce, unico e accogliente.Mangia da noi, […]

amaro Jefferson Calabria

La Calabria ci regala il migliore amaro al mondo. Si chiama Amaro Jefferson, soprannominato “Amaro Importante” dai tanti appassionati, e sta davvero conquistato la stima e l’apprezzamento di sempre più persone. Un successo che non fa altro che confermare una lunga tradizione fatta di tanta passione e meravigliose materie prime. La Calabria è meritatamente sempre di […]

L'uomo può vivere bevendo solo birra

L’uomo può vivere bevendo solo birra? C’è chi la ama a tal punto che berrebbe di birra, ma è possibile? La scienza ci risponde. Martin Lutero diceva: Corso Barman Certificato | Scuola Accreditata Regione Lazio Corso Barman & Barlady Professionale. Attestato Riconosciuto per Lavorare in Tutto il Mondo. Iscriviti Subito e Risparmi 200€. Scopri di […]

calorie birra

Calorie birra: Boris Jhonson e la sua proposta controversa. Proprio così il pramier britannico famoso per le sue uscite spesso controtendenza ne ha inventata un’altra: vorrebbe combattere l’obesità obbligando i pub ad indicare le calorie della birra su ogni bicchiere. Calorie birra per combattere l’obesità Il governo britannico, per incentivare la ripresa post COVID, sembra […]

Antico di Luxardo

Antico: il Vermouth interpretato da Luxardo nel suo bicentenario. Stile classico, gusto contemporaneo… Ecco l’alternativa al vermouth rosso! Luxardo presenta Antico Fondata da Girolamo Luxardo nel 1821 a Zara sulle coste della Dalmazia. Si dice che dietro un grande uomo ci sia sempre una grande donna. E anche in questo caso tutto parte da una […]

Birra Menabrea edizione limitata

Birra Menabrea: un omaggio a 12 città d’arte italiane. Menabrea è un’antica marca di birra che viene prodotta dalla omonima azienda la cui sede storica e il birrificio sono localizzati a Biella, in Piemonte. Il più antico birrificio italiano fa un omaggio d’artista alle più belle città d’arte con una nuova collezione di Birra Menabrea […]

Cedrata Tassoni

La birra Ceres acquisterà le Cedrate Tassoni? Royal Unibrew, la multinazionale della birra Ceres, potrebbe infatti acquisire l’azienda bresciana di cedrate Tassoni. Ci riuscirà? Si perché, secondo indiscrezioni piuttosto credibili, sarebbe solamente una delle quattro pretendenti ad aver fatto un’offerta. La birra Ceres in lizza per acquistare le Cedrate Tassoni I potenziali acquirenti della Cedral Tassoni, l’azienda […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form