Acqua frizzante: sfatiamo qualche falso mito

Acqua frizzante

Acqua frizzante

Tutti i medici e nutrizionisti ci dicono di bere due litri di acqua al giorno, ma quale bere, quella frizzante o quella naturale?
E soprattutto, l’acqua frizzante fa ingrassare? Fa male? Aiuta a digerire? È più dissetante?

Diventa un Bartender Professionista e Lavori in Tutto il Mondo

Corso Professionale Certificato. Attestato Riconosciuto. Scuola Accreditata dalla Regione Lazio.

Cerchiamo di fare un pò di chiarezza.
Innanzitutto l’acqua frizzante può essere effervescente naturale, quando l’anidride carbonica è presente originariamente (dalla sorgente), oppure frizzante artificialmente, quando l’anidride carbonica viene addizionata volutamente mediante un processo detto carbonazione. In base al contenuto di anidride carbonica, l’acqua può essere frizzante o leggermente frizzante.

L’acqua frizzante è più dissetante?
Il potere dissetante è lo stesso: il fatto che molte persone sostengano che l’acqua gassata e sia più dissetante è semplicemente dovuto al fatto che le bollicine stimolano i recettori del gusto presenti sul palato, donando pertanto una maggiore sensazione di freschezza in bocca. Inoltre è importante precisare che la capacità di idratazione dell’acqua gassata è pari a quella dell’acqua naturale.

L’acqua frizzante fa ingrassare?
Una ricerca condotta da un team di esperti della Birzeit University di Ramallah in Palestina ha sperimentato sugli studenti le proprietà dell’acqua gassata e di quella liscia dividendo i soggetti in due gruppi: a parità di cibo ingerito, ad una parte è stata somministrata la prima, ad un’altra parte la seconda.
Coloro che hanno bevuto acqua gasata avevano livelli più elevati dell’ormone che stimola la fame, e sono aumentati di peso rispetto all’altro gruppo.
Secondo gli scienziati, la produzione dell’ormone della fame sarebbe dovuta proprio all’acido carbonico presente nell’acqua gassata.

L’acqua frizzante fa male?
L’acqua gassata contiene più minerali (in particolare sodio, magnesio, potassio e calcio) rispetto a quella naturale. Apparentemente sembrerebbe un vantaggio, ma in realtà si tratta di minerali inorganici non facilmente assimilabili dall’organismo. Inoltre, la maggior presenza di queste sostanze può determinare ritenzione idrica.
Sempre per la presenza di sali, l’acqua frizzante è anche sconsigliata in chi soffre di pressione alta.

Le bollicine contenute nell’acqua gassata possono determinare dilatazione delle pareti gastriche con conseguenti gonfiore addominale, aerofagia e meteorismo.

L’acqua gassata può causare problemi ai denti, poiché l’anidride carbonica che contiene attacca lo smalto. Se proprio non potete farne a meno usate la cannuccia.

L’acqua frizzante aiuta a digerire?
L’acqua frizzante, stimola la secrezione dei succhi gastrici, ma non è vero che tale proprietà favorisca la digestione, quantomeno in modo significativo. Un effetto digestivo lieve può essere percepito da chi soffre di digestione lenta, ma non da chi ha disturbi più significativi, per i quali invece non c’è nessun effetto positivo. Inoltre la proprietà dell’acqua frizzante di stimolare la secrezione dei succhi gastrici può creare disturbi nelle persone che soffrono di gastrite e di reflusso gastro-esofageo. L’acqua frizzante è quindi da evitare assolutamente in caso di reflusso, acidità gastrica, gastrite o ulcere gastriche.

Cerchi Lavoro? Diventa un Bartender Professionista

Scuola Accreditata dalla Regione Lazio. Corsi Professionali Certificati. Attestato Riconosciuto. Inserimento nel Mondo del Lavoro al Termine del Corso.

FacebookInstagramYouTube