Campari aumenterà i prezzi: Aperol e Negroni costeranno di più

Campari: aumentano Aperol Spritz e Negroni

Campari aumenterà i prezzi: Aperol e Negroni costeranno di più. Il 2022 porterà importanti novità che coinvolgeranno tutto il settore della ristorazione e, purtroppo, tutti gli amanti dell’aperitivo.

Stiamo finalmente uscendo dalla pandemia e i locali tornano a riempirsi. Lo scenario è incoraggiante: locali pieni, aperitivi, apericene e cene tornano ad allietare e risollevare l’umore. Tutto bello ma… Ma cè un grosso ‘ma’. Purtroppo dovremmo fare i conti con un aumento dei prezzi di Campari, Aperol Spritz e Negroni.

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio.

Con il prossimo anno ci sarà una stangata dovuta all’aumento di Aperol, Negroni e Campari. Ad annunciarlo con un comunicato ufficiale è stato proprio l’amministratore delegato del gruppo Campari, Bob Kunze-Concewitz.

Concewitz ha infatti spiegato che l’aumento delle materie prime e dei costi logistici ha costretto il gruppo Campari ad adeguare i prezzi giocando al rialzo.

In un’intervista rilasciata a Bloomberg Tv ha dichiarato che “Sfortunatamente dovremo essere più aggressivi del solito sul fronte dei prezzi sui nostri marchi e in tutto il mondo”.

L’amministratore delegato del gruppo Campari spera però di continuare con il trend positivo che, ormai da un po’, le vendite hanno fatto registrare. Questo permetterebbe un consolidamento del marchio che, a sua volta, porterebbe a compensare le tensioni. La volontà è quella di riuscire a mettere in atto nuove misure per essere più efficienti e, in futuro, adeguare i costi.

Campari aumenta i prezzi: ecco perché

Campari è un’azienda solida e affermata in tutto il mondo. Venne fondata a Milano nel 1860 e, da allora, ha contribuito a scrivere la storia del beverage. Nonostante l’indiscussa solidità, non ha potuto fare a meno di adeguare i prezzi per poter coprire l’aumento dei costi.

Insomma, anche se il gruppo ha registrato un aumento annuo del 12,8% delle vendite (nei mesi da luglio a settembre), l’aumento delle materie prime si è fatto sentire. Gli investitori sono stati ufficialmente avvertiti di possibili interruzioni nella catena di approvvigionamento negli Stati Uniti e in Asia L’EBIT, acronimo che sta per utile operativo rettificato, è stato di ben 137 milioni di euro. Stiamo parlando addirittura di 159,4 milioni di dollari.

Il solo Aperol Spritz, uno degli aperitivi più amati in Italia, ha visto un aumento delle vendite del 15,5% solo nel terzo trimestre.

Ma, a quanto pare, non basta! Oltre ai costi logistici, si deve tener conto anche dei rincari di alcol, vetro e zucchero che hanno portato Campari ad optare per un aumento di prezzo di Aperol e Negroni.

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio.

FacebookInstagramYouTube