Blue Blazer
Blue Blazer, il cocktail di Jerry Thomas.

Ricetta
  • 1 calice di whiskey scozzese
  • 1 calice di acqua bollente

Preparazione: versare il whiskey e l’acqua bollente in un boccale, dar fuoco al liquido e mentre sta bruciando versarlo da un boccale all’altro quattro o cinque volte, in modo che si mescoli bene. Se l’operazione è ben eseguita, sembrerà una cascata di fuoco liquido. Questa particolare tecnica di miscelazione prende il nome di Throwing. Maggiore è la distanza tra i due boccali durante il throwing e più bella e spettacolare sarà la fiamma azzurra. Estinguere la fiamma coprendo il boccale fiammeggiante con la base dell’altro boccale. Dolcificare con un cucchiaino da te di zucchero bianco polverizzato, e servire in piccoli tumbler con 1 pezzetto di scorza di limone. Vista la presenza di un liquido infuocato, e la particolare tecnica di preparazione, vi consigliamo di esercitarvi solamente  con l’acqua prima di passare al whisky. Preparare un Blue Blazer cocktail è potenzialmente pericoloso solo per il barman (o la barlady) dal momento che il drink viene servito al cliente già “spento”.

Storia

A molti di voi il termine Blue Blazer farà pensare alla giacca sportiva con bottoni in metallo e uno stemma sul taschino, ma per chi ama i cocktail il Blue Blazer è molto di più: il cocktail inventato da Jerry Thomas una vera e propria leggenda, il padre fondatore del bartending e della mixology moderna.
Jerry Thomas è anche l’autore del primo libro di bevande mai pubblicato negli Stati Uniti: “The Bar-Tender’s Guide: How to Mix Drinks or The Bon-Vivant’s Companion”  noto in Italia come Il Manuale del Vero Gaudente, aggiornato più volte dallo stesso durante la sua carriera che comprende molte sue ricette tra cui il Blue Blazer.

La peculiarità di questo cocktail è senz’altro la preparazione: il bartender deve versare il whiskey in un boccale e acqua bollente nell’altro, quindi accendere il whiskey, con un fiammifero o con un accendino, e mentre arde versarlo nel boccale con l’acqua.

Questa tecnica, oggi nota come Throwing, va ripetuta almeno per 4 o 5 volte, aumentando il più possibile la distanza tra i boccali per creare una bellissima fiamma azzurra che li unisce.

Uno spettacolo per il cliente che guarda!

L’obiettivo del “Professor” Jerry Thomas, era proprio questo: attirare l’attenzione dei suoi avventori tecniche appariscenti e spettacolari.

Non a caso questo il Blue Blazer viene da molti considerato il cocktail da cui nasce il “flair“, l’insieme delle tecniche acrobatiche per rendere spettacolare il lavoro del barman.

Se vuoi approfondire le conoscenze sul mondo dei cocktail e sulla professione del barman e della barlady, FPU Barman Academy ente di formazione accreditato dalla Regione Lazio, propone un corso ad hoc: il corso da Barman e Barlady.
Se desideri imparare a realizzare i tuoi cocktail in modo “acrobatico” per conquisterai i tuoi clienti con performance ed evoluzioni spettacolari il corso più indicato per le tue esigenze è il corso di flair.

ULTIME DAL BLOG

17Giu 2019
Quinta da Pacheca

Vacanze alternative? Ecco la soluzione che fa per voi! Non avete ancora prenotato per le vacanze estive e siete alla ricerca di qualcosa alternativo? Dormire in una grande botte di vino, circondato da un vigneto potrebbe essere la soluzione che fa per voi. Tra le rinomate colline del prosecco, a Vittorio Veneto, a pochi chilometri […]

15Giu 2019
midori

Midori…o si odia o si ama! Nell’era della mixology, per un bartender avere una bottiglia di Midori nella bottigliera alle proprie spalle o nello speed rack, non è sicuramente motivo di vanto. Un segno indelebile degli anni ’80 e ’90 quando i cocktail avevano e colori sgargianti! Gli stessi anni in cui Tom Cruise interpretava, […]

12Giu 2019
pub per nudisti

Pub per nudisti? Bere una birra completamente nudi e vivere un’esperienza fuori dal comune? A Londra è possibile. Il The Coach and Horses uno dei più antichi pub di Londra ha ottenuto la licenza per il nudismo ed ora entrando nel locale, si potranno togliere tutti i vestiti, senza limitarsi solo al cappotto… Lo stravagante proprietario […]

10Giu 2019
bio-bottle

Bio Bottle Sant’Anna è la prima bottiglia al mondo prodotta con PLA, un particolare polimero che si ricava dalla fermentazione degli zuccheri contenuti nelle piante, biodegradabile al 100%, che in soli 80 giorni torna semplicemente a far parte della natura, come certifica la conformità alla norma EN13432. Inoltre questa innovativa bioplastica ottenuta da materie prime […]

06Giu 2019
anni 90

Anni 90: i cocktail che hanno segnato un’epoca. Oggigiorno, viviamo in un particolare momento storico segnato dall’avvento della mixology, dove molto spesso il cliente ne sa più del bartender e giustamente si lamenta se non c’è la giusta dose di ogni ingrediente nel cocktail. Facciamo i “fighi” chiedendo un Moscow Mule con lo zenzero fresco, […]

03Giu 2019
mipig cafè

Mipig Cafè: a Tokyo, il tè e il caffè si sorseggia coccolando piccoli maialini. Una volta c’erano i neko cafè, ovvero i locali all’interno dei quali i gatti potevano scorrazzare liberamente e prendersi le coccole dei clienti. Questa moda, divenuta famosa anche in Europa, era stata lanciata in Giappone che attualmente pullula di bar in […]

01Giu 2019

Canù è la prima cannuccia di pasta biologica, senza glutine, fatta di mais e riso, biodegradabile e soprattutto commestibile. Dal 2021, finalmente, la plastica monouso non esisterà più e molte aziende stanno lavorando per trovare soluzioni alternative. A concepire una soluzione alternativa per le cannucce ci ha pensato la Cooperativa Campo, azienda di Fossombrone nelle Marche nata nel […]

28Mag 2019
Sea-Breeze

Sea Breeze, un cocktail estivo, un long drink leggero a base di vodka, succo di cranberry e pompelmo fresco, facile da preparare e da bere. Ricetta 4 cl | 1 ¼ oz vodka 9 cl | 3 oz succo di cranberry 3 cl | 1 oz succo di pompelmo Preparazione Versare gli ingredienti in un […]

24Mag 2019
Jägermeister Slayer

Jägermeister Slayer la limited edition per celebrare l’ultimo tour della band statunitense. Jägermeister lancia una bottiglia in edizione limitata in onore degli Slayer per il loro ultimo tour e della loro prossima esibizione al Download Festival UK, il 16 giugno. Il liquore amaro tedesco, nasce dall’infusione di 56 varietà di pregiate erbe, radici, frutti e […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi