birra heineken

Birra Heineken in edizione limitata: ogni bottiglia è unica! A Milano Design Week Heineken ha mostrato al pubblico le nuove etichette, tutte una diversa dall’altra. Tutte uniche! Come è possibilie? Grazie a uno speciale algoritmo in grado di far ‘danzare’ le etichette disegnate in precedenza al ritmo dell’inno della Uefa Championship League.

Ad aprile e maggio le bottiglie di Heineken da 33cl e da 66cl sono tutte diverse. Scopri la serie illimitata con più di 60 milioni di design ispirati dall’inno della Champions League e regalati anche tu un pezzo unico!

Birra Heineken

Nel 1873 un giovane imprenditore chiamato Gerard Heineken scoprì la sua passione per la produzione di birra. Acquistò un pezzo di terra e costruì una fabbrica di birra.  Per anni si dedicò cocmpletamente a quella che era la sua passione più autentica e riuscì a far diventare la propria birra la prima birra chiara olandese. Nei successivi 140 anni, la fabbrica si allargò e oggi, quattro generazioni dopo, la famiglia è ancora appassionata a produrre una birra di altissima qualità.

Al centro del successo di Heineken si trovano ingredienti puri e naturali: orzo maltato, acqua e un altro semplice ma fondamentale ingrediente chiamato Lievito-A che conferisce il caratteristico gusto ricco gusto ed equilibrato.

Al giorno d’oggi, ogni giorno 25 milioni di Heineken vengano servite in 192 paesi.

Birra Heineken in edizione limitata

Da sempre Heineken è un pioniere nell’uso del design per la realizzazione le proprie confezioni. Ne sono esempi la bottiglia di alluminio firmata Ora-Ito omitico il fustino 5 litri The Sub.

Ora si è superata presentando, durante la Milano Design Week al Lambrate Design District, la bottiglia da 33 cl con la nuova etichetta adesiva numerata singolarmente. Super riconoscibile grazie alla grafica bianca, verde e rossa giocata su un disegno esclusivo pop art.
Dietro questo risultato, combine perfetta tra designe e marketing, troviamo Robillant Associati e Studio Evil.

L’algoritmo Heineken per creare l’unicità

Grazie a un programma d’intelligenza artificiale, Heineken sta producendo milioni di etichette uniche e numerate, create per dare identità e unicità a ciascuna bottiglia prodotta.

L’uso di un esclusivo software ha permesso di creare una serie di etichette uniche sulla base di 1000 pattern progettati ad hoc che si animano sulle frequenze della colonna sonora della Uefa Championship League, di cui Heineken è partner da 15 anni.

Cocktail a base di birra

Gli elementi base da cui solitamente si parte per realizzare i cocktail alcolici sono i distillati bianchi (vodka, rum, gin) ma è possibile spingersi oltre e realizzare cocktail anche con la birra. Se alberga in te il vero spirito del bartendere, non farti sfuggire l’occasione di provare a preparare uno di questi cocktail a base di birra.

La birra viene utilizzata in quei cocktail che hanno come ingrediente base lo champagne o il prosecco. Scopri alcune ricette innovative ma collaudate!

Black Velvet

Ingredienti: birra scura e Champagne

Versate in un bicchiere tipo flûte prima la birra e poi lo Champagne, aiutandovi con un cucchiaio, per lasciarlo “galleggiare” in cima al bicchiere.

Velluto giallo

Ingredienti: 1 bicchiere da cocktail di birra chiara, 1 bicchiere da cocktail di champagne, 1 fettina d’ arancia, 1 grossa fragola.

Riempite i bicchieri a metà con la birra molto fredda e aggiungete poi lo champagne anche questo molto freddo. In mancanza dello champagne potete usare anche del Brut.

Tirini One

Ingredienti: birra chiara (60%), Tequila (20%), Red Bull (20%) e mezza fetta di arancia.

Versate direttamente in un bicchiere da birra prima la birra chiara, poi la tequila e infine la Red Bull. Decorare con mezza fetta d’arancia.

Shandy Gaff

Ingredienti: birra chiara (50%) e ginger(50%). Una fettina d’arancia o di limone per guarnire.

Versate per metà in un bicchiere ghiacciato (30 min in freezer) la birra chiara, e l’altra metà con il ginger. Guarnite con una fettina d’arancia o di limone.

Night Cap

Ingredienti: birra chiara di tipo Ale, 2 cucchiaini di zucchero, 2cl di brandy e noce moscata.

Portate la birra quasi all’ebollizione e aggiungete lo zucchero, il brandy e un pizzico di noce moscata. Ricordatevi di servirlo in bicchieri resistenti al calore.

Smeralda

Ingredienti: 2 bicchieri di birra chiara, 4 cucchiai di curuçao, 1 ciliegia

Frittz

Ingredienti: birra chiara (50%), Cointreau (20%), Spumante (30%) e una fettina di limone.

Versate negli appositi bicchieri prima il Cointreau e poi insieme la birra e lo spumante. Agitare il composto con uno stecco da cocktail e abbellire con una fetta di limone.

Spuma di birra

Ingredienti: 3-4 uova, 800-900 ml di birra, 100 gr. di zucchero, cannella in polvere, scorza di limone non trattato.

Sbattete le uova assieme alla birra in una terrina, aggiungete lo zucchero, un pizzico di cannella e il limone grattuggiato. Mettete il tutto sul fuoco e sempre sbattendo con la frusta portate il composto a montatura. Toglietelo dal fuoco prima dell’ ebollizione e sbattetelo ancora per 3-5minuti. Servite in bicchieri resistenti al calore.

ULTIME DAL BLOG

10Ago 2019
Sangria

La sangria è la bevanda spagnola per antonomasia, il cui nome deriva dal termine spagnolo “sangre” (“sangue”), dovuto al colore rosso rubino anche se esiste una Sangria meno “sanguigna”, chiamata Sangria Blanca a base di spumante o vino bianco molto diffusa in Catalogna. Una bevanda tipicamente estiva, rinfrescante a base di vino, spezie e frutta […]

09Ago 2019
Atomik

Atomik la vodka prodotta nella zona di esclusione di Chernobyl, il primo prodotto di consumo proveniente dall’area abbandonata attorno alla centrale nucleare danneggiata. “La nostra idea era di usare la segale per creare uno spirito”, dice il professor Jim Smith a capo di un team di ricercatori dell’Università inglese di Portsmouth, nel Regno Unito, che […]

07Ago 2019
Robot Barman

Robot Barman: fantascienza o realtà? I Robot sostituiranno i tradizionali baristi, barman e barlady in carne ossa dietro al bancone? Chi lo sa, ma sicuramente un po’ di inquietudine per il futuro la mettono. Nel 2016 i Robot Barman avevano fatto la loro apparizione a bordo delle navi della flotta Royal Caribbean International. B1-0 e […]

19Lug 2019
sex on the beach

Ricetta 4 cl | 1 1/4 oz vodka 2 cl | 3/4 oz Peach Schnapps o Peach Tree (liquore alla pesca) 6 cl | 2 oz succo d’arancia Top succo di cranberry Preparazione Versare la vodka, il Peach Schnapps o Peach Tree e il succo di arancia nello shaker. Aggiungere ghiaccio e shakerare per 8/10 […]

16Lug 2019
throwing

Il throwing è una tecnica di miscelazione che negli ultimi anni ha trovato larghi consensi tra i bartender di tutto il mondo, ma che ha origini molto antiche. Le popolazioni asiatiche la utilizzavano e la utilizzano ancora oggi per raffreddare il tè caldo. Anche in Spagna, questa tecnica era conosciuta ed utilizzata nel rituale del […]

12Lug 2019
boulevardier

Ricetta 1/3 | 3 cl | 1 oz bourbon whiskey 1/3 | 3 cl | 1 oz bitter Campari 1/3 | 3 cl | 1 oz vermouth rosso Guarnizione: scorza di aarancia Preparazione Versare tutti gli ingredienti nel mixing glass, precedentemente raffreddato. Aggiungere ghiaccio e mescolare per circa 10 secondi. Filtrare il contenuto del mixing […]

09Lug 2019
Varianti intriganti dello Spritz

Varianti intriganti dello Spritz Lo Spritz è senza dubbio il cocktail aperitivo italiano per antonomasia, facile da preparare e facile da bere. Si versano all’interno del calice da vino pieno di ghiaccio , Aperol o Campari , prosecco, una spruzzata di acqua gassata e il gioco è fatto!  Il nome Spritz, di origine austriaca, deriva infatti dal verbo “spritzen” che […]

05Lug 2019
Jim Beam

Jim Beam: in fiamme 45.000 barili di bourbon! Negli Stati Uniti e più precisamente a Versailles, nel Kentucky, un incendio ha distrutto un enorme magazzino di Jim Beam, mandando in fiamme 45.000 barili di bourbon. L’incendio è scoppiato intorno alle 23:30 locali di martedì 2 luglio. Chi o cosa possa aver provocato l’incendio è ancora […]

02Lug 2019
Sazerac

SAZERAC Ricetta 1 ¾ oz | 5 cl | Cognac ¾ oz | 2 cl | Assenzio 1 | Zolletta di zucchero 1 dashes | Peychaud’s Bitters Preparazione Riempire un tumbler basso di ghiaccio. In un mixing glass mettere la zolletta di zucchero bagnata di Peychaud’s Bitters, il Cognac e sciogliere tutto con il pestello. […]

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Scroll Up

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi