caffè

Caffè, come si fa? Il caffè è una bevanda ottenuta dalla macinazione dei semi di alcune specie di piccoli alberi appartenenti al genere Coffea. Dai semi di questa pianta, preventivamente tostati e macinati, si ottiene il caffè.

La pianta del caffè è originaria dell’Etiopia ma si è poi diffusa nello Yemen, in Arabia ed in Egitto. Si diffuse in Europa solamente nel XVII secolo con il nome provvisorio di “vino d’Arabia”.

Oggi il caffè si produce essenzialmente in tre grandi zone geografiche.

1. America centrale e del Sud: (circa il 70% della produzione mondiale). Soprattutto in Brasile, Colombia, El Salvador, Guatemala e Messico.

2. Africa centrale: (il 10% della produzione mondiale). Per la maggior parte in Angola, Costa d’Avorio, Etiopia e Uganda.

3. Asia: (il 20% della produzione di caffè) Soprattutto Indonesia (50% del prodotto asiatico) e India, con produzioni in aumento.

Le specie di piante del genere Coffea sono davvero molte; solo due, però, hanno una certa rilevanza economica per la produzione del caffè:

  1. l’arabica
  2. la Coffea canephora, più conosciuta come robusta

Delle due specie esistono poi molte varietà, derivanti da mutazioni naturali e dall’ingegneria genetica.

Dall’arabica si ottiene un caffè di qualità migliore, dal giusto corpo, aromatico, con sapore meno amaro e più persistente. Ha una percentuale di caffeina dell’0,9-1,7%.

La robusta costituisce 1/4 della produzione e produce un caffè di qualità inferiore anche se con molto corpo. E’ caratterizzata per un aroma debole, un gusto molto amaro e una percentuale di caffeina che va dal 1,6 al 2,8%.

Una terza specie, la Coffea liberica, viene coltivata su larga scala ma in quantità molto inferiori alle prime due.

Caffè, tutti i passaggi dalla raccolta alla tostatura

Raccolta

La prima operazione è proprio la raccolta dei chicchi di caffè che avviene attraverso due metodi differenti:

  1. Per picking, un metodo che consiste nella raccolta per rotazione. In pratica i raccoglitori passano più volte tra le piante di caffè raccogliendo solo i frutti giunti a perfetta maturazione. Si tratta però di un metodo molto costoso che viene utilizzato solo per i caffè più pregiati.
  2. Per stripping, il raccoglitore toglie dal ramo della pianta tutto quanto: fiori, frutti immaturi, frutti maturi ma anche frutti marci, corrotti, imperfetti o troppo maturi. E’ un metodo utilizzato per le coltivazioni intensive o per i caffè meno pregiati e più commerciali.

Essiccazione

L’essiccazione può essere effettuata con due metodi:

  1. Lavorazione ad umido: i chicchi vengano posti in enormi vasche di acqua e cerniti sulla base del loro galleggiamento.Viene quindi rimosso il guscio esterno e i chicchi vengono fatti fermentare in modo controllato, dalle 12 alle 48 ore, amplificando la loro aromaticità e dolcezza. Quindi vengono lavati e fatti essiccare al sole e infine vengono selezionati ulteriormente a seconda delle loro dimensioni e in base all’assenza di difetti.
  2. Lavorazione a secco: le drupe vengano poste in enormi aie assolate, e rimescolate continuamente per evitare la formazione di muffe, fino a quando sono completamente essiccate. A questo punto il guscio secco viene frantumato e si liberano i due chicchi di caffè presenti al suo interno. Il metodo a secco viene applicato a caffè raccolti con metodo stripping, e quindi a caffè di minor pregio e selezione.

Tostatura o torrefazione

La tostatura è il processo finale e serve per trasformare il chicco crudo in tostato. I chicchi di caffè vengono introdotti in una macchina che ha al suo interno una temperatura variabile tra i 200 e i 250° Celsius. A seconda del tipo di caffè, la tostatura può durare dai 10 ai 2o minuti. Durante la torrefazione il chicco di caffè subisce una perdita di peso del 15-20%, dovuta all’evaporazione dell’acqua. E’ in questa fase che sui chicchi compare il caffeone, un olio scuro che ne conferisce il caratteristico aroma.

Il caffè tostato è delicato e va trattato con molta cura, ecco perchè è un processo che si svolge nel paese di distribuzione e non nel paese di origine. E’ importante che stia riparato dall’ossigeno e dalla luce e possibilmente che resti bassa temperatura.

Lo sapevi che?

  1. E’ una delle merci più scambiate insieme al petrolio e all’acciaio.
  2. L’Italia è al dodicesimo posto nella classifica dei consumatori di caffè con 5,9 kg di caffè pro-capite. Al primo si trova la Finlandia con un consumo di circa 12 kg di caffè all’anno per persona.
  3. Il paese che consuma meno caffè è il Portorico, con soli 400 grammi di caffè per ogni persona
  4. Gli elefanti sono animali molto golosi di caffè! Dalle loro feci si ricava il “Black Ivory”, uno dei caffè più costosi al mondo con i suoi 50 dollari a tazza.
  5. Forse non sai che una ricerca fatta dall’università di Tel Aviv ha scoperto che il caffè è un ottimo alleato contro il batterio che provoca l’alitosi.
  6. La caffeina può uccidere! Ma, tranquilli, non è così facile avvelenarsi con il caffè. Bisognerebbe infatti bere tra le 80 e le 100 tazze di caffè in un tempo di circa 4 ore.
  7. La Chiesa inizialmente lo definì la “bevanda del diavolo”, per le sue proprietà eccitanti.
  8. Johann Sebastian Bach amava così tanto il caffè che decise di dedicargli una cantata: il Kaffeekantate, eseguita a Lipsia, in Germania, tra il 1732 e il 1735.
  9. Fu il milanese Luigi Bezzera che nel 1901 inventò la prima macchinetta per il caffè.

E ora che sai tutto sul caffè? Impara a prepararlo in modo professionale seguendo un corso caffetteria in grado di darti la formazione necessaria ad aprirti molte opportunità di lavoro.

caffè

ULTIME DAL BLOG

17Giu 2019
Quinta da Pacheca

Vacanze alternative? Ecco la soluzione che fa per voi! Non avete ancora prenotato per le vacanze estive e siete alla ricerca di qualcosa alternativo? Dormire in una grande botte di vino, circondato da un vigneto potrebbe essere la soluzione che fa per voi. Tra le rinomate colline del prosecco, a Vittorio Veneto, a pochi chilometri […]

15Giu 2019
midori

Midori…o si odia o si ama! Nell’era della mixology, per un bartender avere una bottiglia di Midori nella bottigliera alle proprie spalle o nello speed rack, non è sicuramente motivo di vanto. Un segno indelebile degli anni ’80 e ’90 quando i cocktail avevano e colori sgargianti! Gli stessi anni in cui Tom Cruise interpretava, […]

12Giu 2019
pub per nudisti

Pub per nudisti? Bere una birra completamente nudi e vivere un’esperienza fuori dal comune? A Londra è possibile. Il The Coach and Horses uno dei più antichi pub di Londra ha ottenuto la licenza per il nudismo ed ora entrando nel locale, si potranno togliere tutti i vestiti, senza limitarsi solo al cappotto… Lo stravagante proprietario […]

10Giu 2019
bio-bottle

Bio Bottle Sant’Anna è la prima bottiglia al mondo prodotta con PLA, un particolare polimero che si ricava dalla fermentazione degli zuccheri contenuti nelle piante, biodegradabile al 100%, che in soli 80 giorni torna semplicemente a far parte della natura, come certifica la conformità alla norma EN13432. Inoltre questa innovativa bioplastica ottenuta da materie prime […]

06Giu 2019
anni 90

Anni 90: i cocktail che hanno segnato un’epoca. Oggigiorno, viviamo in un particolare momento storico segnato dall’avvento della mixology, dove molto spesso il cliente ne sa più del bartender e giustamente si lamenta se non c’è la giusta dose di ogni ingrediente nel cocktail. Facciamo i “fighi” chiedendo un Moscow Mule con lo zenzero fresco, […]

03Giu 2019
mipig cafè

Mipig Cafè: a Tokyo, il tè e il caffè si sorseggia coccolando piccoli maialini. Una volta c’erano i neko cafè, ovvero i locali all’interno dei quali i gatti potevano scorrazzare liberamente e prendersi le coccole dei clienti. Questa moda, divenuta famosa anche in Europa, era stata lanciata in Giappone che attualmente pullula di bar in […]

01Giu 2019

Canù è la prima cannuccia di pasta biologica, senza glutine, fatta di mais e riso, biodegradabile e soprattutto commestibile. Dal 2021, finalmente, la plastica monouso non esisterà più e molte aziende stanno lavorando per trovare soluzioni alternative. A concepire una soluzione alternativa per le cannucce ci ha pensato la Cooperativa Campo, azienda di Fossombrone nelle Marche nata nel […]

28Mag 2019
Sea-Breeze

Sea Breeze, un cocktail estivo, un long drink leggero a base di vodka, succo di cranberry e pompelmo fresco, facile da preparare e da bere. Ricetta 4 cl | 1 ¼ oz vodka 9 cl | 3 oz succo di cranberry 3 cl | 1 oz succo di pompelmo Preparazione Versare gli ingredienti in un […]

24Mag 2019
Jägermeister Slayer

Jägermeister Slayer la limited edition per celebrare l’ultimo tour della band statunitense. Jägermeister lancia una bottiglia in edizione limitata in onore degli Slayer per il loro ultimo tour e della loro prossima esibizione al Download Festival UK, il 16 giugno. Il liquore amaro tedesco, nasce dall’infusione di 56 varietà di pregiate erbe, radici, frutti e […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi