caffè

Caffè, come si fa? Il caffè è una bevanda ottenuta dalla macinazione dei semi di alcune specie di piccoli alberi appartenenti al genere Coffea. Dai semi di questa pianta, preventivamente tostati e macinati, si ottiene il caffè.

La pianta del caffè è originaria dell’Etiopia ma si è poi diffusa nello Yemen, in Arabia ed in Egitto. Si diffuse in Europa solamente nel XVII secolo con il nome provvisorio di “vino d’Arabia”.

Oggi il caffè si produce essenzialmente in tre grandi zone geografiche.

1. America centrale e del Sud: (circa il 70% della produzione mondiale). Soprattutto in Brasile, Colombia, El Salvador, Guatemala e Messico.

2. Africa centrale: (il 10% della produzione mondiale). Per la maggior parte in Angola, Costa d’Avorio, Etiopia e Uganda.

3. Asia: (il 20% della produzione di caffè) Soprattutto Indonesia (50% del prodotto asiatico) e India, con produzioni in aumento.

Le specie di piante del genere Coffea sono davvero molte; solo due, però, hanno una certa rilevanza economica per la produzione del caffè:

  1. l’arabica
  2. la Coffea canephora, più conosciuta come robusta

Delle due specie esistono poi molte varietà, derivanti da mutazioni naturali e dall’ingegneria genetica.

Dall’arabica si ottiene un caffè di qualità migliore, dal giusto corpo, aromatico, con sapore meno amaro e più persistente. Ha una percentuale di caffeina dell’0,9-1,7%.

La robusta costituisce 1/4 della produzione e produce un caffè di qualità inferiore anche se con molto corpo. E’ caratterizzata per un aroma debole, un gusto molto amaro e una percentuale di caffeina che va dal 1,6 al 2,8%.

Una terza specie, la Coffea liberica, viene coltivata su larga scala ma in quantità molto inferiori alle prime due.

Caffè, tutti i passaggi dalla raccolta alla tostatura

Raccolta

La prima operazione è proprio la raccolta dei chicchi di caffè che avviene attraverso due metodi differenti:

  1. Per picking, un metodo che consiste nella raccolta per rotazione. In pratica i raccoglitori passano più volte tra le piante di caffè raccogliendo solo i frutti giunti a perfetta maturazione. Si tratta però di un metodo molto costoso che viene utilizzato solo per i caffè più pregiati.
  2. Per stripping, il raccoglitore toglie dal ramo della pianta tutto quanto: fiori, frutti immaturi, frutti maturi ma anche frutti marci, corrotti, imperfetti o troppo maturi. E’ un metodo utilizzato per le coltivazioni intensive o per i caffè meno pregiati e più commerciali.

Essiccazione

L’essiccazione può essere effettuata con due metodi:

  1. Lavorazione ad umido: i chicchi vengano posti in enormi vasche di acqua e cerniti sulla base del loro galleggiamento.Viene quindi rimosso il guscio esterno e i chicchi vengono fatti fermentare in modo controllato, dalle 12 alle 48 ore, amplificando la loro aromaticità e dolcezza. Quindi vengono lavati e fatti essiccare al sole e infine vengono selezionati ulteriormente a seconda delle loro dimensioni e in base all’assenza di difetti.
  2. Lavorazione a secco: le drupe vengano poste in enormi aie assolate, e rimescolate continuamente per evitare la formazione di muffe, fino a quando sono completamente essiccate. A questo punto il guscio secco viene frantumato e si liberano i due chicchi di caffè presenti al suo interno. Il metodo a secco viene applicato a caffè raccolti con metodo stripping, e quindi a caffè di minor pregio e selezione.

Tostatura o torrefazione

La tostatura è il processo finale e serve per trasformare il chicco crudo in tostato. I chicchi di caffè vengono introdotti in una macchina che ha al suo interno una temperatura variabile tra i 200 e i 250° Celsius. A seconda del tipo di caffè, la tostatura può durare dai 10 ai 2o minuti. Durante la torrefazione il chicco di caffè subisce una perdita di peso del 15-20%, dovuta all’evaporazione dell’acqua. E’ in questa fase che sui chicchi compare il caffeone, un olio scuro che ne conferisce il caratteristico aroma.

Il caffè tostato è delicato e va trattato con molta cura, ecco perchè è un processo che si svolge nel paese di distribuzione e non nel paese di origine. E’ importante che stia riparato dall’ossigeno e dalla luce e possibilmente che resti bassa temperatura.

Lo sapevi che?

  1. E’ una delle merci più scambiate insieme al petrolio e all’acciaio.
  2. L’Italia è al dodicesimo posto nella classifica dei consumatori di caffè con 5,9 kg di caffè pro-capite. Al primo si trova la Finlandia con un consumo di circa 12 kg di caffè all’anno per persona.
  3. Il paese che consuma meno caffè è il Portorico, con soli 400 grammi di caffè per ogni persona
  4. Gli elefanti sono animali molto golosi di caffè! Dalle loro feci si ricava il “Black Ivory”, uno dei caffè più costosi al mondo con i suoi 50 dollari a tazza.
  5. Forse non sai che una ricerca fatta dall’università di Tel Aviv ha scoperto che il caffè è un ottimo alleato contro il batterio che provoca l’alitosi.
  6. La caffeina può uccidere! Ma, tranquilli, non è così facile avvelenarsi con il caffè. Bisognerebbe infatti bere tra le 80 e le 100 tazze di caffè in un tempo di circa 4 ore.
  7. La Chiesa inizialmente lo definì la “bevanda del diavolo”, per le sue proprietà eccitanti.
  8. Johann Sebastian Bach amava così tanto il caffè che decise di dedicargli una cantata: il Kaffeekantate, eseguita a Lipsia, in Germania, tra il 1732 e il 1735.
  9. Fu il milanese Luigi Bezzera che nel 1901 inventò la prima macchinetta per il caffè.

E ora che sai tutto sul caffè? Impara a prepararlo in modo professionale seguendo un corso caffetteria in grado di darti la formazione necessaria ad aprirti molte opportunità di lavoro.

caffè

ULTIME DAL BLOG

10Ago 2019
Sangria

La sangria è la bevanda spagnola per antonomasia, il cui nome deriva dal termine spagnolo “sangre” (“sangue”), dovuto al colore rosso rubino anche se esiste una Sangria meno “sanguigna”, chiamata Sangria Blanca a base di spumante o vino bianco molto diffusa in Catalogna. Una bevanda tipicamente estiva, rinfrescante a base di vino, spezie e frutta […]

09Ago 2019
Atomik

Atomik la vodka prodotta nella zona di esclusione di Chernobyl, il primo prodotto di consumo proveniente dall’area abbandonata attorno alla centrale nucleare danneggiata. “La nostra idea era di usare la segale per creare uno spirito”, dice il professor Jim Smith a capo di un team di ricercatori dell’Università inglese di Portsmouth, nel Regno Unito, che […]

07Ago 2019
Robot Barman

Robot Barman: fantascienza o realtà? I Robot sostituiranno i tradizionali baristi, barman e barlady in carne ossa dietro al bancone? Chi lo sa, ma sicuramente un po’ di inquietudine per il futuro la mettono. Nel 2016 i Robot Barman avevano fatto la loro apparizione a bordo delle navi della flotta Royal Caribbean International. B1-0 e […]

19Lug 2019
sex on the beach

Ricetta 4 cl | 1 1/4 oz vodka 2 cl | 3/4 oz Peach Schnapps o Peach Tree (liquore alla pesca) 6 cl | 2 oz succo d’arancia Top succo di cranberry Preparazione Versare la vodka, il Peach Schnapps o Peach Tree e il succo di arancia nello shaker. Aggiungere ghiaccio e shakerare per 8/10 […]

16Lug 2019
throwing

Il throwing è una tecnica di miscelazione che negli ultimi anni ha trovato larghi consensi tra i bartender di tutto il mondo, ma che ha origini molto antiche. Le popolazioni asiatiche la utilizzavano e la utilizzano ancora oggi per raffreddare il tè caldo. Anche in Spagna, questa tecnica era conosciuta ed utilizzata nel rituale del […]

12Lug 2019
boulevardier

Ricetta 1/3 | 3 cl | 1 oz bourbon whiskey 1/3 | 3 cl | 1 oz bitter Campari 1/3 | 3 cl | 1 oz vermouth rosso Guarnizione: scorza di aarancia Preparazione Versare tutti gli ingredienti nel mixing glass, precedentemente raffreddato. Aggiungere ghiaccio e mescolare per circa 10 secondi. Filtrare il contenuto del mixing […]

09Lug 2019
Varianti intriganti dello Spritz

Varianti intriganti dello Spritz Lo Spritz è senza dubbio il cocktail aperitivo italiano per antonomasia, facile da preparare e facile da bere. Si versano all’interno del calice da vino pieno di ghiaccio , Aperol o Campari , prosecco, una spruzzata di acqua gassata e il gioco è fatto!  Il nome Spritz, di origine austriaca, deriva infatti dal verbo “spritzen” che […]

05Lug 2019
Jim Beam

Jim Beam: in fiamme 45.000 barili di bourbon! Negli Stati Uniti e più precisamente a Versailles, nel Kentucky, un incendio ha distrutto un enorme magazzino di Jim Beam, mandando in fiamme 45.000 barili di bourbon. L’incendio è scoppiato intorno alle 23:30 locali di martedì 2 luglio. Chi o cosa possa aver provocato l’incendio è ancora […]

02Lug 2019
Sazerac

SAZERAC Ricetta 1 ¾ oz | 5 cl | Cognac ¾ oz | 2 cl | Assenzio 1 | Zolletta di zucchero 1 dashes | Peychaud’s Bitters Preparazione Riempire un tumbler basso di ghiaccio. In un mixing glass mettere la zolletta di zucchero bagnata di Peychaud’s Bitters, il Cognac e sciogliere tutto con il pestello. […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi