Birra: 6 errori che non sai di commettere quando la bevi. Chi non ama la birra? Rinfresca le estati più torride, è la perfetta compagna della classica pizza tra amici, suggella confidenze al bar…

Nonostante siano in molti a consumare regolarmente birra spesso si commettono piccoli errori involontari che arrivano comunque a comprometterne e ridurre la sua qualità. 

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

Vediamo insieme 6 errori che non sai di commettere quando bevi birra.

1 La temperatura

Quando si serve la birra la temperatura è un fattore fondamentale. E’ bene rispettare la giusta temperatura, sia del bicchiere che della birra stessa.

Bicchiere di birra ghiacciato

Mettere il bicchiere di birra nel freezer o nel frigo è una pratica molto comune. Sono in molti a pensare che sia doveroso averli pronti da usare belli ghiacciati.

Si tratta però di una pratica veramente errata perché causa un aumento del livello di schiuma della birra, uccidendo completamente la carbonatazione e rimuovendo una parte dei suoi aromi.

Molto meglio togliete i vostri bicchieri dal frigo e conservateli a temperatura ambiente. Quando volete guastare una buona birra, passate invece il bicchiere sotto l’acqua fredda. Servirà sia a raffreddarlo che ad eliminare le polveri al suo interno.

Birra gelata

Non è solo una questione di bicchiere! Sono infatti in molti a credere che più una birra è fredda e meglio è.

Ma come, ti starai chiedendo, la birra non si beve gelata? No! Ogni stile ha una sua temperatura di servizio, generalmente riportata in etichetta. Per alcune birre è addirittura richiesta una temperatura che può anche superare i 10°. La birra deve infatti poter sprigionare i suoi sentori ed i suoi sapori. Se la congelate non potrete assaporarne il gusto.

Attenzione, però, questo non significa che va bevuta calda! L’ideale è conservare la birra in frigorifero, versarla ed aspettare un po’ che si scaldi nel bicchiere fino a raggiungere le temperature di servizio consigliate sull’etichetta.

2 Bere la birra dalla bottiglia

Spesso tra amici si preferisce essere informali e rinunciare al bicchiere per brindare bevendo direttamente dalla bottiglia. E’ quasi un rito a cui molti non vogliono rinunciare. Purtroppo però, bevendo in questo modo, non si mischiano gli aromi e si perde gran parte del sapore della bevanda.

3 La doppio malto è più forte

Che la birra doppio malto sia più forte è spesso vero, ma non sempre!

Forse non tutti sanno che la definizione “doppio malto” (o anche triplo) non indica la quantità di malti, ma è semplicemente una dicitura di legge. Una legge chiara solo ai fini della tassazione ma non per definire la birra per l’utente finale.

La legge n.1354 che regola la Disciplina igienica della produzione e del commercio della birra afferma che:

“La denominazione ”birra” è riservata al prodotto con grado Plato superiore a 10,5 e con titolo alcolometrico volumico superiore a 3,5%; tale prodotto può essere denominato ”birra speciale” se il grado Plato non è inferiore a 12,5 e ‘‘birra doppio malto” se il grado Plato non è inferiore a 14,5.”

Per grado plato non si intende però la gradazione alcolica ma ad un’altra caratteristica della birra.

In linea generale più è alto il grado plato e maggiore è la gradazione alcolica, ma non è sempre vero. Chiedere una doppio malto per avere una birra più forte è un errore, soprattutto se parliamo di birre artigianali.

4 Conservarla nel posto sbagliato

La birra può subire variazioni negative da un’eccessiva esposizione alla luce. L’ideale sarebbe acquistare birre in bottiglie scure o, meglio ancora, in lattina. E una volta a casa? Conservate la vostra birra in frigorifero o, qualora non fosse possibile, in un luogo che la tenga al riparo dalla luce.

5 Conservare la birra a lungo

Avere in casa sempre a disposizione una buona birra è un’ottima abitudine. Ma conservare troppo a lungo la birra finisce per deteriorarne il gusto. La birra dovrebbe essere consumata in tempi relativamente brevi per non farle perdere la sua caratteristica fragranza.

6 Birra: schiuma si o no?

La schiuma è un difetto o ci vuole? La questione è scottante! Iniziamo subito col dire che la birra non ha bisogno di prendere aria come il vino (tranne rare eccezioni), anzi ne soffre il contatto.

La schiuma serve proprio a proteggere dall’ossidazione la birra, preservandone le sfumature e gli odori consentendo così di avere sempre il sorso perfetto.

La schiuma è dunque funzionale ad una buona birra e non un mezzo per fregare il consumatore finale. Senza contare poi che una schiuma persistente è generalmente anche sinonimo di una birra ben prodotta.

Anche in questo caso non c’è una regola precisa ed è importante sapere che ogni stile ha una sua indicazione da seguire ed un suo bicchiere da usare.

Perché quando versiamo la birra si fa troppa schiuma? Ecco qualche tips per versare la birra nel modo più corretto:

  • Lava bene il bicchiere senza però esagerare con l’uso di detergenti.
  • Bagna l’interno del bicchiere perché un bicchiere asciutto vi farà fare tantissima schiuma.
  • Scegli il bicchiere più adatto alla birra che stai versando.
  • Inclina il bicchiere di circa 45° e versa delicatamente la vostra birra. Quando arrivi a metà bicchiere, continua a versare la birra ma raddrizza il bicchiere.

Non mi resta che augurarvi una buona bevuta!

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Iscriviti Subito e Risparmi 200€.

ULTIME DAL BLOG

Buchette del vino a Firenze

Buchette del vino: cosa sono le antiche finestrelle che stanno tornando di moda in Toscana? Forse non tutti sanno che a Firenze, sulle mura di parecchi palazzi del centro storico, esistono alcune curiose aperture di piccole dimensioni usate per la vendita del vino direttamente in strada e sono appunto chiamate le buchette del vino. Diventa un Bartender Professionista […]

Burger king chiede la Stella Michelin

Burger King chiede una stella Michelin… Sembra una favola ma è realtà. In fondo siamo tutti portati a tifare per chi parte dal basso ed arriva a toccare le stelle. Per l’eroe un po’ umile e dimesso che invece riesce a dare prova del proprio valore. A rendere il sogno più reale del vero, a […]

Don Geppi Restourant

Don Geppi: recensione del ristorante eletto cocktail bar dell’anno. Il ristorante stella Michelin Don Geppi a Sant’Agnello, in Costiera Sorrentina, riconferma la sua eccellenza venendo eletto cocktail bar dell’anno. Don Geppi è il ristorante Gourmet dell’Hotel Majestic Palace Lavorare Viaggiando o Viaggiare Lavorando? Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo! Corsi Barman […]

James Bond Martini

James Bond, tra romanzi e film, è diventato un’icona della mixology. Dal primo film, Licenza di uccidere del 1962 fino al tanto atteso No Time To Die i cocktail (ma anche la birra e lo champagne) hanno sempre un ruolo da coprotagonisti. L’uscita di No Time To Die, il nuovo film di James Bond, è […]

Nespresso Vertuo

Nespresso Vertuo, il nuovo sistema che ti fa fare a casa il caffè come al bar. Nespresso ha infatti deciso di rivoluzionare il suo celebre sistema per il caffé a capsule tanto amato in italia nonostante la grande tradizione del caffè al bar. Nespresso Vertuo Vertuo è il nome assegnato dall’azienda svizzera al suo nuovo […]

world vermouth award

World Vermouth Awards premia riserva Carlo Alberto White di Compagnia dei Caraibi. Compagnia dei Caraibi, azienda piemontese che importa e distribuisce distillati di alta qualità da tutto il mondo, aggiunge un importante riconoscimento al novero dei suoi brand premiati. Riserva Carlo Alberto White, una delle referenze ultra premium di Compagnia dei Caraibi ha infatti ottenuto un’oro […]

birra 6 errori da evitare

Birra: 6 errori che non sai di commettere quando la bevi. Chi non ama la birra? Rinfresca le estati più torride, è la perfetta compagna della classica pizza tra amici, suggella confidenze al bar… Nonostante siano in molti a consumare regolarmente birra spesso si commettono piccoli errori involontari che arrivano comunque a comprometterne e ridurre la sua qualità.  Cerchi […]

cocktail, origine dei nomi

I cocktail più famosi al mondo hanno nomi esotici, vocativi, misteriosi… Spesso la loro origine è incerta ma è altrettanto vero che l’aura di mistero che li circonda contribuisce ad incrementarne il fascino. Scopriamo insieme l’origine dei nomi di alcuni dei cocktail più famosi al mondo. Lavorare Viaggiando o Viaggiare Lavorando? Diventa un Bartender Professionista […]

Winelivery

Winelivery è una start up nata da un’esigenza: non restare mai senza la possibilità di fare un bel brindisi. Non a caso l’idea è nata da tre ragazzi che, in una serata tra amici, si sono ritrovati senza neanche una bottiglia da stappare. Ecco perché ora puntano tutto sul trasporto veloce e gratuito, oltre che […]

Inviaci una mail
+39 06 66410497
WhatsApp +39 339 2123387
WhatsApp Chat
Orari di Ufficio: 09.00 - 13.30
Invia via WhatsApp

Contact Form