Blue Blazer: ricetta, preparazione e storia

blue blazer

Blue Blazer
Blue Blazer, il cocktail di Jerry Thomas.

Ricetta
  • 1 calice di whiskey scozzese
  • 1 calice di acqua bollente

Preparazione: versare il whiskey e l’acqua bollente in un boccale, dar fuoco al liquido e mentre sta bruciando versarlo da un boccale all’altro quattro o cinque volte, in modo che si mescoli bene. Se l’operazione è ben eseguita, sembrerà una cascata di fuoco liquido. Questa particolare tecnica di miscelazione prende il nome di Throwing. Maggiore è la distanza tra i due boccali durante il throwing e più bella e spettacolare sarà la fiamma azzurra. Estinguere la fiamma coprendo il boccale fiammeggiante con la base dell’altro boccale. Dolcificare con un cucchiaino da te di zucchero bianco polverizzato, e servire in piccoli tumbler con 1 pezzetto di scorza di limone. Vista la presenza di un liquido infuocato, e la particolare tecnica di preparazione, vi consigliamo di esercitarvi solamente  con l’acqua prima di passare al whisky. Preparare un Blue Blazer cocktail è potenzialmente pericoloso solo per il barman (o la barlady) dal momento che il drink viene servito al cliente già “spento”.

Cerchi Lavoro? Diventa un Bartender Professionista

Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corsi Professionali Certificati. Attestato Riconosciuto. Inserimento nel Mondo del Lavoro al Termine del Corso.

Storia

A molti di voi il termine Blue Blazer farà pensare alla giacca sportiva con bottoni in metallo e uno stemma sul taschino, ma per chi ama i cocktail il Blue Blazer è molto di più: il cocktail inventato da Jerry Thomas una vera e propria leggenda, il padre fondatore del bartending e della mixology moderna.
Jerry Thomas è anche l’autore del primo libro di bevande mai pubblicato negli Stati Uniti: “The Bar-Tender’s Guide: How to Mix Drinks or The Bon-Vivant’s Companion”  noto in Italia come Il Manuale del Vero Gaudente, aggiornato più volte dallo stesso durante la sua carriera che comprende molte sue ricette tra cui il Blue Blazer.

La peculiarità di questo cocktail è senz’altro la preparazione: il bartender deve versare il whiskey in un boccale e acqua bollente nell’altro, quindi accendere il whiskey, con un fiammifero o con un accendino, e mentre arde versarlo nel boccale con l’acqua.

Questa tecnica, oggi nota come Throwing, va ripetuta almeno per 4 o 5 volte, aumentando il più possibile la distanza tra i boccali per creare una bellissima fiamma azzurra che li unisce.

Uno spettacolo per il cliente che guarda!

L’obiettivo del “Professor” Jerry Thomas, era proprio questo: attirare l’attenzione dei suoi avventori tecniche appariscenti e spettacolari.

Non a caso questo il Blue Blazer viene da molti considerato il cocktail da cui nasce il “flair“, l’insieme delle tecniche acrobatiche per rendere spettacolare il lavoro del barman.

Se vuoi approfondire le conoscenze sul mondo dei cocktail e sulla professione del barman e della barlady, FPU Barman Academy ente di formazione accreditato dalla Regione Lazio, propone un corso ad hoc: il corso da Barman e Barlady.
Se desideri imparare a realizzare i tuoi cocktail in modo “acrobatico” per conquisterai i tuoi clienti con performance ed evoluzioni spettacolari il corso più indicato per le tue esigenze è il corso di flair.

Cerchi Lavoro? Diventa un Bartender Professionista

Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corsi Professionali Certificati. Attestato Riconosciuto. Inserimento nel Mondo del Lavoro al Termine del Corso.

FacebookInstagramYouTube